Archivi del mese: Febbraio 2015

PD allo sfascio

Sicilia 2015, fuga dal Pd. 500 iscritti lasciano il partito: “E’ come Forza Italia del 2001”

“Il Pd siciliano? Ha ormai le stesse facce che si trovavano in Forza Italia, ai tempi del 61 a 0 del 2001”. Parola di Erasmo Palazzotto, deputato di Sinistra Ecologia e Libertà, che ha presentato a Palermo l’esodo dal Pd di oltre 500 iscritti. “Davide Faraone – ha spiegato Palazzotto – ha dichiarato che il Pd è paragonabile al centrodestra dopo il 61 a 0: è l’affermazione più vera che abbia fatto. Il problema è che il Pd non ha assunto solo i modi, ma anche i volti di un sistema di potere che ha governato la Sicilia per 30 anni. Qui Renzi ha fatto solo un lifting, nessuna rottamazione”. Il riferimento è per l’entrata tra i democrat dei cinque deputati diArticolo 4, tutti provenienti dall’Udc che fu di Totò Cuffaro, e dal Mpa di Raffaele Lombardo. “In 500 non ci siamo più riconosciuti in questo partito, che non parla più col centro sinistra ma con il centro destra: le facce sono le stesse di sempre”, spiegaValentina Spata, leader degli “esuli democratici” e portavoce della corrente di Pippo Civati in Sicilia. “Ormai qui si rischia l’estinzione di minoranze e maggioranze”, continua. All’orizzonte la creazione di un nuovo polo elettorale a sinistra del Pd, che punta a dialogare anche con il Movimento 5 Stelle. La stessa Spata guadagnò notorietà quando decise di appoggiare pubblicamente il candidato sindaco del M5S alle amministrative della sua città, Ragusa, boicottando l’aspirante sindaco sostenuto dal Pd. “Io continuerà a interloquire con gli esponenti del Movimento, che secondo me inSicilia è migliore rispetto alle altre realtà: per cercare il bene di questa terra occorre parlare con le forze più sane che sono in campo”  di Pietro Giammona e Giuseppe Pipitone  

28 febbraio 2015
Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Bronte, Siracusa e poi Messina, la storia di Mattia

 

Muore un neonato per una diagnosi errata

CARMEN VALISANO 28 FEBBRAIO 2015

CRONACA – Un’infezione non riconosciuta. Poi il parto urgente, avvenuto solo dopo il trasferimento nella città aretusea perché nel Catanese nessuno aveva posti a disposizione. Dopo la nascita il lento percorso di ripresa, bruscamente interrotto da un problema polmonare. Lo spostamento nel policlinico messinese dove arriva la diagnosi letale: acidosi metabolica irreversibile. Il piccolo è morto ieri, i genitori hanno sporto denuncia

Un’infezione non riconosciuta, un parto difficile avvenuto solo dopo che per tante volte la partoriente era stata rifiutata da altri ospedali, un problema polmonare insorto dopo il cambio dell’incubatrice. In mezzo un macchinarioche a detta di uno dei medici non sarebbe stato funzionante. Una vicenda che, proprio nei giorni nei quali infuriavano le polemiche per la vicenda della piccolaNicole, vede ancora una volta la morte di un neonato, Mattia. A riportare per prima la notizia è la testata LiveSicilia. La tragica storia parte in provincia di Catania, a Bronte, paese natale dei genitori. «La signora si fa seguire in quell’ospedale», racconta a Meridionews Dario Pastore, legale della coppia. Alla base di tutto «ci sarebbe una omessa diagnosi di una infezione vaginale così grave e non individuata da aver determinato la rottura della placenta e il parto prematuro. Il condizionale è d’obbligo, dato che ci sarà un’inchiesta».

La donna «viene ricoverata due volte. Quando le si rompono le acque, prima che il bambino nasca, viene trasferita all’Umberto I di Siracusa, nel reparto di terapia intensiva neonatale». Viene scelta la struttura aretusea perché «tutti gli ospedali negano il posto in ginecologia», chiarisce l’avvocato. Che aggiunge: «Anche questo sarà oggetto di indagini». A Siracusa «le fanno la diagnosi dell’infezione» e il piccolo viene al mondo. È il 19 gennaio, «il ricovero si protrae fino al 25 febbraio – racconta Pastore – Il bambino migliora, fino a quando il 18 febbraio viene cambiata l’incubatrice e poco dopo viene riscontrata al bambino una grave infezione polmonare. Cosa che prima non c’era», puntualizza.

Sono i giorni immediatamente successivi alla morte di Nicole, deceduta in ambulanza perché non c’era posto per lei nelle strutture neonatali del Catanese. «In quel momento c’era l’ispezione ministeriale voluta dal ministroBeatrice Lorenzin e dall’assessore Lucia Borsellino, i genitori vedevano nel reparto di terapia neonatale del movimento», riporta l’avvocato. Nella struttura siracusana, secondo il padre e la madre del piccolo Mattia, le apparecchiature non sarebbero state a norma. «A Mattia manca il lembo osseo che separa le due narici – spiega l’avvocato che riporta il racconto della coppia – perché a dire di un medico il macchinario c-pap (che serve ad alleviare problemi respiratori, ndr) era difettoso», ripete.

La situazione precipita pochi giorni fa, il 25 febbraio. «Il primario chiama la signora e le dice che il bambino aveva bisogno di terapia ossidonitrica». Nulla di urgente o di pericoloso, la rassicurano. Mattia viene dunque trasferito al policlinico di Messina, dove ai genitori viene detto che la terapia prescritta a Siracusa è l’ultima delle preoccupazioni. «I parametri vitali erano tutti fuori norma, il bambino era affetto da una grave acidosi metabolica (l’aumento degli acidi nel sangue, ndr) che non è stata curata. Irreversibile. Ieri è morto».

Stamattina i genitori del bambino hanno sporto denuncia tramite il loro legale, «probabilmente la salma verrà sequestrata per l’autopsia, è ancora alla camera mortuaria del policlinico di Messina», conclude Pastore. Che non riesce a trattenere l’amarezza: «Non è possibile che in Sicilia si muoia perché non si sa fare il proprio lavoro».

28 febbraio 2015

Sicilia, nasce prematuro e muore a 38 giorni di vita: esposto in Procura

Il piccolo Mattia ha smesso di respirare al Policlinico di Messina, dove era stato portato da Siracusa per problemi respiratori. I genitori chiedono di fare chiarezza sulle responsabilità

19:44 – Un bimbo di 38 giorni di vita, nato prematuro, è morto al Policlinico di Messina, dove era stato trasferito d’urgenza dall’Umberto I di Siracusa per presunti problemi respiratori. Il piccolo era stato partorito alla 24esima settimana il 19 gennaio a Bronte. Sul caso il legale dei genitori ha presentato un esposto alla Procura di Catania. La madre era stata trasferita a Siracusa perché in Terapia intensiva neonatale a Catania non c’era posto.

Sicilia, nasce prematuro e muore a 38 giorni di vita: esposto in Procura

Il bambino, che si chiamava Mattia, era il secondo figlio di una coppia che vive nel Catanese. “Potrebbe essere un caso di malasanità – afferma l’avvocato dei genitori, Dario Pastore -. Noi vogliamo che sia fatta chiarezza, a tutti i livelli. Abbiamo chiesto il sequestro della salma, che è all’obitorio del Policlinico di Messina, e che sia disposta l’autopsia”.

Il legale ricostruisce la vicenda fin dal 19 gennaio, quando alla mamma di Mattia si rompono le acque, nonostante sia ancora alla 24esima settimana di gravidanza. La donna viene portata nell’ospedale di Bronte, nel Catanese. Attraverso il 118 si cerca un posto in un’Unità di terapia neonatale intensiva di un ospedale di Catania per ricoverare il piccolo dopo il parto. Ma non c’è la disponibilità e la gestante viene condotta in ambulanza all’Umberto I di Siracusa. Il parto avviene l’indomani, il 20 gennaio. Nasce Mattia, che pesa 870 grammi ed ricoverato nell’Unità terapia intensiva neonatale dello stesso nosocomio.

“I medici a Siracusa – racconta ancora l’avvocato – alla mia assistita dicono che la rottura delle acque è dovuta a un’infezione, ma che per il neonato non ci sono problemi. Il 18 febbraio gli cambiano l’incubatrice, e due giorni dopo ci sono i primi segnali di un aggravamento”.

Il 25 febbraio il piccolo viene trasferito al Policlinico di Messina, dove, spiega il penalista, “è possibile sottoporlo a una terapia ossidonitrica che a Siracusa non poteva essere fatta. Ma appena arrivato – osserva il legale – ai miei assistiti viene detto che la situazione era compromessa e che il piccolo stava per morire per un’acidosi metabolica. Cosa che è avvenuta due giorni dopo. Adesso noi vogliamo sapere dalla magistratura se ci sono state responsabilità”

ENNESIMA TRAGEDIA

Nuovo caso Nicole, muore neonato
Trasferito a Siracusa e Messina per mancaza di posti

Sabato 28 Febbraio 2015 – 13:54 di
Articolo letto 14.807 volte

SEGUI

Si chiama Mattia, il suo calvario è durato 30 giorni. Dall’ospedale di Bronte è stato trasferito a Siracusa e poi a Messina. Esposto dei genitori assistiti dall’avvocato Dario Pastore in Procura.

A

  • CATANIA- Da Bronte a Siracusa a Messina per mancanza di posti letto in terapia intensiva a Catania. C’è un nuovo caso Nicole alle falde dell’Etna, l’ennesimo, possibile, caso di malasanità. L’ultima vittima si chiama Mattia, i genitori sono sconvolti dopo un calvario durato 30 giorni a cavallo di 3 ospedali. Affiancati dal noto penalista Dario Pastore hanno presentato un esposto in Procura .

BRONTE. Il calvario del piccolo Mattia è iniziato, secondo quanto denunciato da genitori, all’ospedale di Bronte dove non sarebbe stata diagnosticata un’infezione che ha causato, nel giro di pochi giorni, un parto prematuro. Per partorire, la signora è stata trasferita da Catania a Siracusa, ospedale Umberto Primo. Non c’erano posti in terapia intensiva a Catania. La storia si ripete.

SIRACUSA. “Il piccolo resta in terapia intensiva a Siracusa fino al 25 febbraio -spiega a LivesiciliaCatania l’avvocato Dario Pastore- giorno in cui il primario di Siracusa comunica che è necessario il trasferimento al Policlinico di Messina per effettuare una terapia ossidonitrica che a Siracusa non poteva essere fatta”. All’improvviso le condizioni del bambino si aggravano.

MESSINA. Arrivato a Messina il 25 febbraio, i medici avrebbero scoperto -secondo la ricostruzione della difesa- che i problemi respiratori “non erano la causa principale della gravi condizioni del bambino, che aveva in corso una grave acidosi metabolica”.

Dopo aver cambiato 3 ospedali e percorso quasi 300 chilometri in cerca di un luogo idoneo in cui essere curato. “Potrebbe essere un caso di malasanità – afferma l’avvocato Pastore – noi vogliamo sia fatta chiarezza, a tutti i livelli. Abbiamo chiesto il sequestro della salma, che è all’obitorio del Policlinico di Messina, e che sia disposta l’autopsia”.

Neonato morto a Siracusa:
nuovo caso di malasanità?

Neonato morto a Siracusa: <br /> nuovo caso di malasanità?

Nuovo presunto caso di malasanità. A denunciarlo, con un esposto in Procura, l’avvocato penalista Dario Pastore che assiste i genitori del piccolo Mattia, deceduto dopo essere nato prematuro di 24 settimane, con un peso di appena 870 grammi.

Nell’esposto l’avvocato riferisce che la nascita prematura del neonato sarebbe avvenuta per un’infezione vaginale della donna che è stata trasferita lo scorso 19 gennaio dall’ospedale di Bronte, nel Catanese, all’ospedale Umberto I di Siracusa, perchè non c’erano posti Utin nella provincia di Catania.

Il piccolo Mattia nato il 20 gennaio, 24 ore dopo il ricovero nell’ospedale siracusano, per 37 giorni è stato in incubatrice e poi trasferirlo a Messina, dove è morto il giorno dopo. Sull’episodio indaga la Procura di Catania.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

LA SENTENZA Falsi incidenti con rimborsi record Raffica di condanne per le truffe alle assicurazioni

MESSINA. Sono 20 gli anni e 8 i mesi inflitti complessivamente dal Gup di Messina Monica Marino ai cinque imputati del processo con rito abbreviato per associazione a delinquere finalizzata alle truffe assicurative. Poco più della metà degli anni richiesti dalla Procura peloritana. La condanna più severa, 6 anni, è per il giarrese Lucio Parisi, considerato dall’accusa il deus ex machina dell’organizzazione criminale capace di mettere in piedi un numero impressionante di falsi sinistri, ottenendo, in alcuni casi, anche 40mila euro di risarcimenti danni dalle compagnie assicurative per ogni singolo incidente. Il Gup ha concesso al 55enne, rinchiuso in carcere dallo scorso luglio, le circostanti attenuanti generiche, ritenute equivalenti alle aggravanti contestate dalla Procura.

Sono 5 gli anni di carcere inflitti al medico di Calatabiano Rosario Genati, dipendente dell’ospedale San Vincenzo di Taormina. Per l’uomo, accusato di aver fornito al sodalizio falsi referti medici, il pubblico ministero aveva chiesto una condanna esemplare a 14 anni. Il Gup ha concesso al medico le attenuanti generiche, ritenute prevalenti rispetto alle aggravanti contestate.

Stessa pena per Salvatore Moschella, di Taormina, e Massimo Donato, di Gaggi, il primo accusato di aver vestito i panni di testimone o conducente dei mezzi nei falsi sinistri, ed il secondo di aver reclutato i soggetti da coinvolgere negli incidenti. Entrambi sono stati condannati a 3 anni e 4 mesi.

Inflitti, infine, tre anni al giarrese Carmelo Compagnino, per l’accusa a servizio dell’organizzazione per il disbrigo delle pratiche.

LE REAZIONI. Parzialmente soddisfatti dalla sentenza i legali della difesa. “Siamo soddisfatti perché abbiamo dimezzato le richieste di condanna del pm – dichiarano Enzo Trantino e Ivan Albo, difensori di fiducia di Lucio Parisi – ma è ancora troppo alta la pena rispetto ai fatti accertati e al comportamento processuale del Parisi”. Anche il difensore di Genati commenta la sentenza del Gup. “Una sentenza che per essere valutata appieno necessita della conoscenza dell’apparato motivazionale – dichiara Ernesto Pino – ma che sin da ora brilla per una concreta ed effettiva commisurazione tra intensità del comportamento antigiuridico del mio assistito e pena inflitta. Tale merito – prosegue il legale – è maggiore se si fa mente alle richieste di pena dell’accusa, di certo sproporzionate rispetto all’assoluta incensuratezza ed al passato del dottor Genati, costellato – conclude Pino – da successi professionali e diuturni sacrifici tutti finalizzati a salvare vite umane”.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Bronte per il momento e’ salvo

TAGLI E PROTESTE

borsellino

Sanità: Chiudono 4 punti nascita in Sicilia

Accelera Lucia Borsellino dopo l’aut aut del Ministro Beatrice Lorenzin che ha chiesto risultati concreti ed un allineamento agli standard nazionali entro giugno del 2015. Il Senatore Torrisi NCD su chiusura Punto Nascite Paternò: “Scelta sbagliata”

L’assessore per la Salute della Regione, Lucia Borsellino, ha dato il via ai provvedimenti attuativi della rete ospedaliera sui Punti Nascita firmando i decreti per la soppressione dei reparti sotto standard. Si tratta dei punti nascita dove vi sono meno di 500 parti l’anno. Il provvedimento del 2012 era già attivo in alcune strutture, ma adesso la lista si completa con la chiusura ufficiale di quattro punti nascita. Si tratta del San Raffaele Giglio a Cefalù, la casa di cura “Argento” di Catania, l’ospedale S.S. Salvatore di  Paternò e di Licata.

Nel procedimento di chiusura dovrà comunque essere garantito il servizio fino al completamento della dismissione del reparto. Dovrà rimanere attiva la guardia ostetrico-ginecologica h24 e le aziende dovranno garantire l’assistenza alle future mamme. L’obiettivo è quello di potenziare sempre di più le strutture già attive e funzionanti con più di 500 parti l’anno.

Intanto arrivano i primi malcontenti soprattutto da parte dei centri più piccoli come per esempio l’ospedale di Paternò.

In una nota il Senatore NCD Salvo Torrisi  in merito alla chiusura del Punto Nascite di Paternò afferma: “Si tratta di una notizia che ci contraria enormemente, poiché da tempo ripetiamo che si tratta di una scelta sbagliata. Abbiamo detto più volte, con carte alla mano, che il dato statistico del Reparto del Punto Nascite su Paternò nasconde una realtà ben diversa da quella presentata ufficialmente per la sua chiusura. Infatti, con una utenza di circa 900 parti nel distretto Paternò-Ragalna-Belpasso e solo il 40% dei parti a Paternò, è fin troppo chiaro che si è creato un indebolimento del servizio, della rete organizzativa, dell’efficienza e delle prestazioni ai danni dell’utenza, la cui responsabilità – a questo punto – è da addebitare non solo all’Azienda sanitaria provinciale, ma allo stesso assessore regionale Borsellino, il quale non ha saputo gestire  la problematica nella giusta direzione”.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Etna

10407725_1577995159107529_9071681640810391576_n

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Mineo: nasce un movimento per fare “chiarezza” sul Cara

“Il Calatino si è trovato a dover affrontare uno dei più gravi problemi del secolo, l’immigrazione, diventando sede di uno dei più grandi centri di accoglienza per i richiedenti asilo politico in Europa: il CARA”. E’ una parte del documento stilato dal movimento nato su idea dei Consiglieri di Mineo, Catania Pietro, e di Castel di Iudica, Lorena Grazia Mileti, e che subito si è sparso a macchia d’olio con Fabio Cusumano di Ramacca e Filippo La Mastra di Raddusa e Amore Vito di Vizzini tanti altri consiglieri che in queste ore stanno aderendo al progetto. La nota continua ricordando che “da anni la politica è divisa sulle valutazioni in merito alla gestione del centro. Divisa su tutti gli aspetti che lo riguardano: dalla gestione affidata a delle cooperative alla gestione della persona immigrato, posizioni di indifferenza assoluta si sono alternate a posizioni di forte critica. E proprio questa critica, portata avanti negli anni nei singoli comuni, è stato il motore propulsore che ha portato alla nascita di questo coordinamento che ha come obiettivo il promuovere e il realizzare interventi seri e concreti per il Cara. Non preoccupati da quanto sta emergendo nel merito della vicenda, anzi sostenuti e confortati dal fatto che finalmente i riflettori si siano accesi su una realtà troppo spesso sottaciuta o dimenticata per interesse o comodità di pochi, siamo convinti che adesso sia il momento di avanzare determinate richieste al Governo che sono: il Commissariamento del Consorzio “Calatino Terra di Accoglienza”, il pieno rispetto del “Patto per la Sicurezza”, la sospensione della gara di appalto presso il CARA di Mineo, la tutela dei posti di lavoro delle tante famiglie calatine presso il CARA di Mineo, l’applicazione di una “no tax zone” del Calatino per favorire lo sviluppo economico e sociale delle aree urbane caratterizzate da disagio sociale, economico e occupazionale con potenzialità di sviluppo inespresse ed ancora più accurati controlli sulle possibili infiltrazioni di organizzazioni terroristiche criminali.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

CARA di Mineo: La rivolta dei consiglieri che chiedono il commissariamento

SPECIALE CARA DI MINEO

mineo

Le loro voci di dissenso e denuncia nei confronti della gestione del “business dell’accoglienza” sono state soffocate sin dal 2010. Adesso, accesi i riflettori di stampa e magistratura, trovano forza e riscontri. Assunzioni raddoppiate: il documento

Fa freddo e piove al cancello d’ingresso del “Residence degli Aranci”, il CARA di Mineo, ma i consiglieri comunali non demordono perché hanno capito che è venuto il momento di recuperare gli anni di umiliazioni ed ostracismi cui sono stati sottoposti per aver denunciato che quel business non va bene.

Sono, in ordine alfabetico, Pietro Catania di Mineo, Fabio Cusumano di Ramacca, Filippo La Mastra di Raddusa, Giuseppe Lanzafame di Ramacca, Lorena Mileti di Castel di Iudica, Ilaria Stuto di Mineo e Giovanni Rosa di Ramacca,

Ed è il consigliere comunale di Raddusa Filippo La Mastra a sintetizzare in maniera efficace la situazione: con il CARA di Mineo si è di fatto costituito un vero e proprio “Ufficio Parentopoli” in cui se sei parente di qualche esponente delle varie maggioranze consiliari riesci a lavorare”.

A mostrarlo in maniera documentale il consigliere di Mineo Pietro Catania ce esibisce un documento di riepilogo delle assunzioni fatte al CARA di Mineo, tutte ovviamente senza alcun concorso.

Assunzioni CARA

Tra l’aprile 2012 ed il maggio 2013, periodo elettoralmente “interessante”, le assunzioni presso il mega centro di accoglienza sono praticamente raddoppiate, con una forte presenza di residenti proprio di Mineo.

E proprio su questo aspetto i consiglieri denunciano un forte rischio per la tenuta democratica del sistema territoriale, parlando chiaramente di un vero e proprio fenomeno di scambio di voti.

E’ la consigliera Lorena Mileti di Castel di Iudica a ricordare quanto sollevato anche in Commissione Antimafia circa il risultato eclatante ottenuto alle ultime europee dall’NCD nelle zone interessate da questo business, segnalando la strana coincidenza che a capo di questo partito ci siano proprio coloro che hanno avuto ruoli fondamentali nella nascita e gestione del CARA, dal ministro dell’Interno Alfano, all’ex soggetto attuatori Giuseppe Castiglione al sindaco di Mineo Anna Aloisi che, ricorda il consigliere Catania, si è rifiutata per ben due volte di riferire in Commissione Antimafia dichiarando pubblicamente (e incredibilmente) che lo avrebbe fatto su indicazione del prefetto di Catania.

Prefetto di Catania alla quale i consiglieri dissidenti fanno appello affinché si faccia definitivamente chiarezza, valutando l’opportunità di procedere ad un commissariamento istituzionale che possa sottrarre questo enorme business economico e clientelare a chi lo sfrutta per motivi di bassa politicanza.

I consiglieri, con un documento diffuso a margine della conferenza stampa, propongono che l’enorme disagio per le popolazioni residenti della presenza delle migliaia di migranti venga compensata non concedendo agli amministratori il potere di assumere i loro clientes e parenti o spendendo in decine di iniziative inutili ed anch’esse molto sospette.

Occorre invece utilizzare la parte di fondi destinata ai territori per realizzare infrastrutture pubbliche e incentivare gli investimenti privati con incentivi fiscali.

In questo momento paiono alzarsi le tensioni all’interno del consorzio, soprattutto in seguito alle dichiarazioni rilasciate dal sindaco di Ramacca Franco Zappalà che, con le sue durissime denunce presentate alla Procura e confermate a SUDPRESS, pareva volersi mettere alla testa di una sorta di “movimento riformatore” del CARA e che invece in questi giorni sta compiendo vistose retromarce difficilmente comprensibili.

In ogni caso, il movimento di consiglieri e cittadini dei comuni del calatino  che hanno deciso di chiedere un deciso cambio di rotta si infoltisce ogni giorno.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

DDL LIBERALIZZAZIONI, GIOVANI AVVOCATI, COMMERCIALISTI E NOTAI «LA POLITICA NON STRUMENTALIZZI LE PROFESSIONI»

Tante le perplessità sul disegno di legge appena licenziato dal Governo

Giorgi, Aiga: «Più che incentivare la collaborazione tra professionisti, si gioca al “divide et impera”»
Capuano, Asign: «Anziché aiutare il cittadino, si mina il delicato rapporto di competenze tra notai e avvocati»
Segantini, Ungdcec: «Nel provvedimento manca un disegno complessivo, serve confronto in fase legislativa»

 

(Roma, 25/02/2015) Il processo di liberalizzazione si attua per ridurre o togliere restrizioni prima esistenti. Il tutto nella prospettiva di agevolare la concorrenza, e con essa un servizio migliore, in termini di qualità e costi. Quanto il governo sta attuando però non convince a pieno i giovani professionisti di Aiga (avvocati), Asign (notai), Ungdcec (commercialisti).

Aiga, Associazione Italiana Giovani Avvocati, con la presidente Nicoletta Giorgi esprime «una certa preoccupazione e delusione per la previsione della società di capitali così come formulata nel testo licenziato dal Consiglio dei ministri. Infatti manca del tutto la previsione della multidisciplinarietà, dei requisiti e limiti del socio di capitale (onde evitare abusi di posizione o addirittura conferimenti illeciti), della natura non commerciale della stessa escludendola, quindi, da ipotesi di fallimento e della qualificazione dei redditi come redditi da lavoro autonomo. Dato che il ministero della Giustizia non si è ancora occupato di individuare le categorie professionali con le quali l’avvocatura possa costituire associazioni ai sensi dell’art. 4 della legge 247/2012 , viene da pensare che non si voglia incentivare la collaborazione tra professioni, e quindi un servizio a tutto tondo di alta qualità, ma si giochi ad un “divide et impera” piuttosto che fornire strumenti utili e realmente proponibili alla categoria. Non vogliamo essere strumentalizzati: vogliamo avere la possibilità di esercitare al meglio la nostra professione, in modo moderno, professionale e proficuamente competitivo. D’altronde che l’affidamento verso l’avvocatura non sia pienamente reale si intende facilmente dalla previsione dell’obbligatorietà del preventivo, dove la fiducia sulle capacità del professionista, l’intuitus personae, viene facilmente rottamata dalla capacità di fare la migliore offerta commerciale. La concorrenza in ogni mercato ha delle regole che tutelano il cittadino e chi in quel mercato opera. A quanto pare siamo ancora lontani da questa visione nel settore delle professioni che offrendo servizi intellettuali non può essere disciplinato dalla regola del prezzo più basso».

Il testo del ddl, infatti, conferma Asign, Associazione Italiana Giovani Notai, con il presidente Ludovico Capuano, «sembra più diretto a minare quello che da sempre è il delicato rapporto di competenze tra notai e avvocati, piuttosto che agevolare il cittadino nel fruire dei servizi ivi indicati. La previsione dei trasferimenti immobiliari ad uso non abitativo sembra consentire anche agli avvocati di essere fautori di tali trasferimenti. Il testo, però, tradisce il senso vero delle liberalizzazioni. Tanto più che pone come onere alla parte acquirente o donataria o mutuataria di dare le comunicazioni agli uffici competenti dell’avvenuta sottoscrizione davanti all’avvocato del trasferimento immobiliare. Quale onesto cittadino se la sentirà di assumersi tali oneri? Di quali garanzie parliamo? La riforma della professione notarile va attuata con una proposta complessiva che consenta al cittadino di continuare ad avvalersi del notaio sicuro della trasparenza dei costi e della tutela che gli viene fornita dai controlli e dalle verifiche che da sempre vengono svolti. Il presidio di legalità nei trasferimenti immobiliari e nelle operazioni societarie, la tutela del terzo data dall’efficienza dei pubblici registri sono solo alcune delle operazioni che consentono al cittadino, agli investitori, stranieri e non, di poter avere fiducia in un mercato che non sia drogato da irregolarità o da realtà apparenti».

Dello stesso avviso Ungdcec, l’Unione Nazionale Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili che, per il tramite del presidente Fazio Segantini, coglie «l’inconsistenza dell’operazione sulle liberalizzazioni delle professioni. È evidente che manca un progetto complessivo: ad oggi i professionisti stanno subendo un calo delle iscrizioni agli ordini in quanto l’esercizio della professione assomiglia sempre più a un percorso ad ostacoli, dove lo Stato chiede di essere sostituito, aiutato ma che al contempo non dà nulla. Da troppo tempo manca un’attenzione propositiva ai titolari di partite Iva. Per essi non sono previsti ammortizzatori sociali, per essi non sono previste semplificazioni nelle numerose incombenze burocratiche. La cosa che più atterrisce è che manca il vero confronto nella fase legislativa. Non è possibile che chi è intermediario tra cittadino e Stato non partecipi concretamente con la propria esperienza nella predisposizione normativa. La conseguenza è data anche dal testo oggi licenziato e che risponde più alla necessità di accettare determinati compromessi per acquisire fiducia in Europa, dove il nostro Paese deve cercare di prendere le distanze dagli altri Paese fortemente in crisi, piuttosto che disporre una valida nuova disciplina delle professioni. Oggi il ddl liberalizzazioni è un artificio in quanto, una volta passato all’esame del Parlamento sarà inevitabilmente, e per fortuna, oggetto di numerosi emendamenti che sviliranno il progetto, se c’è, ad esso sotteso. Le professionalità vanno valorizzate, non strumentalizzate, sono risorse di cui questo Paese non può più fare a meno».

Cordiali saluti
La Segreteria UNGDCEC
Circ. Clodia, 86 – 00195 Roma
Tel: 06.3722850 . Fax: 06.3722624
e-mail: unione@ungdc.it
http://www.knos.it/

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

La raccolta del pistacchio negli altri paesi

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Cara di Mineo, Cantone: “Sotto verifica tutti gli appalti”

GLI SVILUPPI

Martedì 24 Febbraio 2015 – 21:34 di
Articolo letto 687 volte

SEGUI

Un approfondimento sulle vicende che riguardano il centro richiedenti asilo con il Presidente dell’Autorità Nazionale Anti Corruzione, a margine dell’incontro a Palazzo degli Elefanti.

CATANIA – A margine dell’incontro organizzato a Palazzo degli Elefanti con i rappresentanti del distretto del Sud Est, Raffaele Cantone – Presidente dell’Autorità Nazionale Anti Corruzione – riferisce sugli sviluppi delle segnalazioni riguardanti gli appalti milionari del Cara di Mineo. “Il problema – per il magistrato – è anche normativo”. Allo studio “un atto generale che – secondo Cantone – metterà dei paletti molto significativi alle modalità di conferimento degli appalti alle cooperative”.

Sulla gestione del Cara di Mineo, il presidente Cantone – dopo le intercettazionidell’operazione Mondo di Mezzo che gettano ombre sull’appalto da 97milioni di euro per il servizio di accoglienza dei migranti – vuole approfondire tutti gli aspetti connessi alle modalità attraverso le quali vengono conferiti incarichi e appalti: “Come Anti corruzione noi siamo già indirettamente coinvolti – afferma il magistrato – proprio a seguito di ‘mafia capitale’ abbiamo fatto già fatto commissariamenti di appalti”.

Alcune pratiche amministrative “poco trasparenti” emerse nella gestione dell’accoglienza, rappresentano la ricaduta interna del cosiddetto “business del migrante”. Una realtà che pervade una molteplicità di attori, istituzionali e non. Se da un lato le organizzazioni criminali transnazionali lucrano sul traffico di esseri umani, dall’altro la gestione dell’accoglienza pone dei problemi di trasparenza soprattutto per quello che riguarda il conferimento di incarichi e appalti. Su questo punto Cantone precisa: “Stiamo provando anche ad individuare una regolamentazione di tipo amministrativo in questo senso, proprio per quello che riguarda le società del terzo settore alle cooperative di tipo A e B”. “Un atto generale che – secondo Cantone – metterà dei paletti molto significativi alle modalità di conferimento degli appalti alle cooperative”.

Il sindaco di Mineo Anna Aloisi, presidente del Consorzio di comuni che amministra il CARA aveva già chiesto l’intervento di Cantone, per verificare la correttezza di tutti gli atti fino ad oggi compiuti dalla struttura amministrativa del consorzio, atti che, come ci conferma il presidente dell’Autorità, sono già al vaglio dell’organismo di controllo: “Abbiamo fatto proprio nei giorni scorsi un’attività che riguarda un parere su un appalto – dichiara Cantone – e stiamo verificando tutti gli appalti che sono stati fatti”.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Powered by WordPress.com. Tema: Adventure Journal di Contexture International.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: