Termovalorizzatori e tangenti Sotto accusa un’azienda inglese

LA RIVELAZIONE DE IL SOLE 24 ORE ON LINE

Venerdì 31 Gennaio 2014 – 18:35
Articolo letto 46 volte

Sul sito del quotidiano economico la seconda puntata dell’inchiesta sulle presunte tangenti pagate in Sicilia per i termovalorizzatori mai realizzati. Nel mirino una “scatola vuota” britannica dalla quale sarebbero transitati 15 milioni.

PALERMO – Nel grande affare dei termovalorizzatori in Sicilia emerge anche il ruolo di una strana “scatola vuota”, una società di diritto inglese. Sarebbe stata gestita da un manager svizzero e usata per fare transitare 15 milioni di euro. Si tratta, scrive il Sole 24 ore on line, di pagamenti che vengono definiti “impropri”. Nella seconda puntata dell’inchiesta sulle tangenti pagate in Sicilia per i termovalorizzatori mai realizzati (il giornale parla di 38 milioni) vengono citati alcuni nomi: Roberto Mercuri, ex braccio destro del banchiere Fabrizio Palenzona, successivamente indagato per una presunta truffa alla Ue; Antonino Craparotta, ex amministratore delegato di Enel Produzione, poi coinvolto nello scandalo delle tangenti Siemens; l’imprenditore pugliese Roberto De Santis, amico di Massimo D’Alema. De Santis era azionista insieme ad Enel di una delle società che si aggiudicarono le gare per i termovalorizzatori.

(ANSA)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultima modifica: 31 Gennaio ore 18:47

izie Italia

Sicilia, 15 milioni finirono a una società inglese che faceva lobbying per i termovalorizzatori

di  e 31 gennaio 2014Commenti (4)

Negli appalti per i termovalorizzatori siciliani, aggiudicati nel 2003 dal governo Cuffaro a quattro raggruppamenti di imprese e soppressi tra il 2009 e il 2010 dal governo Lombardo, entrano in gioco personaggi noti alle cronache. Uno è Roberto Mercuri, socio di Pianimpianti all’80%, l’azienda che con la tedesca Lurgi aveva costituito il Consorzio Sicilia Ambiente per la consegna chiavi in mano degli impianti di incenerimento di Augusta, Casteltermini e Palermo. Ex braccio destro in Aeroporti di Roma del banchiere Fabrizio Palenzona (uomo forte dell’alta finanza), Mercuri è indagato a Crotone per una presunta truffa alla Ue per la costruzione di una centrale elettrica. L’altro è Antonino Craparotta, ex presidente di Enel Produzione e di Elettroambiente, l’impresa aggiudicataria di due dei quattro maxi-inceneritori. Anche Craparotta ha avuto diversi guai con la giustizia: è finito nell’inchiesta sulle tangenti Siemens.

Ma il personaggio chiave di questa storia è Roberto De Santis, l’imprenditore leccese, originario di Martano, vicino all’ex presidente del Consiglio Massimo D’Alema e buon conoscente di faccendieri come Luigi Bisignani e Gianpaolo Tarantini.

Euroco dei misteri
De Santis compare nella triplice veste di amministratore di Pianimpianti, dove subentra a Mercuri come amministratore delegato nell’aprile 2006, di socio di controllo di Elettroambiente attraverso Italgest Energia, che deteneva una partecipazione indiretta in Actelios-Falck, e di presunto socio di fatto di Euroco Service Limited, scatola vuota di diritto inglese gestita da un general manager svizzero, Robin Crawshaw. Euroco, definita «un veicolo fiscale del signor De Santis», aveva un contratto di consulenza con Gea, la casa madre di Lurgi, per fare azione di lobbying per i tedeschi nell’affare dei termovalorizzatori. Nel contratto era previsto che Gea (che aveva il 100% di Lurgi, che a sua volta aveva il 100% di Lentjes) riconoscesse a Euroco una commissione pari al 2,8% del valore dei contratti che Lurgi avrebbe acquisito tramite la società inglese. È Gea stessa a dichiararlo in una comparsa del giugno 2008 davanti al Tribunale di Milano, in risposta ad un atto di citazione per danni presentato da Pianimpianti proprio sulla mancata esecuzione dei lavori per i termovalorizzatori. Accusata da Pianimpianti di avere operato per affossare i progetti, Gea ribatte che Pianimpianti ha inscenato una «rocambolesca azione giudiziaria» per «puntellare il proprio bilancio, cercando di non far emergere significative perdite che dovrebbero già essere state da tempo consuntivate». La vicenda si concluderà con un accordo extragiudiziale.

 

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by WordPress.com. di Contexture International.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: