Annunci

Prima Lombardo adesso D’Alia, fate scelte che solo voi capite, non ascoltate la base che vi sostiene, solo per quella sporca poltrona che volete occupare. Il MPA di Lombardo e’ scomparso dalla scena politica solo per certe decisioni azzardate ed a turno penso che adesso sia la volta di D’Alia. Chi va in braccio ai traditori a sua volta verra’ schiacciato. Buona fortuna con la speranza che il sipario non scenda il 26/05/2014 dopo le europee. Una cosa e’ certa a livello locale l’UDC si e’ schierata contro Firrarello e tale rimarra’ fino alla fine, cosi’ come dichiarato in sede consiliare dal capogruppo Di Mulo. Caro D’Alia a Bronte hai gia perso la partita

VERSO LE EUROPEE

“Udc in lista con il Ncd”
Arriva l’annuncio di D’Alia

Domenica 30 Marzo 2014 – 15:58 di 
Articolo letto 132 volte

SEGUI

A Catania, D’Alia interviene anche sul dibattito in merito al rimpasto nel governo Crocetta: “L’appoggio dell’Udc è condizionato ai patti sottoscritti prima delle elezioni”.

alfano, crocetta, d'alia, europee, ncd, udc

 

 

EUROPEE

“Udc in lista con il Ncd”
Arriva l’annuncio di D’Alia

Domenica 30 Marzo 2014 – 15:00 di 
Articolo letto 238 volte

SEGUI

A Catania, D’Alia interviene anche sul dibattito in merito al rimpasto nel governo Crocetta: “L’appoggio dell’Udc è condizionato ai patti fatti prima delle elezioni”.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

VOTA
0/5
0 Voti

giampiero da'alia, giovanni pistorio, ncd, rimpasto, udc

CATANIA – “Ormai è pressoché certo, alle europee faremo lista unica con il Nuovo centrodestra di Angelino Alfano”. Così Giampiero D’Alia, presidente dell’Unione di centro ed ex ministro della Funzione pubblica, ha aperto i lavori del comitato regionale del partito di Pierferdinando Casini convocato per oggi a Catania. “Non c’è alcuna confluenza – ha spiegato – ma un ragionamento in corso per cominciare a definire un percorso comune in vista di un’offerta che possa intercettare i moderati in alternativa al centrosinistra. Speriamo – continua D’Alia – che nei prossimo giorni si possano vedere i frutti di un percorso che ci vede già assieme con Alfano alla guida del governo del paese”. Insomma, l’area centrista si riaggrega dentro la casa comune del Partito popolare europeo. Il simbolo sarebbe addirittura già pronto. Campeggerà sicuramente lo scudocrociato all’interno del cartello che metterà assieme Udc, Ncd e i Popolari per l’Italia.

Aperto dunque il toto-candidature. Giovanni Pistorio, segretario regionale dell’Udc, conferma la propria disponibilità a concorrere all’europarlamento. Non escludendo però un opzione in favore dell’assessore regionali agli Enti locali Patrizia Valenti, presente oggi a Catania e quotata come espressione tecnica dello scudocrociato nella giunta Crocetta: “Abbiamo – riferisce Pistorio – anche la sua disponibilità. È mia amica, e sia è dimostrata sempre una personalità competente e generosa. Certo, profilandosi un percorso comune con Alfano, punteremo su candidature di qualità”.

Al centro del confronto di oggi ci sono inevitabilmente i futuri assetti del governo Crocetta. E mentre tra i corridoi circola il rumors di un ingresso in giunta di Pistorio, è lo stesso segretario regionale dell’Udc a reimpostare la questione: “La discussione sul rimpasto si è involuta su di una questione di posti e di nomine e si perso di vista il rilancio dell’azione di governo, attraverso un cambio profondo del suo profilo politico, con un impegno diretto dei partiti. C’è stata – continua Pistorio – troppa solitudine del presidente Crocetta. Questo è un limite. Oggi sceglieremo il profilo della nostra eventuale adesione al governo”.

E’ di nuovo D’Alia a fissare i paletti del sostegno Udc a Crocetta. “L’appoggio dell’Udc è condizionato ai patti fatti prima delle elezioni. C’è un dovere di lealtà che passa dal risanamento politico-finanziario e da un impegno in favore della crescita. È arrivato il momento di fare cose concrete”.

Il presidente dello scudocrociato compila dunque l’agenda delle priorità: “Non c’è alcuna fibrillazione. C’è semmai la necessità dopo un anno di fare una riflessione. Vogliamo che il governo e la maggioranza siano più compatti nell’affrontare almeno dieci emergenze. C’è da affrontare il nodo del pagamento dei debiti della pubblica amministrazione. Bisogna poi sburocratizzare la Regione, e favorire un sistema sanitario che sappia puntare alla prevenzione. Questo – conclude D’Alia – lo chiediamo a Crocetta, ma anche al Partito democratico, che con noi sono i fondatori di questa coalizione. Meno chiacchiere dunque e più fatti”.

Ultima modifica: 30 Marzo ore 15:10
Annunci
Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by WordPress.com. Tema: Adventure Journal di Contexture International.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: