Annunci

Bronte: that Village on Mount Etna where Gold is Green and Delicious – intoSicily. Tipici & Food di Antonio Gulino internazionale

intoSicily intoSicily

You are not from Bronte if you don’t own a pistachio orchard. This is in brief Antonino Gulino’s answer to my ques‐ tion: have you ever participated to a pis‐ tachio harvest? Antonino owns a deli‐ catessen shop in Bronte, Tipici&Food, and he warmly welcomed me to his shop and to his knowledge of pistachios on my stop in this village during my trip on the Circumetnea…

ANTONINO, HIS SHOP AND HIS PIS‐ TACHIO TREE

I was walking on the main street of Bronte when a tree standing in front of the shop of Antonino attracted my at‐ tention. Was that a pistachio tree? It looked quite small to me. Antonino saw me looking around the shop and the tree and he must have read my mind. So he came outside and informed me that that was indeed a pistachio tree and that it was 5 years old. I immediate‐ ly thought: what this man knows about pistachios must goes way before the pistachio is even formed on the tree. So I walked into the shop and engaged in a really interesting conversation with him.

In this part of Sicily pistachio is the sig‐ nature ingredient for about everything. In Antonino’s shop you see pistachio pastes for on your bread in the morning (instead of Nutella). But also pistachio pesto for your pasta and pistachios and tomatoes spread for your bruschetta. Last but not least, simple pistachio nuts, crumbled pistachios for breading and decorating, pistachios in cookies and chocolate bars.

THE GREEN GOLD OF MOUNT ETNA

Pistachios are to Bronte what strawber‐ ries are for Maletto, honey is for Zaffer‐ ana Etnea, and wine is for Viagrande and Castiglione di Sicilia. The produc‐ tion of pistachios in this tiny village perched on the West side of Mount Etna and overlooking a mountainous and deserted inland is famous all over the world. Antonino doesn’t miss the chance to pinpoint how the quality of Bronte’s pistachio is superior to that of pistachios elsewhere. And that is why Sicilians consider Bronte’s pistachios as the green gold of Mount Etna and the European Union gave the DOP pro‐ tection mark (of protected origin) in 2019.

Bronte’s pistachio is greener, tastier and also more expensive. Let’s be honest, pistachios are never the cheapest op‐ tions on the nuts shelves of any super‐ market. Especially recently with new healthy lifestyle trends that label it as superfood. But as for other productions that flourish on the slopes of the Etna (i.e. wine) in Bronte quality prevails over quantity. There are at least three rea‐ sons for this: the life cycle of the pista‐ chio tree itself; the difficulties of har‐ vesting on a rocky landscape; the in‐ credibly rich lava soil that only the high‐ est active volcano of Europe could offer.

CULTIVATING PISTACHIOS ON THE ETNA SLOPES

A pistachio tree needs up to 20 to 22 years to reach full productivity. But even then, it allows its branches to bare fruits only every other year. And it is not even certain that every other year would be a good year. Bad weather conditions can influence the entire production. Partic‐ ularly spring frost. Harvesting pistachios is not less problematic. Antonino asks me to picture people covered head to toe with a suit because the trees release a very sticky resin while working under the sun. The temperature is the highest of the year because the pistachio har‐ vest is in August. The soil is steep and uneven and everyone has to walk with a bag around their neck to gather the pis‐ tachios.

This photo is a courtesy of Antonino. A pistachio grape within his orchard.

Each plant produces 10 to 15 grapes of pistachios on average. Once the pista‐ chio is harvested, a machine takes away its ‘mallo’ which is its outside layer, to prevent it from molding. Finally the pis‐ tachio is left to dry for about 4 days be‐ fore it can be used.

The like of pistachio farmers is hard and uncertain. There is no insurance afford‐ able enough that could cover against unpredictable weather conditions. So everyone here tries to make their best out of a successful harvest year. I listen to Antonino’s prides and concerns nod‐ ding to a reality so far from my own, yet so fascinating.

Antonino offers to bring me to his pista‐ chio orchard. I would love to follow him after his shop closes. Unfortunately there is no time for it and his orchard like all other orchards this year will not produce any pistachios. And it’s truly a pity because it must be a unique expe‐ rience to see a pistachio orchard in bloom. I’ll be back and this is a promise I made to myself more than to him.

Help us spread the love for Sicily

Like Share Tweet

#BRONTE #CIRCUMETNEA #ETNA #GREEN GOLD #LOCAL PRODUCT #PISTACHIO #TYPICAL PRODUCT

CIRCUMETNEA: EXPLORING MOUNT ETNA BY TRAIN

Proudly powered by WordPress | Theme: Gema Lite by PixelGrade.

BRONTE: THAT VILLAGE ON MOUNT ETNA WHERE GOLD IS GREEN AND

DELICIOUS

SICILY by GIULIA – SEPTEMBER 16, 2018

©intoSicily all Rights Re‐

served

ABOUT US

Traduzione in italiano

Non sei di Bronte se non possiedi un frutteto di pistacchi. Questa è in breve la risposta di Antonino Gulino alla mia domanda: hai mai partecipato ad una vendemmia al pistacchio? Antonino possiede un negozio di specialità gastronomiche a Bronte, Tipici & Food, e mi ha accolto calorosamente nel suo negozio e con la sua conoscenza dei pistacchi durante la mia sosta in questo villaggio durante il mio viaggio sulla Circumetnea …

Antonino, il suo negozio e il suo pistacchio

Stavo camminando sulla strada principale di Bronte quando un albero in piedi davanti al negozio di Antonino attirò la mia attenzione. Era un albero di pistacchio? Mi sembrava abbastanza piccolo. Antonino mi ha visto guardarsi intorno al negozio e all’albero e deve aver letto nella mia mente. Così è venuto fuori e mi ha informato che quello era davvero un albero di pistacchio e che aveva 5 anni. Ho subito pensato: ciò che quest’uomo conosce dei pistacchi deve andare molto prima che il pistacchio si sia formato sull’albero. Così sono entrato nel negozio e ho iniziato una conversazione davvero interessante con lui.

In questa parte della Sicilia il pistacchio è l’ingrediente principale di tutto. Nel negozio di Antonino vedi le paste di pistacchio sul tuo pane al mattino (invece di Nutella). Ma anche pesto di pistacchio per pasta e pistacchi e pomodori sparsi per la tua bruschetta. Ultimo ma non meno importante, pistacchi semplici, pistacchi sbriciolati per impanare e decorare, pistacchi in biscotti e barrette di cioccolato.

l’oro verde del monte Etna

I pistacchi sono a Bronte quali fragole sono per Maletto, il miele è per Zafferana Etnea, e il vino è per Viagrande e Castiglione di Sicilia. La produzione di pistacchi in questo minuscolo villaggio arroccato sul versante occidentale dell’Etna e affacciato su un entroterra montuoso e deserto è famoso in tutto il mondo. Antonino non perde l’occasione di scoprire come la qualità del pistacchio di Bronte sia superiore a quella dei pistacchi altrove. Ed è per questo che i siciliani considerano i pistacchi di Bronte come l’oro verde dell’Etna e l’Unione Europea ha dato il marchio di protezione DOP (di origine protetta) nel 2019.

Pistacchio di Bronte

Il pistacchio di Bronte è più verde, saporito e anche più costoso. Siamo onesti, i pistacchi non sono mai le opzioni più economiche sugli scaffali matti di un supermercato. Soprattutto di recente con nuove tendenze di stile di vita sano che lo etichettano come superalimentare. Ma come per altre produzioni che fioriscono sulle pendici dell’Etna (cioè il vino) in Bronte la qualità prevale sulla quantità. Ci sono almeno tre ragioni per questo: il ciclo di vita del pistacchio stesso; le difficoltà di raccolta su un paesaggio roccioso; il terreno lavico incredibilmente ricco che solo il vulcano attivo più alto d’Europa poteva offrire.

Pistacchi coltivati ​​sulle pendici dell’Etna

Un albero di pistacchio ha bisogno di 20-22 anni per raggiungere la piena produttività. Ma anche allora, permette ai suoi rami di spogliare frutti solo ogni due anni. E non è nemmeno certo che ogni due anni sarebbe un buon anno. Le cattive condizioni atmosferiche possono influenzare l’intera produzione. Soprattutto il gelo primaverile. La raccolta dei pistacchi non è meno problematica. Antonino mi chiede di immaginare le persone coperte dalla testa ai piedi con un vestito perché gli alberi rilasciano una resina molto appiccicosa mentre lavorano sotto il sole. La temperatura è la più alta dell’anno perché la raccolta del pistacchio è in agosto. Il terreno è ripido e irregolare e tutti devono camminare con un sacco al collo per raccogliere i pistacchi.

Questa foto è una cortesia di Antonino. Un’uva di pistacchio nel suo frutteto.

Ogni pianta produce in media da 10 a 15 uve di pistacchio. Una volta raccolto il pistacchio, una macchina toglie il suo “mallo” che è il suo strato esterno, per evitare che si formi. Infine il pistacchio viene lasciato asciugare per circa 4 giorni prima di poter essere utilizzato.

Il gusto dei coltivatori di pistacchi è duro e incerto. Non esiste un’assicurazione abbastanza abbordabile che possa coprire condizioni meteorologiche imprevedibili. Quindi tutti qui cercano di trarre il massimo da un anno di successo. Ascolto gli orgogli e le preoccupazioni di Antonino che annuiscono a una realtà così lontana dalla mia, eppure così affascinante.

Antonino mi offre di portarmi nel suo frutteto di pistacchio. Mi piacerebbe seguirlo dopo che il suo negozio si è chiuso. Purtroppo non c’è tempo per questo e il suo frutteto come tutti gli altri frutteti quest’anno non produrrà alcun pistacchio. Ed è davvero un peccato perché deve essere un’esperienza unica vedere un frutteto di pistacchio in fiore. Torno e questa è una promessa che ho fatto a me stesso più che a lui.

Annunci
Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: