CARA MINEO – E SI INVENTANO L’ENNESIMO SOTTOGOVERNO

INVIATO DA WEBMIN IL LUN, 10/02/2014 – 09:54
PDR

 

Non gli basta spendere decine di milioni di euro con un appalto scaduto da oltre un anno.

Non basta che gli uffici della SISIFO, che gestisce questo appalto, abbiano sede a casa dell’onorevole Giovanni La Via (a sua insaputa), compagno di partito e cordata dell’ex Soggetto Attuatore dello stesso CARA, Giuseppe Castiglione.

Non basta che ad ottenere 144.000 euro al mese sia quella Croce Rossa gestita dal presidente del consiglio comunale di Fiumefreddo, Stefano Principato, membro di altra corrente di centro destra facente capo a Pogliese-Catanoso e della quale risultano dipendenti altri politici ed ex assessori.

Non bastano le spese per manutenzioni, quelle telefoniche per decine di migliaia di euro con una ditta privata, le assunzioni senza controllo.

A breve si andrà alle elezioni europee e a stretto giro le politiche.

Ed ecco l’ennesimo stratagemma per creare carrozzoni: “le commissioni territoriali per il riconoscimento della protezione territoriale”.

Il 23 gennaio il ministro degli Interni Angelino Alfano ne ha nominato i componenti. (Pubblichiamo in calce il decreto, magari qualcuno potrà trovarne altri di nominativi interessanti)

Accanto a prefetti, vice prefetti e dirigenti di Polizia, vi sono quelli designati, perchè così prescrive la legge, dall’ente territoriale competente, nel caso della Sicilia il sindaco di Siracusa Giancarlo Garozzo.

Tra questi, una lista di 19 nominativi, spiccano, almeno al momento, gli ultimi due: Federica Quattrocchi e Giulio Ciccia.

Dovranno svolgere un compito immane: valutare i requisiti di uomini e donne che hanno compiuto traversate di centinaia di chilometri, sopravvissuti a guerre e persecuzioni, visto morire compagni, figli e fratelli, per poter ottenere lo status di “rifugiati” e quindi accedere alla “protezione internazionale”.

E da chi dovrannno essere “giudicati” questi sopravvissuti alle tragedie più immani? Da ragazzini poco più che ventenni? E perchè?

Vediamo allora chi sono i “commissari”,

Federica Quattrocchi, leggiamo su Facebook, è nata a Catania il 25 marzo 1992, non ha quindi ancora 22 anni.

Ha studiato al Lombardo Radice ed è iscritta a Scienze Politiche.

Risulta fidanzata (“impegnata si dice su FB) con Livio Gigliuto, 28 anni, figlio di Salvo (già coordinatore della Margherita) ed “consulente per il marketing territoriale” del sindaco Enzo Bianco.

Federica Quattrocchi è stata anche candidata alle scorse elezioni comunali nella lista a sostegno di Enzo Bianco.

Altro componente della commissione, designato sempre dal sindaco di Siracusa Giancarlo Garozzo e nominato dal Minstro Alfano, è Giulio Ciccia.

Viene definito “Fratello” da Livio Gigliuto nel suo profilo FB, ha 24 anni ed è il segretario catanese dei Giovani Democratici.

Riuscirà a chiarire qualcuno come siano finiti a fare i componenti delle “Commissioni Territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale”?

Non sappiamo se il lavoro dei “commissari” venga in qualche modo retribuito, in ogni caso “fa curriculum” ed oggi si sa quanto conta un “buon curriculum”.

E a proposito, non risultano depositati da nessuna parte, o almeno non pubblicati, i curricula dei giovani commisari…ma di certo i meriti e le competenze saranno…bianchissimi.

Se questa è primavera, temiamo fortemente l’inverno che verrà.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by WordPress.com. di Contexture International.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: