Annunci

Archivi del mese: Ottobre 2015

ALLERTA METEO: DOMANI SCUOLE CHIUSE A RANDAZZO, BRONTE E MANIACE

11214171_930753163628312_802195929012503510_nA CAUSA DELL’ALLERTA METEO DIRAMATO DALLA PROTEZIONE CIVILE REGIONALE, SI COMUNICA CHE DOMANI, 31 OTTOBRE 2015, LE SCUOLE DI RANDAZZO, BRONTE (SCUOLE SUPERIORI) E MANIACE SARANNO CHIUSE A SEGUITO DI ORDINANZA DEI SINDACI; CONFERMA ANCHE DELLA CHIUSURA DELLE SCUOLE DI ADRANO E BIANCAVILLA,MENTRE A MALETTO, IL SABATO, LE SCUOLE SONO CHIUSE PERCHE’ SI EFFETTUA LA SETTIMANA CORTA;

Annunci
Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Verso un nuovo governo regionale

LA CORSA AL GOVERNO REGIONALE
MANLIO VIOLA

30/10/2015 11:04

“La prossima settimana il Cipe si riunirà e, in quell’occasione, ancora una volta il governo nazionale confermerà il suo impegno a finanziare i provvedimenti di ridefinizione dei Fondi di sviluppo e coesione richiesti dalla Sicilia. Nessun allarmismo: abbiamo preso un impegno e questo impegno verrà mantenuto nei tempi prestabiliti”.

Il sottosegretario Davide Faraone rassicura così i Forestali, il costituendo governo,m il Parlamento siciliano e tutti i siciliani. I fondi Cipe arriveranno già la prossima settimana. Ci saranno i fondi per i forestali ma anche tutti gli altri fondi concordati per raggiungere la fine del 2015 senza altri intoppi.

Ma ciò che Faraone non scrive chiaramente e che è solo fra le righe è che da Roma stanno per dire sì anche ai fondi per il bilancio 2016, il miliardo e 400 milioni necessario per il bilancio di previsione del prossimo anno. Sarà uno scambio di favori fra Roma e Palermo. Ci sarà un trasferimento di funzioni a fronte del quale arriveranno risorse e Palermo rinuncerà ad un pezzo di autonomia fiscale.

Di fatto Roma ottiene di cominciare a smontare lo Statuto e in cambio permette a Crocetta di restare in sella pagandolo per questo risultato che riguarderà anche il futuro della Sicilia. E come se non bastasse in cambio ci sarà anche posto per tutti in giunta.

Una giunta che dovrà nascere entro sabato e non solo perchè questo è il nuovo ultimatum di Crocetta lanciato da Tunisi. Sabato, stavolta, è davvero uno spartiacque. Se la giunta non nascesse domani rischierebbe di non nascere più e l’accordo, ormai, è quasi raggiunto.

Quasi è la parola giusta perché il gioco degli indecisi rischia di far saltare la mappa delle deleghe alla quale si era cominciato a lavorare ieri sera dopo l’accordo ‘numerico’ sulla divisione degli assessori.

I nodi sono quattro e due di questi, la metà,riguardano il Pd, Innanzitutto il balletto di Giuseppe Lupo che cambia idea due tre volte al giorno sull’entrare po meno personalmente. Una volta entra lui, una volta Barbagallo, un’altra volta lascia Purpura e alla fine sembra che mandi in giunta una donna ovvero la Cirone anche per rispettare le quote rosa.

Se Lupo non entra personalmente Cracolici tentenna. Lui ha voglia di impegnarsi ma non vuole essere l’unico capocorrente. Così i cuperliani potrebbero, alla fine, mandare in giunta Marziano e Raia. Confermati Baccei e Gucciardi ci sono dubbi, in area Renzi, su Vania Contrafatto sulla quale sono piovuti molti veti ma lei resiste.

I renziani sono, comunque, alla fine i veri vincitori di questa sfida. Tre assessori li ottengono direttamente e poi potranno contare su almeno altri due assessori ‘alleati’ ovvero almeno un Pdr Sicilia Futura (se non due) e un Psi Megafono.  Quindi, alla fine, l’area Renzi allargata potrebbe contare su mezza giunta e perfino rivendicare qualche posto in Parlamento fra capogruppo, vice presidente Ars e presidenze Cmmissione Affari istituzionali e Attività Produttive che vanno a liberarsi con questo rimpasto.

Ma il terzo nodo è quello di un altro indeciso: Ncd. Il gioco di entro o non entro continua e dunque danza anche la possibilità di un posto per Luisa Lantieri di Sicilia Democratica anche se l’eventuale no di Ncd, se confermato, tornerebbe a svegliare Sicilia Futura che sembrava essersi accontentata, alla fine, di un solo assessore.

A conti fatti ecco la mappa probabile del governo di domani: Area Renzi tutto resta così com’è Baccei, Gucciardi e Contrafatto (ma Laccoto sta alla finestra ad attendere anche se ha la sfortuna di essere maschietto in tempi di quote rosa), area dem Giuseppe Lupo (o la Cirone) e in realtà anche questo assessorato è per metà renziano. Area Cuperlo Cracolici (o Marziano se non entra Lupo) e Raia. L’Udc manda Pistorio alle infrastrutture e colloca Gianluca Micciché. Mariella Lo Bello, donna di fiducia del Presidente, tiene le Attività produttive e lascia la Formazione. Il Pdr Sicilia Futura lascia Croce al territorio, entra Di Giacinto in quota Psi Megafono e poi resta la danza per l’ultimo posto per il quale dovranno vedersela in tre. Da un alto Ncd favorito ma se rinunciasse in pole position ci sarebbe Luisa Lantieri di Sicilia democratica fino ad oggi in panchina ma attaccata da Pdr Sicilia Futura che tornerebbe a chiedere il secondo posto per Lentini. Una guerra fra ex compagni di partito.

E intanto i soldi del fondo di riserva per la sanità vanno ai Forestali per placare la piazza e giocando un po’ con il fuoco perché è vero che la settimana prossima il Cipe libera le risorse ma se dovesse esserci un ritardo i rischi non sono pochi. E non si parla di impugnativa. si rischia di spostare lo stop imposto ai Forestali in un delicato settore come la sanità al prima incidente economico di percorso

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Avviso agli studenti di Bronte, domani niente scuola, tutti a casa c’e’ allerta meteo.

ORDINANZA_N._66_DEL_30.10-2015-001

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Questa deve essere la festa del 31/10/2015

1157512_596687540386051_294453598_n

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Allerta meteo, codice rosso nella nostra zona. Guarda il bollettino

15303_AVVISO DRPC_2015_10_30_63962

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Catania : Revisore dei Conti Carlo Cittadino ‘ Bianco mi vuole far fuori .’

di Ignazio De Luca

Il revisore dei Conti, Carlo Cittadino, attraverso il suo legale, contesta la legittimità dell’avviso  pubblico per l’incarico triennale al collegio dei Revisori dei Conti, I lettori, possono leggere le corpose e fondate motivazioni, alla fine di queste brevi riflessioni.

Carlo Cittadino è Revisore dei Conti ” scomodo “, ha avuto conflitti, sia con l’amministrazione Stancanelli che con l’attuale, guidata da Bianco. Spesso i suoi pareri contabili fanno a pugni con i provvedimenti di spesa adottati dai burocrati Catanesi servi sdraiati del politicante di turno.

Riguardo il ricorso bisogna dire che tratto distintivo di questa amministrazione Bianco è la Non legalità degli atti amministrativi, infatti il giochetto consiste nell’adottare un atto illegittimo, ma funzionale al mercato delle vacche per tenere in sella Bianco, che altrimenti già sarebbe stato cacciato.

Quando le Procure si scioglieranno dal loro torpore profondo, magari in prossimità della fine della legislatura del quarto Bianco, gli avvisi di garanzia saranno acqua fresca perché sarà intervenuta la prescrizione. Ecco l’impunità è servita.

Non sarà un caso che il collegio di difesa, composto da professionisti amici storici di Bianco, sia stato riesumato a Catania ed è l’unico degli oltre 8000 Comuni d Italia.

Infine tra il serio e faceto azzardiamo un ipotesi nel merito di questo ulteriore atto Non legale della giunta Bianco.

Pensiamo che Bianco risanerà il default del Comune nominando come revisore Rosso mendace. Lui è aduso a truccare le carte con dichiarazioni mendaci, gli risulterà abbastanza agevole e in consuetudine trasformare l’abisso negativo delle casse in positivo.

Egr. Sig.

Sindaco del Comune di

CATANIA

Egr. Sig.

Direttore della Presidenza

Del Consiglio Comunale di

CATANIA

Catania 29.10.2015

Oggetto: avviso pubblico per la nomina dei revisori legali

Scrivo in nome e per conto del dott. Calogero Cittadino, mio assistito, per contestare la legittimità dell’avviso pubblico per la nomina del collegio dei revisori legali 2015/2018, pubblicato il 23.10.2015, in esecuzione della determina dirigenziale n. 29 del 23.10.2015, successivamente rettificato a seguito del provvedimento dirigenziale n. 31 del 28.10.2015 e per chiedere che lo stesso venga annullato in autotutela  e ciò per quanto di seguito:

a) il mio assistito non può essere sostituito perché non sono decorsi tre anni dalla sua nomina.

Invero, lo stesso si è insediato, tardivamente, per illegittimità  imputabili all’A., in esecuzione della ordinanza del TAR Catania n. 73/2013 del 31.1.2013 che ex tunc ha sospeso l’esecutività della delibera di CC n. 52 del 26.11.2012 , nella parte in cui era stato designato quale terzo componente del collegio il dott. Massimiliano Lo Certo, invece che il dott. Calogero Cittadino.

Conseguentemente, poiché il mandato dei revisori è di tre anni, non si può procedere in toto alla rielezione del collegio dei revisori, posto che il dott. Cittadino completerà il triennio il 17.4.2016 , tenuto conto che  si è insediato con decorrenza dal 18.4.2013, come da verbale redatto a seguito dell’adozione della deliberazione del C.C. n. 20 del 17.4.2013, che ha appunto per oggetto l’esecuzione dell’ordinanza del Tar n. 76/2013, confermata dal CGA di Palermo.

Né si può obiettare che il componente sostituito si insedia per il tempo residuo di durata del collegio dei revisori, perché la norma che dispone in tal senso, ovvero  l’art. 235 del DLT 18.8.2000,  fa riferimento ovviamente solo alle sostituzioni non imputabili all’A. e dipendenti da dimissioni volontarie o  altre ipotesi di decadenza.

b) In ogni caso l’avviso è palesemente illegittimo, perché intende procedere per il rinnovo del collegio dei revisori, applicando il procedimento elettorale di nomina dettato dalla L.R. 11.12.1991 n. 48, che recepisce l’art.57 della L 142/1990, nonostante tale norma regionale deve essere ritenuta ormai superata ed abrogata, sia dall’art. 16 comma 25, del D.L. 13.8.2011 n. 138, convertito con modificazioni dalla L. 14.9.2011 n. 148 che dall’art. 22 della L.R. 4.8.2015 n. 15, che recepisce la legislazione  nazionale e che dispone che i revisori sono scelti mediante estrazione a sorte tra i soggetti iscritti nel registro dei revisori legali di cui al D.L.vo 27.01.2010 n. 39, nonchè tra gli iscritti all’ordine dei dottori commercialisti e dei dottori contabili che abbiano chiesto di partecipare alla procedura.

Ricezione in toto della legislazione nazionale senza che possano operarsi distingui illegittimi che determinerebbero irrazionali determinazioni e violazione dei più elementari principi costituzionali.

Nel Decreto dell’Assessore Regionale delle Autonomie Locali e della funzione pubblica n. 231 del 7.10.2015, emanato in esecuzione del quarto comma del citato art 22 della legge 15/2015, per disciplinare  le procedure di selezione, mediante estrazione a sorte, dei revisori dei conti, si richiama, peraltro, nel preambolo anche l’art. 57 della L. 142/1990, come recepito dalla L.R. 48/1991 ed agli artt. da 234 a 241 del decreto legislativo 18.agosto 2000 n. 267, perché ovviamente si è tenuto conto che tali norme sono ormai superate dalla nuova disciplina regionale, che necessariamente ha recepito in toto la legislazione nazionale in materia, senza che si possano ipotizzare residui ambiti di applicazione e di vigenza delle stesse, che non avrebbero alcun senso e che determinerebbero gravi violazioni di norme costituzionali.

Si chiede pertanto l’annullamento in autotutela dell’avviso di cui in oggetto, con avvertenza che in mancanza dovrò attivare per il mio assistito ogni necessaria iniziativa di tutela dei suoi diritti ed interessi dinnanzi alla competente autorità giurisdizionale.

In attesa di urgente riscontro mi è gradita l’occasione per porgerLe

Distinti Saluti.

Avv. Salvatore Cittadino

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Omicidio Lorys, il video di tutti gli spostamenti di Veronica Panarello pubblicato il 28 ottobre 2015 alle ore 12:26 Ecco cosa è successo la mattina del 29 Novembre secondo la ricostruzione della Procura di Ragusa attraverso l’utilizzo di telecamere della videosorveglianza pubblica e privata. La mamma del piccolo Lorys esce di casa alle 8.30; subito dopo una sagoma rientra nello stabile: di chi si tratta? Alle 8.33 una macchina compatibile con quella della Panarello si dirige verso il mulino vecchio (zona in cui è stato ritrovato il corpo della vittima) mentre alle 8.48 la donna rientra in casa per poi uscire 36 minuti dopo, verosimilmente per strangolare il figlio. Infine vi proponiamo le ultime immagini del piccolo Lorys – risalenti al 27 Novembre – che entra al panificio per comprare un panino per poi rientrare nella macchina della madre.

http://youmedia.fanpage.it/video/aa/Vi95teSw_fe6aaTc

https://youmedia.fanpage.it/embed/VcTaCeSwL-CP033C?bar=1&autoplay=1

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Giovanni Falcone durante il Maurizio Costanzo Show viene aggredito e accusato verbalmente da un sconosciuto politico democristiano che diventerà Presidente della Regione Sicilia Totò Cuffaro

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

METEO SICILIA: tra Sabato e Domenica RISCHIO ALLUVIONE! MASSIMA ALLERTA! Fino a 300mm di PIOGGIA in36 ore, ATTENZIONE !

Previsioni meteo Sicilia, alluvione in arrivo

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

La littorina e la mucca

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Powered by WordPress.com. Tema: Adventure Journal di Contexture International.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: