Annunci

Archivi del mese: Aprile 2012

Tanto per fare un po’ di rumore o sparare quattro minc….—

Il Pdl scrive a Napolitano:
”Russo ormai è un politico”

Il Pdl scrive a Napolitano:  ”Russo ormai è un politico”

Il Pdl siciliano si appella al presidente della Repubblica. Il coordinatore regionale del Popolo della liberta’, Giuseppe Castiglione, scrive una lettera a Giorgio Napolitano, cosi’ come annunciato nei giorni scorsi, per segnalare ”la condotta del Governatore regionale, capo del Mpa, e dell’assessore alla Sanita’, Massimo Russo, magistrato in aspettativa dal Consiglio Superiore della Magistratura con relativo provvedimento adottato nella primavera del 2008”.

”E’ notizia di questi giorni – si legge nella nota inviata al Quirinale – che Russo e’ sceso in campo (in politica) con una propria lista (Palermo Avvenire), presentata a Palermo e, sotto altra denominazione, in altre citta’ siciliane. E’ emerso, altresi’, durante la competizione elettorale in corso, che molti dei candidati inseriti nelle liste che fanno capo al dott. Russo (ben 19 sui 20 candidati reclutati da Russo nella sola lista ”Palermo Avvenire”), provengono dal mondo della Sanita’. Si tratta di medici, operatori sanitari ed imprenditori privati che hanno rapporti con il Servizio sanitario regionale”. Nella lettera si fa ricorso alla posizione, chiara ed autorevole, al riguardo del rapporto tra politica e magistratura, che il presidente Napolitano ha assunto in questi anni.

”In Sicilia – denuncia il Pdl – lo sconfinamento del ruolo tecnico a suo tempo affidato dal presidente della Regione Lombardo a Russo quale assessore alla Salute, che ha trasformato nel tempo la sua funzione tecnica in una posizione politica orientata a reclutare candidati e consenso, non sembra potersi conciliare con la ragione originaria che ha determinato il provvedimento autorizzativo di collocamento in aspettativa del magistrato”.

Annunci
Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Come si cambia

Roberto Formigoni, Presidente della Regione Lombardia. Eh già, non male un ciellino che in 20 anni passa dai principi di “povertà, castità, obbedienza“, alle arringhe difensive in cui dichiara di aver sempre “rimborsato” quelle magnifiche vacanze offerte dal faccendiere incarcerato, ma di aver “buttato via le ricevute delle Antille“, e di “non ricordare quel capodanno ai Caraibi” in un resort extralusso da 45 mila euro a settimana.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Zona Belluno

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Alla Lega va tutto storto

https://i2.wp.com/nunziospano.com/wp-content/uploads/2012/04/leghista2bincidente2b-2bnonleggerlo2bridimensionata.png?resize=600%2C600

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Daccò, i soldi e gli “amici siciliani”

venerdì 27 aprile 2012
11:21
testo Aumenta testo Riduci testo

Lo scandalo della Fondazione Maugeri. Un uomo d’affari coinvolto. E spuntano pure i suoi presunti “referenti siciliani”. Una breve cronistoria. Il 13 aprile scorso, Pierangelo Daccò, già in carcere a San Vittore nell’ambito dell’inchiesta sul crac finanziario del San Raffaele, viene raggiunto da un secondo ordine d’arresto, questa volta per un giro di fondi neri e consulenze fittizie per 56 milioni legato alla Fondazione “Salvatore Maugeri”, colosso ospedaliero di Pavia. E ci sarebbero pure – come scrive il Corriere della sera oggi – gli aspetti siciliani della vicenda.

Quanti sono i soldi ricevuti dalla Fondazione? Una marea. “Neppure Pierangelo Daccò – scrive il Corriere – sa bene quanti soldi abbia ricevuto dalla Fondazione Maugeri soltanto per essere “insistente” e persino un po’ “invadente” nei “meandri della Regione” Lombardia “dove – dichiara – mi conoscono tutti o almeno tutti sanno chi sono”:  dopo l’arresto del 13 aprile – risponde in carcere ai magistrati che lo interrogano il 17 aprile – “leggo 56 milioni di euro” ma “non posso dire “è vero” o “non è vero”… Forse qualcosa di più, forse 60, non lo so, 70 penso, più o meno”.

Poi c’è la questione dei referenti. Dice Daccò agli inquirenti: “I miei riferimenti sono sempre stati il direttore generale” (che oggi è Lucchina), “l’assessore” (che oggi è il leghista Bresciani), “un tecnico di riferimento che negli ultimi anni è il dottor Merlino, braccio destro di Lucchina”. Ma averli come contatti significa tutto e niente, e lo stesso vale per i “referenti politici importanti a Roma” (“il senatore Pdl Comincioli, purtroppo andato in cielo anche lui”) e per gli “amici” che Daccò cita in rapporto agli affari di interesse della Maugeri in Sicilia:

“Miccichè, Cuffaro, Pippo Fallica, Cammarata, Cittadini”.

La smentita di Miccichè e Fallica è stata fulminea: “Non neghiamo la conoscenza di Pierangelo Daccò, tuttavia smentiamo categoricamente di averci mai fatto ‘affari’”.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

ALLEANZE FLUIDE FINO A DOPO LE AMMINISTRATIVE

Regione, elezioni in autunno contro la “virata” a sinistra

LOmbardo

26 aprile 2012 – Il dato politico e incrontrovertibile è la chiamata alle urne. Senza modificare troppo le dichiarazioni ufficiali che il governatore Raffaele Lombardo ha fatto in questi giorni, la seduta dell’assemblea regionale di questa mattina ha però indubitabilmente dettato i tempi: al voto in autunno, ragionevolmente in ottobre (il 21 è la data che circola ufficiosamente ormai da tempo), con dimissioni databili del presidente Lombardo a far data dai novanta giorni precedenti perché si convochino i comizi elettorali e si avvii la difficile macchina della campagna elettorale per le elezioni regionali. Il voto in autunno è un’assoluta novità per il rinnovo del parlamento siciliano: ma l’accelerazione argomentata da Lombardo e rafforzata dal sostegno di Antonello Cracolici ha in se una scelta politica forte e chiara.

Ma soprattutto dichiarata: “Bisogna evitare la contemporaneità del voto delle elezioni politiche e di quelle regionali – ha detto il governatore fino a questa mattina durante la seduta dell’Ars – perché le scelte nazionali rischiano di condizionare fortemente le scelte di coalizione a livello regionale”.
Motivazione che Lombardo argomenta chiaramente in una intervista che sarà pubblicata la prossima settimana sul nostro mensile il Sud, in edicola dal 4 maggio, con queste parole: “Quanto di autonomo, anche nella scelta degli alleati, abbiamo fatto in Sicilia, verrebbe annullato dalle logiche dei partiti nazionali che imporrebbero la loro disciplina e le loro scelte”.
Scelte che, è il rischio che si paventa – nell’alleanza così come è formata alla Regione e come auspicano i massimi dirigenti di quei partiti, vale a dire Pd, Mpa e Fli, si rafforzi in vista del prossimo appuntamento elettorale – possano saltare con un’inversione di tendenza nazionale: che cioé il Pd di Pierluigi Bersani viri decisamente a sinistra consolidando elettoralmente il patto politico con Idv e Sel. Non c’è dubbio, quindi, che fortissime refluenze negli assetti elettorali del prossimo autunno avranno i risultati delle amministrative: e in Sicilia – inutile persino sottolinearlo – decisivo sarà il voto di Palermo per comprendere quanto e come la vittoria di un candidato di “sinistra”, Ferrandelli invece che Orlando, cambi nella tenuta degli equilibri nazionali e quindi regionali di un’alleanza che fin qui ha prodotto pochi risultati elettorali.
Non è un caso, evidentemente, che per riequilibrare le sorti di un possibile sbilanciamento a sinistra, sia lo stesso Antonello Cracolici, capogruppo del Pd all’Ars, a lanciare di nuovo l’appello all’Udc, il partito dei moderati, in rotta col governatore Lombardo ma che da tutti viene indicato come l’alleato possibile, se non ideale.
Il commento del segretario regionale dell’Udc, Gianpiero D’Alia, su queste “tiratine di giacchetta” non si esprime ma affida ad un comunicato stampa il suo commento implacabile sull’impugnativa della finanziaria: “Altro che dimissioni ad ottobre del governatore siciliano, Raffaele Lombardo, bisogna invece commissariare la Regione. La bocciatura del bilancio da parte del Commissario dello Stato – spiega D’Alia – conferma la fondatezza delle critiche e delle preoccupazioni che abbiamo manifestato in questi mesi. Oggi si apre una grave crisi istituzionale dovuta all’ incapacità del governo e della sua maggioranza di varare un vero piano di riforme strutturali per risollevare la nostra regione. Penso che l’unica strada per salvare la Sicilia sia il commissariamento della Regione. Occorrono, infatti, scelte dolorose e immediate per garantire la tenuta dei conti pubblici siciliani”. Infine il commento politico, che sembra una bocciatura netta di qualsiasi possibile alleanza futura: “E’ necessario aprire una fase politica nuova che segni la totale discontinuità con un passato fatto di governi di centrodestra e di centrosinistra che hanno agito con accanimento sul versante della spesa, portando al fallimento la regione. Le forze politiche ne prendano atto – conclude D’Alia – e anziché avvitarsi su di una inutile quanto dannosa discussione sulle alleanze si assumano la responsabilità di un cambiamento reale, in linea col poco tempo a disposizione per rimediare ai guasti del passato”.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

ei in: Il Fatto Quotidiano > Economia & Lobby > Dichiarazione d…

Dichiarazione dei redditi, il governo dà più tempo per la consegna del 730

Le nuove date fissate il 16 maggio per chi utilizza il sostituto d’imposta e il 20 giugno per chi passa attraverso Caf e professionisti abilitati. Il provvedimento firmato dal premier Monti

Più informazioni su: .

Più tempo per presentare la dichiarazione dei redditi del 2011. Il modello 730 può essere presentato fino al prossimo 16 maggio, se consegnato al sostituto d’imposta, oppure entro il 20 giugno attraverso un Caf o a un professionista abilitato. Lo stabilisce un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Monti firmato oggi, che ha, inoltre, previsto la proroga dei termini per inviare la denuncia dell’imposta sulle assicurazioni dovuta sui premi e sugli accessori incassati nel periodo d’imposta precedente, che slitta dal 31 maggio al 2 luglio.

Entro il 15 giugno i sostituti d’imposta devono consegnare al contribuente la copia della dichiarazione elaborata e il relativo prospetto di liquidazione, mentre i Caf o i professionisti abilitati hanno tempo fino al 2 luglio. Per comunicare, invece, il risultato finale delle dichiarazioni ed effettuare la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate delle dichiarazioni presentate, i Caf e i professionisti abilitati hanno tempo fino al 12 luglio.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Articolo spagnolo su Berlusconi

UNA ACTUACIÓN BURLESQUE, ¿PERO POR QUÉ NO NOS LO DIJO ANTES? (Uno spettacolo burlesco, MA PERCHE ‘NON L’AVEVAMO DETTO PRIMA?)

23 aprile 2012 – 00:14 –
berlusconi

Se ha metido en un gran apuro por no hablar. Era suficiente que nos aclarara todo, pero como siempre  Silvio prefirió mantener su reservado silencio, cargando sólo con ese gran peso. Ahora hace su ingreso ante el tribunal como si fuese el último picaflor en busca de nuevas emociones.

Resulta que según las nuevas declaraciones de “il Cavaliere”,  las stripper, entretenían las inocentes cenas de  Arcore con actuaciones al estilo burlesque, nada de escandaloso. Quiso callarse durante todo este tiempo, para no comprometer a sus jóvenes huéspedes . Las mujeres,son por ídole exhibicionistas y  por  más que uno se empeñe a impedirles  que se expongan, que va, prevalece el instinto. El caso es que si no existieran hombres dotados de tanta  nobleza como Silvio, el mundo estaría arruinado.

Ha callado y ahora es víctima de  Ilda Boccassini, pero estuvo obligado a decir la verdad, nos reveló finalmente que las doncellas simplemente montaron un espectáculo burlesque

Pobre hombre, mantuvo el secreto , otorgó generosamente joyas y dinero a  42 jóvenes cuya reputación ha sido arruinada por los magistrados, y encima es víctima de maltrato y de un proceso insustancial.

Es un  “Payaso perdido”, como lo define  Natalia Aspesi,  en su diario “enemigo.

traduzione

“La spogliarellista, intrattenuto le cene di Arcore innocentispettacoli in stile burlesque, niente di scandaloso. Voleva rimanere in silenzio tutto questo tempo, di non impegnare i loro piccoli ospiti.Le donne sono esibizionisti e più uno Idole di adoperarsi per evitare che siano esposti, che sarà, l’istinto prevale. Il fatto è che se non ci fossero uomini dotati di nobiltà, come Silvio, il mondo sarebbe rovinato.Ora è tranquillo e Ilda Boccassini vittima, ma è stato costretto a dire la verità finalmente è emerso che le ragazze semplicemente impostare uno spettacolo burlesque

Pover’uomo, ha mantenuto il segreto, ha dato generosamentegioielli e denaro per 42 giovani, la cui reputazione è stata rovinatadai giudici, ed è anche una vittima di abuso e di processo inutile.

Si tratta di un “Clown perduto”, come definito da Natalia Aspesi, nel suo “nemico diario.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Comune di Raddusa elezioni 2012

Scarica e diffondi il programma elettorale del candidato Sindaco  Patrizia Virzi’

Stampa – www.comune.raddusa.ct.it_pubdoc_atto_831programma candidato Sindaco Virzi Patrizia

*********************************************************************

Categorie: Uncategorized | Tag: , , , | Lascia un commento

Comune di Raddusa elezioni 2012 le 4 liste ed i candidati sindaci

Cosimo Marotta Angelo moschetto AGATA  VINCENZA TURRISI PATRIZIA  VIRZÌ
Cosimo Marotta Angelo Moschetto AGATA VINCENZA TURRISI Patrizia Virzì

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Powered by WordPress.com. Tema: Adventure Journal di Contexture International.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: