Archivi del mese: Novembre 2012

Angelino i tuoi appelli per Silvio sono inascoltati. ” Cecchiti a vintura no capisti chi ti scarricaiu”

Alfano, ultimo appello a Berlusconi:
“Silvio rinnovi con noi il Pdl”

Il segretario, mentre si infittiscono le voci di una lista del cavaliere, torna a chiedere il suo impegno nel partito. Poi ribadisce che le primarie sono state “fissate per scegliere chi lo sostituirà e lui è in campo… Io intanto sono qui perché proseguo la mia campagna”. Alemanno: “Ora serve un leader nuovo”

Lo leggo dopo

Alfano, ultimo appello a Berlusconi:  "Silvio rinnovi con noi il Pdl"Il segretario del Pdl Angelino Alfano (ansa)

ROMA – “Io sono per la unità del nostro partito e sono convinto che questa sia la strada giusta. Confido che il presidente Berlusconi rilanci insieme a noi il Pdl con un profondo rinnovamento, credo sia questa la strada più giusta per il destino dei moderati italiani che così possono ritrovare un partito, votando il quale, ci si assicuri un programma di meno tasse rispetto alla sinistra che invece le aumenterebbe”. Lo ha detto Angelino Alfano arrivando a piazza di Pietra per partecipare a un convegno organizzato da ‘FareItalia’ di Andrea Ronchi e Adolfo Urso, alla presenza degli ex colonnelli di An Ignazio La Russa, Maurizio Gasparri e Gianni Alemanno.

Quanto alla possibilità di non fare le primarie nel caso dovesse tornare in campo Silvio Berlusconi, Alfano ha risposto: “Essendo state fissate per decidere la successione a lui, se c’è lui… mi sembra una dichiarazione di buon senso. Io intanto – ha aggiunto – sono qui perché proseguo la mia campagna”.
Per Alfano ora è importante ribadire: “Vogliamo rinnovare il pdl, un partito nuovo dove tutto e tutti vengano dal basso, non più gente dall’alto. E dove chi va in Parlamento dovrà avere un rapporto diretto con gli elettori”.

Che Berlusconi non sia il rinnovamento è anche il pensiero di Alemanno: “Nutro il massimo rispetto per lui ma non può rappresentare il rinnovamento del centrodestra. Se si vuole candidare nessuno può impedirglielo ma serve un leader nuovo e non ritornare a vent’anni fa”, ha detto il sindaco di Roma a margine di un convegno della fondazione FareFuturo, chiedendo di proseguire sulla strada delle primarie. “C’è bisogno di una grande spinta, si è chiuso un ciclo e se ne apre uno nuovo. Il segretario Alfano andrà avanti con le primarie”.

E sulle primarie per Renata Polverini “in questo momento se c’è un progetto lo sa il presidente. Ieri mattina abbiamo ascoltato dalle sue parole che vuole dare un segnale forte di rinnovamento. Vedremo con quale forma” ha detto la presidente dimissionaria della Regione Lazio, “credo che in queste ore tutti stanno lavorando per mantenere saldo e vivo il Pdl e con Silvio Berlusconi”.
(27 novembre 2012)

 

 

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Il Senatore Firrarello e Giuseppe Castiglione stanno preparando le valigie per l’Udc?

 

MANOVRE SULL’ASSE ROMA-PALERMO

PARTITO DI D’ALIA, BUEN RETIRO
PER LEADER SICILIANI PDL. SOLO VOCI?

27 novembre 2012 – 08:38 – Politica
d'alia

Grandi manovre lungo l’asse Roma-Palermo, protagonisti Pdl e Udc. Ma i partiti come tali non c’entrano per niente. Sono iniziative personali (ma non troppo), che hanno messo in cantiere un’operazione politica che potrebbe modificare la geografia dell’Assemblea regionale siciliana sin dalla prima seduta, prevista per il 5 dicembre. Le voci riguardano il trasferimento di deputati regionali dal Pdl all’Udc, e non solo. L’Udc di Casini in queste ore sarebbe diventato una delle possibili vie di fuga in previsione del big bang in casa berlusconiana.

Il senatore D’Alia avrebbe un ruolo di primo piano. L’obiettivo non è tanto rafforzare il gruppo parlamentare dell’Udc all’Ars e, di conseguenza, il sostegno al governo Crocetta, quanto ingrossare le fila dell’Udc e i consensi al partito per le politiche di primavera.

Lo “sbarco” al centro del movimento di Luca Cordero di Montezemolo, forte di un’area cattolica nutrita, potrebbe creare seri problemi all’Udc. Nei sondaggi il partito di Casini supera il 5 per cento di un punto e, talvolta, di due punti, ma rimane “in zona”.

Correre ai ripari, dunque. Come? Pescando nell’area Pdl. Non si tratta di rubare niente a nessuno, sebbene di raccogliere ciò che cade dall’albero. Se Silvio Berlusconi fa nascere Forza Italia e porta con sé Alfano, ci sarà gran subbuglio nell’area ex An, e non solo.

Il gruppo del Pdl a Sala D’Ercole è composto da sei deputati ex An e altrettanti ex FI. Ma non è certo questa divisione a suggerire eventuali smottamenti, semmai i mal di pancia. Eloquenti le dichiarazioni di dissenso del presidente uscente dell’Ars , Francesco Cascio.

È troppo presto per prevedere ciò che avverrà veramente. Può darsi che l’approdo nell’Udc sia solo un’alternativa da prendere in considerazione in caso di necessità. Tuttavia ci sono segnali, colti dagli “esperti”, nella formazione della giunta di governo che preluderebbero ad una “emigrazione” verso l’Udc.

Nella scelta degli assessori D’Alia avrebbe tenuto conto anche dei rapporti pregressi con personaliutà di primo piano nel Pdl. I giudizi positivi di Cordaro, Maira e Cordaro sulla composizione della giunta di governo, costituiscono un significativo feedback per D’Alia. L’entourage siciliano pdiellino, alle prese con Berlusconi, per ora rimane sotto coperta. “Per ora si attende Berlusconi”, ha riferito Crosetto. “Poi le strade si dividono e nascerà qualcosa di serio”.

Una delle strade sarebbe l’Udc.

L’operazione partirebbe dalla Sicilia, che per i centristi è stata da sempre come la manna dal cielo.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Il nostro compaesano Carlo Cittadino esprime parere sfavorevole al consuntivo 2011 del Comune di Catania ma lo strumento finanziario verra’ approvato con il parere favorevole degli altri due colleghi revisori dei conti e con il parere positivo di 15 consiglieri comunali

RENDICONTO 2011

Conto consuntivo
Arriva il sì dei revisori

Lunedì 26 Novembre 2012 – 22:42 di 

Alla fine, sul conto consuntivo 2011, ha vinto l’amministrazione Stancanelli. Dopo il parere legale dell’avvocatura comunale sulla possibilità di inserire il debiro fuori bilancio di 22 milioni di euro nel bilancio 2012, i revisori dei conti, dopo tre pareri negativi, hanno detto sì.

CATANIA- Alla fine l’ha spuntata l’amministrazione. Il parere dei revisori dei conti sul rendiconto 2011, negativo per ben tre volte, stasera è mutato in positivo. A seduta già iniziata, infatti, il documento è stato distribuito ai Consiglieri comunali con la firma di due dei tre componenti il collegio, Massimiliano Lo Certo e Natale Strano (il presidente), con il nuovo parere.A far cambiare idea al collegio, un altro parere, quello legale che l’avvocatura ha espresso, sempre oggi nel tardo pomeriggio, in riferimento al debito fuori bilancio di 22 milioni di euro nei confronti della Fasano costruzioni che, secondo i revisori, andava contabilizzato nel 2011 e, secondo l’amministrazione nel 2012.

L’organo di revisione, infatti, nel documento in cui esprime parere positivo, altro non fa che riscrivere tra virgolette quanto riportato nel parere dell’avvocatura, in cui i legali, ammettendo che “pur apprezzando in punto di diritto quanto rappresentato dai revisori in merito all’esistenza dell’obbligazione di pagamento a carico dell’Ente già dal momento del deposito della sentenza di primo grado, potendo rientrare a pieno titolo la stessa decisione nell’ambito di applicabilità dell’art 194″,osservano che “ai fini pratici, nessuna utilità deriverebbe dal postumo inserimento di tale obbligazione nel conto consuntivo 2011”. “Tutto ciò premesso – concludono i revisori – si esprime parere favorevole in ordine alla relazione al rendiconto dell’esercizio finanziario 2011 così come emendato dall’amministrazione”.

Soddisfatto l’assessore al bilancio Roberto Bonaccorsi che, nel suo intervento in consiglio comunale ha evidenziato come, il parere dell’avvocatura non solo ha portato i revisori a cambiare opinione, ma dà anche la possibilità di aderire al fondo di rotazione.

Alla fine, l’atto è stato approvato con 15 voti favorevoli.

Ultima modifica: 26 Novembre ore 22:46
Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Il nostro compaesano Carlo Cittadino non viene riconfermato revisore dei conti al Comune di Catania

IL RETROSCENA

Rendiconto 2011, Cittadino:
“Parlerò con la Procura”

Martedì 27 Novembre 2012 – 15:59 di 

Il giorno dopo l’approvazione del consuntivo 2011 e l’elezione dei componenti del nuovo collegio dei revisori dei conti, Carlo Cittadino (nella foto) si sofferma su alcuni aspetti della seduta di Consiglio di ieri sera.

CATANIA- All’indomani dell’approvazione del bilancio consuntivo 2011 del Comune di Catania e dell’elezione dei nuovi rappresentanti del Collegio dei revisori dei conti, parla Carlo Cittadino, l’unico componente cui non è stato confermato l’incarico, affidato a Fabio Sciuto.Continuerà a impegnarsi da privato cittadino, attraverso l’associazione “Certificazione etica”, ma intanto vuole chiarire molte cose, a cominciare dal nuovo parere, stavolta positivo, dato al rendiconto 2011 dopo tre sonore bocciature; non lo convince, infatti, l’atteggiamento tenuto dagli altri due membri del collegio, Natale Strano e Massimiliano Lo Certo, che hanno cambiato parere in pochi minuti, non appena giunta la nota dell’avvocatura comunale sulla possibilità di contabilizzare il debito fuori bilancio di 22 milioni di euro nel bilancio del 2012.Secondo Cittadino, infatti, i due revisori presenti ieri sera in aula, avrebbero dovuto chiedere il rinvio della trattazione in consiglio comunale per analizzare meglio quanto scritto dagli avvocati del Comune. “Faccio presente ai miei colleghi – spiega a Livesiciliacatania – che con la nuova legge in itinere in Parlamento, i revisori dei conti rischiano di essere interdetti dalle cariche pubbliche per 10 anni nel caso in cui non evidenzino il rischio default per un Ente locale”.

Non solo. Cittadino, assente ieri per motivi di salute, si chiede che fine abbiano fatto le altre obiezioni al rendiconto 2011, avanzate dai revisori dei conti nei pareri negativi, e se non ci siano altri debiti fuori bilancio “sfuggiti” all’attenzione. “Parlerò con il procuratore Chiavegatti –aggiunge – e farò un excursus sul concitato pomeriggio di ieri e sulla premura che ha contraddistinto il comportamento dei revisori. Se dovessi pensare male – conclude – potrei pensare che ci sia stato uno scambio di favori”.

Ultima modifica: 27 Novembre ore 15:59
**********************************************

CITTADINO SU CONSUNTIVO 2011: “IMPOSSIBILE CAMBIARE IDEA IN 30 MINUTI”

27/11/2012 –

Riceviamo e pubblichiamo una nota del Dr. Calogero Cittadino sull’approvazione del bilancio consuntivo 2011, avvenuta ieri, e la sua sostituzione in qualità di Revisore dei Conti. Aggiungiamo, inoltre, il documento del parere dell’avvocatura.

In merito alla seduta del Consiglio Comunale di Catania ieri 26.11.2012 ” Approvazione del Bilancio consuntivo 2011 e nomina Revisori dei Conti “

Vi preciso quanto segue:

Come ben sapete il Collegio dei Revisori dei Conti del Comune di Catania dal 07.08.2012 ha espresso tre pareri non favorevoli al Bilancio consuntivo 2011.
Nei giorni scorsi pur di fare il bene del Comune di Catania, noi revisori, abbiamo concordato con l’Amministrazione Comunale di chiedere un parere alla propria Avvocatura in merito al famoso debito fuori bilancio da sentenza ricevuto nel 2011 – Fasano Costruzioni – .

Ieri 26.11.2012 nel primo pomeriggio ho avvisato i colleghi che non potevo essere presente alla seduta consiliare per motivi di salute e alle ore 17.00 siamo stati convocati nel mese di Dicembre per essere sentiti dalla Procura della Repubblica.
Alle ore 18,00 tramite fax, ho ricevuto dal collega Natale Strano, il parere dell’Avvocatura Comunale di Catania. Ci siamo sentiti telefonicamente con i colleghi Strano e Lo Certo ed ho riferito che a mio avviso, essendo una materia molto controversa e pur avendo il parere dell’avvocatura, di avere maggior tempo e chiedere un rinvio di un giorno per il nostro parere.

Oggi 27.11.2012, ho appreso dalla stampa che il Collegio con la firma di solo due componenti ( Strano e Lo Certo ) alle ore 19.00 ha rilasciato un parere favorevole e subito dopo l’approvazione del Bilancio Consuntivo, essendoci anche il rinnovo del collegio dei Revisori in scadenza, sono stati riconfermati dal Consiglio Comunale ed il sottoscritto, ovviamente sostituito.

Lascio a Voi tutti ogni tipo di considerazione e conclusione e in ogni caso si può cambiare un parere da non favorevole in favorevole in 30 minuti?… le nostre riunioni per i pareri non favorevoli sono durate circa otto ore.

Da oggi mi impegnerò con l’associazione di cui faccio parte “Certificazione Etica di Roma ” per promuovere un intervento dalla Regione Siciliana ed avere anche in Sicilia due soli componenti ( per avere maggiori risparmi ) e avere l’elezione a sorteggio del Collegio dei Revisori dei conti negli Enti Locali.
Sicuramente i miei colleghi, avranno una sede a disposizione e un link nel sito del Comune di Catania per la pubblicazione on line dei verbale del collegio, ottenuti in questi tre anni su mia iniziativa.
Oggi stesso invierò una nota alla Corte dei Conti – Ufficio controllo Palermo e il 12.12.2012 ( giorno della mia convocazione ) presenterò una dettagliata relazione dei fatti alla Procura della Repubblica.

Per concludere, il Revisore dei Conti a Catania è amico o nemico dell’Amministrazione Comunale per i pareri espressi (favorevoli o non favorevoli ).
Sono sicuro, che la proposta citata, quando sarà approvata porterà innumerevoli benefici per noi tutti revisori vecchi e non.

Dr. Calogero Cittadino

cittadino@kataneconomie.it
parere legale Fasano costruzioni

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Scade il 13/12/2012 l’istanza per ottenere il risarcimento dei danni

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Le primarie a Bronte

PRIMARIE DEL PD

Paesi etnei
Vince Bersani

Domenica 25 Novembre 2012 – 21:56 di 

Lo spoglio delle primarie in diretta. Tutti i dati di Bronte, Maletto e Randazzo

CATANIA – Giornata di primarie del Pd anche a Bronte, Maletto e Randazzo, dove ben 741 persone si sono iscritte via web per votare. A trionfare nei tre paesi, è stato l’attuale segretario del Pd Pier Luigi Bersani, che ha riportato complessivamente il 56% delle preferenze con ben 415 voti. Secondo Matteo Renzi con il 29,8 delle preferenze pari a 221 voti: Terzo Vendola con 87 preferenze pari al 11,74 per cento. Poi Laura Puppato con 12 voti pari al 1,61%, ed infine Tabacci con 3 voti pari allo 0,4%; Nei 3 Comuni, anche 3 schede nulle, pari allo 0,4%. Ma Ecco i voti in dettaglio:

BRONTE: Votanti 294

Bersani 170 (57,82%), Renzi 86 (29,25%), Vendola 29 (9,86%);

Puppato 5

(1,7%), Tabacci 2 (0,68%), Nulle 2 (0,68%);

RANDAZZO: Votanti 269

Bersani 124 (46,09%); Renzi 98 (36,43%); Vendola 41 (15,24%); Puppato 5

(1,85%); Tabacci 0 (0,00%), Nulla 1 (0,37%);

MALETTO: Votanti 178

Bersani 121 (67,97%); Renzi 37 (20,78%); Vendola 17 ( 9,55%); Puppato 2

(1,12%); Tabacci 1 (0,56%);

 

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

L’urlo del Sindaco di Maletto

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Volano altri € 10.000,00 per una transazione vedi allegati

deliberaGM118

Determina197_VII

Categorie: Uncategorized | 1 commento

Contributo di € 1.000,00 ecco come fare. Scarica l’allegato

Il voucher sarà erogato per un importo di € 1.000,00 per la durata di un anno, a fronte di spese di
assistenza familiare per ogni minore di 12 anni compiuti, per ogni anziano non autosufficiente, per
ogni soggetto disabile, per ogni malato non autosufficiente.

voucherserviziocostidomiciliari

 

Categorie: Uncategorized | 1 commento

Powered by WordPress.com. Tema: Adventure Journal di Contexture International.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: