Annunci

Archivi del mese: Febbraio 2015

Aspettando Raffaele Cantone si fanno un selfie. Anche Firrarello nella foto con i militanti del PD

maggioranza-molto-trasversale-335x175

Annunci
Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Ncd, quasi una rivolta contro Alfano

UN PARTITO NEL CAOS

“Tante poltrone, nessuna linea politica”

Mercoledì 25 Febbraio 2015 – 18:40 di
Articolo letto 735 volte

SEGUI

Già in occasione dell’elezione di Mattarella le prime tensioni, con lo strappo di Sacconi e il malessere dei siciliani (leggi Fernando M. Adonia). Due giorni fa la direzione nazionale non ha chiarito nulla: le alleanze per le prossime amministrative si decideranno caso per caso. Nel frattempo, il leader e alcuni fedelissimi continuano da anni a mantenere ruoli-chiave in diversi governi. E alcuni dirigenti dell’Isola protestano: “Cosa raccontiamo ai nostri elettori?”

alfano, Cascio, ncd, partito, renzi, vinciullo, Politica

PALERMO – La direzione non ha indicato alcuna direzione. E così, oggi, l’acronimo di Ncd, per molti dirigenti di partito sta per: “Non Capiamo Dove”. Dove sta andando e dove andrà il partito. Che intanto, per non sapere ne’ leggere (la situazione politica attuale), ne’ scrivere ha scelto di restare fermo. Sulle poltrone. Poltrone prestigiose e stabili. Più di quanto giustificherebbe l’attuale movimento di Angelino Alfano. E adesso (anzi, già da un po’) lo “spaesamento” è giunto in Sicilia. “Cosa raccontiamo ai nostri elettori?” si chiedono molti militanti isolani, presenti ieri alla direzione nazionale del partito.

Una domanda da rivolgere a chi, negli ultimi anni, ha ricoperto quasi senza soluzione di continuità e nonostante i vari terremoti politici, ruoli di governo. E illuminante, in questo senso, è un articolo apparso pochi giorni fa sul Fatto quotidiano. Un servizio che descriveva i dati di Openpolis: uno studio sulla presenza e l’attività dei politici italiani. Da quel report ecco il dato più interessante: il “filo rosso” che lega tre degli ultimi quattro esecutivi nazionali è proprio Angelino Alfano: ministro della Giustizia con Silvio Berlusconi, all’Interno con Enrico Letta (in quella fase ha ricoperto anche il ruolo di vicepremier), confermato al Viminale con Matteo Renzi. “Più poltrone che voti”, riporta il Fatto con ironia, ma anche basandosi sui numeri dei sondaggi che vedono il partito di Alfano oscillare ormai tra l’1,8 e il 3,2%.

E tra i dieci presenzialisti dei governi, oltre al leader agrigentino, ecco spuntare altri siciliani, come Simona Vicari e Giuseppe Castiglione. Una abitudine alle poltrone diventata quasi “stile politico”. Al punto da prevedere, fino a pochi mesi fa, addirittura la moltiplicazione delle guide del partito: due co-coordinatori: un palermitano e un catanese. Quest’ultimo, Castiglione, appunto, un anno e mezzo fa guidò (insieme all’allora ministro Gaetano Quagliarello) la fronda dei “diversamente berlusconiani”. Insieme a lui, in quei giorni, diversi senatori siciliani fra cui Pippo Pagano, Salvatore Torrisi, Marcello Gualdani hanno abbandonato il Cavaliere per sposare l’idea nuova di Angelino. Ma una “frondina” potrebbe presto nascere proprio nell’Isola, dove il malessere sulle scelte di Alfano inizia a emergere in maniera evidente. Un malumore che si aggiungerebbe a quello esterno al partito. Oggi, ad esempio, il ministro ha dovuto disertare il Senato dove avrebbe dovuto relazionare sui disordini di Roma in occasione della partita della Roma. L’intervento, previsto per le 18, è stato rinviato su richiesta di Pd e Ncd. Alcune forze politiche come Sel e Movimento cinque stelle erano già pronti alla plateale contestazione.

Ma come detto, il malessere è soprattutto interno: martedì la direzione nazionale avrebbe dovuto fare chiarezza. Indicare la strada, per recuperare il terreno perduto. Il consenso svanito nella nube di una idea politica priva di confini chiari, netti. E invece, i siciliani presenti al vertice, sono tornati con un’idea sola: non c’è un’idea. O meglio, per usare le parole del vicepresidente della commissione bilancio all’Ars Vincenzo Vinciullo: “Si è compreso che, in assenza di strategia, bisogna puntare sulla tattica”. E la “tattica” si tradurrà ad esempio, al primo test elettorale, quello delle amministrative siciliane che si svolgeranno anche in grossi Comuni come Agrigento e Marsala, nel decidere “sulla base delle singole realtà territoriali”. Insomma, Ncd proverà a proporre un proprio candidato. Se la cosa non andrà a buon fine, deciderà con chi correre. E sul punto, non ci sono preferenze: il Pd di Renzi o Forza Italia del Cavaliere, è lo stesso. “Si tratta di realtà locali”, si dirà.

“In pratica però – lamenta il coordinatore regionale di Ncd, Francesco Cascio – dovremo muoverci nei territori senza uno spartito nazionale. E questo, ovviamente, ci creerà qualche problema”.Un rischio, del resto, sollevato già da Cascio, proprio su Livesicilia, alcuni giorni fa. “Noi – ribadisce – dobbiamo parlare con la gente. Convincerli a votare per noi. Ma tutti ci chiedono: state con Renzi o fate parte del centrodestra? E noi, oggi, una risposta non l’abbiamo”. Anche perché dalla direzione nazionale, non è arrivata nessuna svolta decisa. “Eppure – racconta Cascio – il clima sembrava persino felice, autocelebrativo. Ho evitato di intervenire per non rovinare la festa. Il mio intervento sarebbe stato fuori dal coro”.

E in effetti, nessun chiarimento è arrivato, ad esempio, riguardo ai rapporti tra Ncd e il governo Crocetta. Un esecutivo sostenuto oggi dall’Udc, che nel frattempo, però, si è “fuso” a Roma con gli alfaniani, dando vita ad Area popolare. “Ci troveremo probabilmente – paventa Cascio – a essere alleati per le amministrative con forze politiche nei confronti delle quali, nelle stesse ore, dovremo fare opposizione”.

E il rischio di apparire “non credibili” in vista delle prossime elezioni, inizia a farsi serio, per tanti dirigenti del partito. Per quelli, almeno, che “lavorano”, alla ricerca del consenso, in quelli che gli stessi dirigenti amano definire “i territori”. Lontani, lontanissimi, oggi, dalle comode poltrone romane. “Adesso mi chiedo – insiste Cascio – se noi dovessimo decidere di continuare a sostenere Renzi per poi presentarci col centrodestra alle prossime politiche, su cosa faremo la campagna elettorale? Cosa potremo mai contestare al centrosinistra, i provvedimenti che abbiamo contribuito a firmare anche noi? La scelta dell’alleanza con Renzi era sensata e intelligente. Ma solo nel quadro di una situazione di emergenza, che doveva durare uno o due anni, non di più. Andando avanti in questo modo rischiamo di perdere la nostra identità”.

Un problema, quello del malessere dei generali siciliani di Ncd, esploso in maniera plateale in occasione dell’elezione del nuovo presidente della Repubblica Bernardo Mattarella. Lì, un gruppo di parlamentari dell’Isola aveva fatto chiaramente intendere al leader Alfano, che in quelle ore sembrava orientato verso la “scheda bianca” dopo lo strappo di Renzi, di appoggiare la decisione del premier di scegliere il politico palermitano come nuovo Capo dello Stato. Poi, la scelta del ministro dell’Interno di tornare sui suoi passi “condividendo il nome, ma non il metodo”. E nuova rottura, con le dimissioni del capogruppo al Senato Maurizio Sacconi e della portavoce Barbara Saltamartini. Ogni curva, insomma, qualche viaggiatore veniva sbalzato fuori dall’automobile del Nuovo centrodestra. Fino alla direzione di ieri. Che ha confermato: quell’auto non ha una direzione. “Non Capiamo Dove”, ribadiscono i moderati siciliani. Dove va l’Ncd?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Gia’ collaudato

11018184_10153036709632976_5407000178781321287_n

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Lucia Borsellino toglie la possibilita’ a qualche soggetto di candidarsi a Sindaco

SANITÀ

Invalidi, finisce l’era
delle commissioni sanitarie

Lunedì 23 Febbraio 2015 – 19:00 di
Articolo letto 11.785 volte

SEGUI

Accordo tra l’assessorato regionale alla Salute e l’Inps. Un unico soggetto valuterà l’invalidità.

commissioni, inps, lucia borsellino, sanità

PALERMO– Le commissioni sanitarie che in passato hanno fatto il bello e il cattivo tempo nel mondo delle invalidità civili siciliane saranno azzerate. Quella che è stata annunciata come una piccola rivoluzione nel mondo delle invalidità civili dell’Isola – a distanza di un anno dall’avvio del progetto pilota dell’Asp di Trapani – si estende adesso alle province di Enna, Caltanissetta e Messina. È stata presentata questo pomeriggio, infatti, la convenzione stipulata tra l’assessorato regionale alla Salute e l’Inps, che delega all’istituto di previdenza sociale l’accertamento – e l’eventuale reversibilità – dei requisiti sanitari di invalidità civile, cecità civile, sordità, handicap e disabilità di competenza delle Asp.

In soldoni, gli utenti non dovranno più passare al vaglio di due diverse commissioni, una istituita dalle aziende sanitarie, l’altra dall’Inps, per richiedere il riconoscimento per la propria disabilità, ma saranno valutati da un’unica commissione. “Stimiamo un risparmio – ha commentato l’assessore alla Salute, Lucia Borsellino – superiore al 50%, legato principalmente all’azzeramento delle commissioni istituite dalle Asp. Questo, da un lato, permetterà di garantire una maggiore trasparenza nelle procedure, scongiurando il rischio che si ripetano spiacevoli episodi registrati in passato. E poi è utile evidenziare come i tempi d’attesa, già nella fase di avvio nella sola provincia di Trapani si siano abbattuti del 70%. Insomma, minori costi e un servizio più efficiente per i cittadini”.

A supervisionare l’attività delle commissioni Inps, nonché a raccogliere le valutazioni degli utenti, sarà istituita una cabina di regia regionale, composta da funzionari e dirigenti sia dell’assessorato che dell’istituto previdenziale. La nuova fase sperimentale prenderà il via dal prossimo giugno nelle tre nuove province, anche se “in prospettiva – ha assicurato Borsellino – contiamo di estendere lo stesso metodo in tutto il territorio regionale”.

“Toccherà adesso all’Inps riorganizzarsi – ha sottolineato il direttore regionale dell’istituto previdenziale, Maria Sciarrino – perché è chiaro che a questo punto la mole di lavoro per noi aumenterà notevolmente”. Numeri alla mano, le domande presentate dai siciliani ogni anno sono in media 200 mila, di cui circa 60 mila nella sola provincia di Palermo. “Quasi tutte le richieste vengono accolte – ha sottolineato ancora Sciarrino – anche se è chiaro che non tutti i casi sono pari per gravità. Ma è altrettanto evidente che un cittadino sano non fa richiesta di invalidità civile, dunque ogni utente merita di ricevere un feedback in tempi celeri, che di certo con due diversi livelli di valutazione è più difficile rispettare”.

Categorie: Uncategorized | 1 commento

Un po’ di Sicilia

10857978_10152910466233698_245829735866989552_n

10898334_10152966649518698_1994586028370938786_n 10424238_10152975579653698_6984268470700461004_n 10414387_10152976661778698_7932604160761180965_n 10885317_10152979516608698_5822486584084525259_n 988926_10152979652728698_5369793780855937759_n 10689500_10152983981908698_2722262063010093462_n 10420094_10152984552058698_7733480693456847988_n 10934067_10153021551923698_2787030961373594767_n 11265_10153021907583698_4051753321070809049_n 10013007_10153024512138698_292131631189414943_n 10917022_10153027691858698_4463804109971710332_o 10363806_10153028376473698_6002877263312322642_n 10469459_10153028563563698_1885354072599222239_n 1489212_10153029537278698_7437923470885320316_n 10857089_10153029712328698_3072621179489579728_o 10926394_10153030200173698_7473940744270398028_n 1908054_10153032300898698_782439916592573985_n 10455134_10153034333903698_1940444421781716492_n 10928884_10153034797283698_8629123911565338695_o 10891448_10153034888933698_8336674167062713037_n 10903924_10153036101578698_3251903090098514556_o 10850087_10153036537938698_1044731192445649104_n 10931553_10153038202103698_2435087360398443532_n 10417637_10153038750913698_692209328033198747_n 1947407_10153041098203698_6882357500944057943_n 1794580_10153041953903698_2045739387635766857_n 10947215_10153043967553698_950639618279610200_n 485565_10153051907388698_6659730850189664874_n 995083_10153060791823698_7467479357880096698_n 10834876_10153063339063698_4802751738423371762_o 10974399_10153063419803698_6129304081680626371_o 10914910_10153064497598698_6408058323959143615_o

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Dedicato a qualche amministratore comunale

10404286_10153072989398698_1325724525803109013_n

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Qualche sorriso

equitalia MAL_DI_PANCIA_NEL_PD_1 del_rio

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Renzi e la Boschi

renzi_boschi

Categorie: Uncategorized | 1 commento

SONDAGGIO IXE’: SALGONO PD E FORZA ITALIA, SCENDONO LEGA, MELONI E M5S

IL 72% TEME ATTENTATI ISIS… STABILE LA FIDUCIA IN RENZI, SCENDE IL GOVERNO… FITTO VALE TRA IL 2,5% E IL 4%

Il 72% degli italiani teme attentati dell’Isis in Italia.
Lo sostiene un sondaggio Ixè per Agorà (Raitre). Di fronte all’ipotesi di un intervento militare in Libia, invece, il 63% si dichiara contrario.
A non temere attentati è il 25% degli intervistati, a favore di un’azione militare è il 27% con un 10% che “non sa”.
Partiti
Il Pd sale dal 37,5% al 37,8%, il M5S scenda dal 19,1% al 18,7%, la Lega scende dal 13,9% al 13,8%, Forza Italia sale dal 12,8% al 13%, Sel scende dal 3,8% al 3,6%, NCD sale dal 2,8% al 3%, Fratelli d’Italia cala invece dal 3,1% al 2,9%
Fiducia nel governo. 
Stabile nell’ultima settimana la fiducia in Matteo Renzi al 40%. Lo certifica l’Istituto Roberto Weber per Agorà (Raitre).
Il leader più apprezzato si conferma il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, la cui fiducia cresce fino al 68% (+2%). Pressoché stabili gli altri leader politici. Scende invece la fiducia nel governo, oggi al 33% contro il 35% della rilevazione della scorsa settimana, con un calo di due punti.
Ixè ha anche “valutato” il bacino elettorale di Raffaele Fitto, che Berlusconi aveva collocato all’1,3%: secondo il sondaggio sarebbe invece tra il 2,5% e il 4%.
Calo di apprezzamento al Sud per Matteo Salvini, registrando un calo nelle intenzioni di voto: la forbice è tra il 6,5% e il 9,5% mentre il 13 febbraio era tra 7,8% e 10,8%.

(da “Huffingtonpost”)

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

CARA MINEO: vogliono cacciare Zappalà dal CdA

SPECIALE CARA DI MINEO

CARA 1

Dopo la pubblica posizione assunta con coraggio dal sindaco di Ramacca attraverso Sudpress, l’assemblea dei sindaci del consorzio ha avviato il “processo”: a porte chiuse

E’ il primo verbale del 2015 del Consorzio “Terra d’Accoglienza”, quello che riunisce i sindaci dei comuni del calatino che gestiscono il business dei servizi per gli immigrati.

L’assemblea è composta dai sindaci di nove comuni ed in circostanze come questa assenze e presenze hanno un significato preciso.

Presenti:

Il sindaco di Vizzini Aurelio Sinatra;

il sindaco di Mineo, Anna Aloisi;

il sindaco di San Cono, Salvatore Barbera;

il sindaco di Raddusa, Cosimo Marotta;

il sindaco di Licodia Eubea, Giovanni Verga;

il sindaco di Mirabella Imbaccari, Vincenzo Marchingiglio.

Assenti:

il sindaco di Ramacca, Franco Zappalà;

il sindaco di San Michele di Ganzaria, Giovanni Petta;

il sindaco di Castel di Iudica, Giuseppe Grasso.

Il tema affrontato dall”assemblea, che, su richiesta del presidente Sinatra, si è svolta a porte chiuse facendo persino allontanare il segretario verbalizzante, pare essere incentrata esclusivamente sulla volontà di estromettere dal consiglio di amministrazione del consorzio il sindaco di Ramacca, che con le sue dichiarazioni a Sudpress, ha svelato un diffuso sistema di assunzioni e forniture clientelari che si svolgerebbero presso tutte le attività collegate al mondo  ultramilionario dell’emergenza emigranti.

I sindaci sono rimasti chiusi in seduta segreta dalle 11 alle 13.30 e dal successivo svolgimento dei lavori è facile intuire che sia prevalsa una linea prudente nei confronti di Franco Zappalà su quella che ne pretendeva l’immediata cacciata per la posizione assunta di rigetto rispetto ai metodi di gestione del consorzio.

Il tentativo di estromettere Zappalà dal CdA pare sia stato bloccato dalla resistenza di alcuni dei sindaci che hanno trovato “soluzione tecnica”  nella proposta del sindaco di Mirabella Imbaccari, Vincenzo Marchingiglio, di procedere ad una nuova convocazione alla presenza del sindaco Zappalà per chiarire i termini della questione.

Passata questa proposta, al presidente dell’assemblea, il sindaco di Vizzini Aurelio Sinatra, non è rimasto altro da fare che chiudere la seduta. Alle 14.30.

Ecco il verbale

Verbale Assemblea N 01 del 06-02-2015-2 

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Powered by WordPress.com. Tema: Adventure Journal di Contexture International.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: