Ottima pubblicità del Venerdì Santo brontese, complimenti a tutti coloro che hanno messo a disposizione della comunità brontese il loro impegno

Inviato da iPhone

IMG_3907

Bronte. Settimana Santa 2017

8 aprile 201716 aprile 2017

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this pageEmail this to someone

Programma

Sabato 8 Aprile 2017 – Concerto della Passione

ore 19:30 – Convento Frati Cappuccini – Esecuzione di canti e momenti di orazione, messi in opera dal Coro Polifonico “Ven. Ignazio Capizzi” di Bronte. A seguire, inagurazione mostra “Fede, folclore e tradizione… la cultura consegnata dai nostri padri”

Mostra fotografica “Espressione e Passione di una tradizione” che illustra l’evoluzione della processione nel tempo

Esposizione degli antichi abiti processionali in uso fino a metà anni ’80 e dei cimeli tradizionali, al presente, caduti in disuso

Raccolta di crocifissi ottocenteschi della collezione di Don Antonino Rubino


Domenica 9 Aprile 2017 – Domenica delle Palme

Nella mattinata, le rispettive comunità parrocchiali, svolgono la benedizione delle palme e dei ramoscelli d’ulivo, seguite dalla processione esterna in ricordo dell’accoglienza di Gesù a Gerusalemme. Successivamente si celebrano le SS. Messe

ore 19:00 – La parrocchia Madonna del Riparo organizza la Via Crucis vivente presso la Sciara Sant’Antonio


10, 11 e 12 Aprile 2017 – Lunedì, Martedì, Mercoledì Santo

La tradizione vuole che, durante questi giorni precedenti il Triduo Pasquale, presso la Chiesa Madre, si celibrino le solenni Quarantore. In tutte le altre parrocchie, celebrazioni delle SS. Messe in preparazione al Triduo Pasquale.


TRIDUO PASQUALE DELLA PASSIONE, MORTE E RESURREZIONE DEL SIGNORE

13 Aprile 2017 – Giovedì Santo

In serata, nelle diverse parrocchie, si celebra la Messa in Coena Domini unita alla rievocazione della lavanda dei piedi. Al termine delle SS. Messe, reposizione del SS. Sacramento nel Repositorio.

Da questo momento impera silenzio, vengono “legate” le campane in segno di penitenza, le quali, riprenderanno il festoso suono, durante la Notte Santa. Non si urla, non si schiamazza, ma si assume un atteggiamento di preghiera e di riflessione.

Ore 23:00 – Veglie comunitarie. Durante la nottatta il corso Umberto si gremisce di fedeli volti alla visita degli altari repositori in atteggiamento di orazione.


14 Aprile 2017 – Venerdì Santo

La mattina del venerdì è ancora dedicata all’adorazione di Gesù. Nel frattempo, ha luogo la sistemazione e l’allestimento delle quattro statue raffiguranti il Cristo e la Madre Addolorata e delle relative vare devozionali, adornata cole le primizie della terra.

ore 15:00Passione del Nostro Signore Gesù Cristo in tutte le realtà ecclesiali con adorazione e bacio della Crote

ore 16:30 – Partenza del SS. Crocifisso dalla Chiesa Madonna del Riparo, visita del P.O. Castiglione-Prestianni, dove gli ammalati e il personale ospedaliero affidano le loro sofferenze e il loro servizio al Signore Crocifisso

ore 17:00 – Muove l’urna del Cristo Morto dal convento San Felice da Cantalice retto dai frati cappuccini. Aprono il corteo le confraternite Maria SS. Della Misericordia e Terz’Ordine di San Francesco. Proseguendo lungo il Corso Umberto, all’altezza della Chiesa Madonna della Catena, si aggiunge la confraternita San Carlo Borromeo

ore 18:00 – Giunti in Chiesa Madre, ha inizio la tradizionale processione con l’uscita della Madonna Addolorata che, si inchina al passaggio del Figlio Crocifisso e Morto. Inoltre, si aggiungono ulteriori realtà, componendo il corteo così di seguito: L’Arciconfraternita del SS. Sacramento (che si accoda alle tre confraternite già in processione); Il Clero e ministranti; “I misteri”; Gli apostoli, Ponzio Pilato e i soldati romani; Le due figure del Cristo e il Cireneo seguite da ex voto Marta, Mario e Maddalena; Uomini cattolici; Autorità civili e militari

ore 19:00 – La processione si completa in Piazza Gagini con l’uscita del fercolo del Cristo alla Colonna e della confraternita Gesù e Maria. D’ora in avanti il corteo procede per il centro storico della città, percorrendo le tradizionali vie tra inni, invocazioni e preghiere dei fedeli che, a piedi scalzi fanno voto al Cristo e alla Madre Addolorata, la quale va alla ricerca del figlio flagellato, crocifisso e morto. Le statue dell’Addolorata e del Cristo alla Colonna rispettivamente posizionate: la prima all’incrocio tra via Piracmon e via Polifemo; la seconda in via Benedetto Radice, incrociano lo sguardo secondo la consuetudine tradizionale

Dalle ore 20:00 alle 20:30 – Sosta in piazza Spedalieri, accompagnata dalla recita dell Via Crucis seguita dal canto dei lamenti del Signore

ore 21:30 – Attraverso il Corso Umberto, si giunge nuovamente in Piazza Gagini, gremita di fedeli in attesa dell’arrivo delle quattro statue che riprodurranno il tradizionale momento dell’Incontro. In questa circostanza, i portatori della vara, invocano ‘a misericoddia ri Diu, e ‘a bella Matri Addolorata’. A seguire, breve esortazione e invocazione sulla comunità civile e le campagne. Al termine, rientro del fercoli del Cristo alla Colonna nel Santuario dell’Annunziata

ore 22:30 – Arrivati dinanzi il sagrato della Chiesa Madre, la Banda “San Biagio” eseguirà la marcia funebre “Venerdì Santo” in onore alla Madre Addolorata straziata dalla sofferenza nel vedere il proprio Figlio morto. Recita di preghiere ed invocazioni che accompagnano il rientro in Chiesa della Madre Addolorata. A tal proposito, i portatori di vara, adottano una movenza ondeggiante, figurativa dell’amaro tormento patito dalla Vergine Madre.

ore 23:00 – All’altezza della Chiesa Madonna della Catena, il coro polifonico “Ven. Ignazio Capizzi” di Bronte, eseguirà il canto Popule Meus. Successivamente le due statue del Cristo Crocifisso e del Cristo Morto, risaliranno per il corso Umberto per raggiungere le rispettive chiese.


15, 16 Aprile 2017 – Sabato Santo e Domenica di Resurrezione

Veglia pasquale e SS. Messe di Resurrezione del Signore. Il silenzio, iniziato la notte del giovedì Santo, si protrae fino alla celebrazione della Notte Santa, momento in cui le campane vengono simbolicamente “slegate” per riprendere il loro suono gioioso che annuncia la Resurrezione di Cristo

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by WordPress.com. Tema: Adventure Journal di Contexture International.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: