Archivio dell'autore: Nunzio Spanò

Informazioni su Nunzio Spanò

Consigliere comunale

Avviso ai cittadini di Bronte 

Concittadine e Concittadini, si informa che, sin da quando si è appreso del terremoto che ha colpito le Regioni del Centro Italia, su direttiva del Sindaco Graziano Calanna, l’Ufficio di Protezione Civile del Comune di Bronte è stato in costante contatto con il Dipartimento Regionale di Protezione Civile, UNICO CANALE UFFICIALE, il quale ha reso noto che, al momento, le Regioni colpite dal sisma NON NECESSITANO di ulteriori derrate alimentari, né di beni di prima necessità, né di sacche di sangue, né è richiesta la partenza – non autorizzata dal Dipartimento regionale di Protezione civile – di volontari.

Si informa, altresì, che è stato chiesto al Comune di Bronte di scoraggiare iniziative autonome, poiché esse rischierebbero di creare ulteriori disagi.
Pertanto, poiché, allo stato, è necessario reperire somme, il Comune di Bronte, in collaborazione con le Associazioni locali, che hanno prontamente manifestato la loro disponibilità, sta organizzando una raccolta di fondi (che, successivamente, sarà trasferita sul c/c ufficiale acceso dal Dipartimento nazionale di Protezione civile), che avrà inizio lunedì 29 agosto, in apertura del concerto di Giovanni Caccamo previsto in P.zza Castiglione.

Inoltre, il 10 settembre 2016 verrà organizzato un torneo di beneficenza.
Infine, si avvisa che, fino a domenica 28 agosto 2016, gli appuntamenti inseriti nel calendario di “Brontestate 2016” sono annullati.
Il Sindaco

Avv. Graziano Calanna

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Brontesi uccisi da Bixio a seguito di un processo sommario 

CondividiTwittaPinE-mailFb-Button
La-strage-di-Bronte
Votaci in Net-Parade, dai più visibilità a questo sito. Basta un clic su questo link
Immaginatevi di entrare nel cuore del Risorgimento italiano, nel 1860, l’anno di tutte le speranze e dell’imminente unificazione dell’Italia. Immaginatevi le città liberate, i Borboni che perdono, mentre al Nord i piemontesi avanzano lentamente. Immaginatevi la Sicilia dello sbarco di Garibaldi e poi focalizzate il pensiero sulle facce di un tribunale di guerra, nella città di Bronte, che in un frettoloso processo durato meno di quattro ore giudica ben 150 persone, alcune delle quali condannate alla pena capitale. Tra questi c’è un uomo che si chiama Nunzio Ciraldo Fraiunco. E’ incapace d’intendere e di volere. Malato di demenza, era stato arrestato per aver girato per le strade del paese con una trombetta di latta in mano cantando “Cappeddi guaddattivi, l’ura dù judiziu s’avvicina, populu nun mancari all’appellu”.

All’alba del 10 agosto 1860 Fraiunco viene portato, assieme ad altre quattro persone, nella piazzetta antistante il convento di Santo Vito e collocato dinanzi al plotone d’esecuzione.

Alla scarica di fucileria, nessun soldato ha la forza di sparargli. Rimasto incolume, nell’illusione che la Madonna Addolorata lo avesse miracolato, si inginocchia piangendo ai piedi del generale Nino Bixio, figura di spicco del movimento risorgimentale, invocando la salvezza. Riceve in cambio della supplica una palla di piombo in testa. Lo ”scemo del villaggio” muore così, colpevole solo di aver soffiato in una trombetta.

La storia di Fraiunco va di pari passo a quella di Nunzio Longi Longhitano, Nunzio Nunno Spitaleri e Nunzio Samperi e Nicolò Lombardo. Tutti uccisi. I cadaveri furono lasciati esposti al pubblico e insepolti.

Nino Bixio, proprio da Bronte, in una lettera alla moglie Adelaide, ebbe modo di scrivere: ”Che paesi! Si potrebbero chiamare dei veri porcili! Questo insomma è un paese che bisognerebbe distruggere o almeno spopolare e mandarli in Africa a farli civili”. Bixio non era un personaggio qualunque della storia risorgimentale. Era uno dei generali di Garibaldi. Per la fantasia collettiva, un ”eroe”

Quando l’11 maggio del 1860 l’Eroe dei Due Mondi era sbarcato con i Mille nel porto di Marsala, sapeva bene che gli sarebbe stato necessaria la partecipazione dei cittadini. Nell’entroterra siculo si erano accese molte speranze di riscatto sociale da parte della media borghesia e delle classi meno abbienti. A Bronte, sulle pendici dell’Etna, la contrapposizione fra nobiltà latifondista – rappresentata dalla Ducea di Nelson, proprietà terriera – e la società civile si fece forte. Il 2 agosto al malcontento popolare si aggiunsero persone provenienti dai paesi limitrofi. L’insurrezione sociale scoppiò in un attimo: vennero date alle fiamme decine di case e di edifici comunali. Quindi furono uccise sedici persone tra nobili, ufficiali e civili, compreso il barone del paese, sua moglie e i due figlioletti, infine un notaio e un prete.

Il Comitato di guerra, creato in maggio per volere di Garibaldi e Crispi, decise di inviare a Bronte un battaglione di garibaldini agli ordini di Bixio. Gli intenti di Garibaldi erano volti al mantenimento dell’ordine pubblico, ma allo stesso tempo sussisteva un problema politico ed economico: proteggere gli interessi dell’Inghilterra (Ducea di Nelson) che aveva favorito lo sbarco dei Mille. Da qui la reazione, che calò impietosa e forse alla cieca, non distinguendo le prove, non individuando i reali responsabili della rivolta e uccidendo, persino, un poveretto che non c’entrava nulla. Alla luce delle successive ricostruzioni storiche, infatti, si appurò che Nicolò Lombardo, ritenuto uno dei capi della rivolta, fosse estraneo alla stessa, ma invitato a fuggire egli si rifiutò di agire in questo modo per poter difendere il proprio onore

7c7ed9d2523a43d3d6a2fb365faf5c21

Bronte è una storia che ancora oggi fa fatica ad accendere le discussioni e ad entrare nei libri scolastici. Per chi non lo sapesse, è una delle pagine che racconta in modo esemplare come l’Unità d’Italia fu una conquista fatta anche con il sangue degli innocenti. Per certi versi poco onorevole, sopratutto per uno stato che voleva sovvertire, nei fatti, le realtà autoritarie che avevano governato e frazionato l’Italia fino alla sua condivisione territoriale.

Se vi capita, leggete la storia di Bronte. Servirà per capire che il passato può essere un labirinto complesso da raccontare e che i vincitori, molto spesso, hanno ben poco da vantarsi rispetto ai guasti e ai peccati dei vinti.

Fonte: ilmamilio.it

Autore Fabrizio Giusti

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Una casa da vivere

Inviato da iPhone

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Una norma regionale penalizza fortemente Bronte e qualche altro comune della Sicilia per i precari . I tempi potrebbero essere abbastanza lunghi ma nel frattempo queste famiglie devono pur vivere . Faccio appello al Sindaco di tamponare l’emergenza reperendo risorse dal bilancio con l’aiuto del nuovo consulente dott. Francesco Bruno di prossima nomina. Intanto con l’occasione ringrazio il Sindaco Graziano Calanna per la fiducia accordatemi per il primo anno della sua amministrazione, per la nomina di consulente a titolo gratuito . Gli auguro di proseguire ad amministrare la nostra città , con la medesima onestà intellettuale avuta fino ad oggi.

Inviato da iPhone

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

BRONTE: “I PRECARI? SONO UTILI LI STABILIZZEREI TUTTI”; STASERA GIRO CON LA PRO LOCO – Bronte118

http://www.bronte118.it/bronte-i-precari-sono-utili-li-stabilizzerei-tutti-stasera-giro-con-la-pro-loco/

Inviato da iPhone

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Invito Mauro Petralia a fare una ricerca dei parenti dei 5 brontesi fucilati da Garibaldi  nel 1860 e consegnare loro una targa, al fine di dissociarsi da quel processo sommario fatto da Nino Bixio 

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Quel 10 agosto del 1860: la strage di Bronte –

http://www.agrigentoierieoggi.it/quel-10-agosto-1860-strage-bronte/

Inviato da iPhone

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Bronte, cronaca di un massacro che i libri di storia non hanno raccontat…

https://youtu.be/N5w8LLk_6Ok

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Bronte Insieme/Storia – I Moti del 1860, dibattiti e ricostruzioni (Il film di Florestano Vancini)

http://www.bronteinsieme.it/2st/mo_602i.html

Inviato da iPhone

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

La strage di Bronte dell’Agosto 1860: per non dimenticare le vergogne di Garibaldi e Nino Bixio | TimeSicilia

http://timesicilia.it/la-strage-bronte-dellagosto-1860-non-dimenticare-le-vergogne-garibaldi-nino-bixio/

Inviato da iPhone

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 5.255 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: