A proposito di Giuseppe Lazzaro Danzuso

L’AMMINISTRAZIONE DEL SINDACO BIANCO COMBINA UN PASTICCIACCIO NELL’UFFICIO STAMPA NE ESERCITA LE FUNZIONE UN GIORNALISTA IN CONFLITTO CON LO STESSO COMUNE DI CATANIA

di Ignazio De Luca

Nossignori. Non si può più tacere la farsesca situazione dell’ufficio stampa del Comune Catania. Insediatosi Bianco, il capo ufficio stampa del Comune, dipendente in pianta stabile fin dal 2001, Sebastiano Molino, con uno strano ordine di servizio è stato “mandato “allo sport.
Diciamo strano ordine di servizio, perché non si hanno notizie delle competenze sportive del dott. Sebastiano Molino, piuttosto sappiamo che nell’organigramma della struttura comunale :Ufficio Stampa, Comunicazione e Ufficio Relazioni Pubblico, sono un organizzazione direzionale del Gabinetto del Sindaco cui è preposto un funzionario in posizione organizzativa con alta professionalità, ruolo ricoperto appunto dal dott. Sebastiano Molino, sin, se la lmemoria non ci inganna, dal 2001.

Dicevamo che con la quarta Primavera della Sindacatura Bianco, avvenuta nel fiorile 2013, il capo ufficio Stampa Molino, si è ritrovato, dopo un lungo periodo di legittime ma incaute e improvvide ferie, sbattuto allo sport. Vi domanderete perché? Presto detto ! Bisognava fare posto all’addetto stampa del Candidato Sindaco Bianco, Giuseppe Lazzaro Danzuso, che nel mese dedicato alla Madonna assume, di fatto, le funzioni di capo ufficio Stampa del Comune di Catania, con tutti gli annessi e connessi: stanza accanto al capo di gabinetto del Sindaco, fax, telefoni, insomma utilizzazione piena dei beni strumentali del Comune, compresa auto di servizio, se il tempo sconsiglia l’uso dello scouter personale. Beh, poco male, penserete voi, il Sindaco Bianco la cui fama di trasparenza e legalità ha superato i confini Patri, adotterà un provvedimento nominando il suo ex addetto Stampa capo ufficio Stampa del Comune. Nonsi ! Direbbe Catarella il piantone del Commissariato di Vigata. Questo provvedimento, stranamente, non arriva, sotto vi diremo perchè.

Assolutamente peculiare l’organizzazione dell’ufficio stampa del Comune di Catania, il dott. Sebastiano Molino, dipendente del Comune di Catania, è inamovibile dalla sua posizione. Ciò non di meno il Sindaco Bianco avrebbe potuto nominare il suo (ex) addetto stampa, in piena trasparenza e legalità, portavoce ai sensi della legge 150/2000. Ma fino ad oggi non lo ha fatto! Perché ? Ma in tutti questi mesi chi e come è stato pagato il dott. Giuseppe Lazzaro Danzuso? Ha prestato la sua opera gratuitamente? Difficile da credersi! Come mai nel filone delle decine di consulenze gratuite dispensate in questi mesi, che dopo poco dal conferimento si trasformano in onerose, l’ex addetto stampa non è stato insignito del provvedimento formale? Crediamo di avere la risposta, ma prima di esplicitarla vogliamo fare una breve premessa.

Il dott. Giuseppe Lazzaro Danzuso, tranne un breve periodo all’Ansa, ha bazzicato (quasi) sempre condomini politici etichettati di destra o comunque moderati, lo ricordiamo a metà degli anni duemila come addetto stampa del Consiglio Comunale di Catania, Sindaco la buon’anima di Umberto Scapagnini, subito dopo entra nell’orbita autonomista della colomba bianca di Raffaele Lombardo, salvo poi nel 2012, mentre il Movimento delle Autonomie sbaraccava, nel fuggi fuggi generale, riesce ad accaparrarsi il posto di capo addetto stampa del Sindaco della primavera Catanese.

Malauguratamente nel pieno dei festeggiamenti per il brillante risultato conseguito al primo turno dal Sindaco Bianco, arriva il guastafeste.
Guastafeste col n. 181 del 24 maggio 2013, sentenza della sezione Giurisdizionale d’appello della Corte dei Conti della Regione Siciliana.
I Giudici Contabili d’appello contestano ad amministratori e dirigenti del Comune di Catania danno erariale per poco più di centomila euro causato dagli incarichi di addetti stampa conferiti a tre giornalisti di cui uno era proprio lo stesso dott. Danzuso. Addirittura la Corte d’Appello dei giudici Contabilioltre alla rifusione del danno in favore del Comune di Catania, fa pelo e contropelo ai ” funzionari professionalmente molto qualificati e dotati di lunga esperienza maturata in posizione apicale nella Pubblica Amministrazione che avrebbero dovuto agevolmente rendersi conto che le istanze ( per la stabilizzazione) inoltrate dai predetti giornalisti erano pretestuose e prive di qualsiasi giuridico fondamento”. Ecco spiegato il mancato provvedimento formale del Sindaco Bianco, non si può conferire incarico professionale ad un soggetto con cui esiste un contenzioso e per il quale gli stessi amministratori e funzionari sono stati condannati per danno erariale a causa dell’incarico conferito.

Essendo la politica l’arte del possibile qualche giorno fa è stato escogitato un espediente di bassa lega accomodante per lenire le frustrate aspettative del dott. Danzuso. È stato nominato addetto stampa di una partecipata del Comune : Asec Trade srl, con un compenso di mille euro mensili. Tutte le Partecipate del Comune sono in deficit per milioni di euro. Ma quando si deve conferire un incarico.. si deve e basta. Naturalmente il dott. Danzuso continua ad esercitare le funzioni di addetto stampa abusivo e in palese conflitto a Palazzo degli Elefanti. Di tutta questa vicenda nemmeno un rigo in tutta la stampa né cartacea né on line.

Qualche rigo dobbiamo dedicare all’Asso Stampa nella persona del Segretario provinciale, Daniele Lo Porto, che ha vibratamente contestato il Sindaco di Adrano,Pippo Ferrante, per aver nominato un portavoce senza i prescritti requisiti, che con un interpretazione “esclusiva” della casta Giornalistica Siciliana, secondo il dott. Lo Porto, dovrebbe essere iscritto all’ordine. Prima di alzare gli scudi sulle pagliuzze interpretative controverse, l’ordine professionale avrebbe avuto il dovere di rimuovere il gigantesco tronco di mortificazione professionale perpetrata in danno del dott. Molino. Si rimane basiti e lo sconcerto arriva alla nausea che non siano state richieste le dimissioni da presidente dell’organo di disciplina dell’ordine dei Giornalisti dott. Giuseppe Lazzaro Danzuso.

Categorie: Uncategorized | 1 commento

Navigazione articolo

Un pensiero su “A proposito di Giuseppe Lazzaro Danzuso

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by WordPress.com. di Contexture International.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: