La procura di Palermo ha chiesto il rinvio a giudizio del senatore Antonio D’Alì (Pdl) per concorso esterno in associazione mafiosa. Per due volte la procura distrettuale aveva proposto l’archiviazione ed in entrambi i casi il gip Antonella Consiglio l’ha respinta.

Chiesto il giudizio per D’Alì
L’accusa della Procura di Palermo al presidente della Commissione Ambiente di Palazzo Madama è di concorso esterno in associazione mafiosa. Lui si difende: “Sono una persona onesta”. I legali: “Non esistono prove concrete di colpevolezza”
24/10/2011
TRAPANI – La procura di Palermo ha chiesto il rinvio a giudizio del senatore Antonio D’Alì (Pdl) per concorso esterno in associazione mafiosa. Per due volte la procura distrettuale aveva proposto l’archiviazione ed in entrambi i casi il gip Antonella Consiglio l’ha respinta.

Il gip, dopo aver ricevuto, nell’aprile dello scorso anno, la seconda richiesta di archiviazione, ha invitato i titolari del fascicolo – l’aggiunto Teresa Principato e i sostituti Paolo Guido e Andrea Tarondo – a riformulare l’accusa.

Ad accusare D’Alì, ex sottosegretario all’Interno ed attuale presidente della commissione Ambiente di Palazzo Madama, ci sono le dichiarazioni di collaboratori di giustizia e dell’ex prefetto di Trapani Fulvio Sodano che lo ha accusato di averlo fatto trasferire, dopo che aveva sventato il tentativo di Cosa Nostra di impossessarsi di un bene confiscato al boss Vincenzo Virga, la calcestruzzi Ericina. D’Alì ha sempre respinto ogni accusa.

“Sono una persona onesta e perbene – replica – Non avrei mai immaginato che a stabilire ciò dovrà essere il giudizio di un tribunale, oltre a quello dei cittadini, che mi conforta, da sempre e con diverse espressioni manifestatemi. Ma va bene anche così. Ancora una volta la stampa pubblica la notizia di una richiesta di rinvio a giudizio da parte della procura di Palermo che mi riguarderebbe, a me non notificata”.

Gli avvocati Gino Bosco e Stefano Pellegrino, difensori del senatore: “Siamo assolutamente meravigliati della richiesta da parte dei Pm per un rinvio a giudizio del Sen. D’Alì soprattutto in considerazione del fatto che alle motivazioni a suo tempo esposte dagli stessi Pm per richiederne e ribadirne l’archiviazione non sono state acquisite nuove prove concrete di qualsivoglia colpevolezza ed anzi sono stati prodotti rilevanti atti di indagini difensive comprovanti l’assoluta estraneità del senatore ad ogni possibile addebito o indizio”.

“Nei modi e termini consentiti dalla procedura – concludono – sarà nostro interesse e dovere, a tutela della immagine del sen. D’Alì , mostrare alla stampa le risultanze delle stesse e le sorprendenti verità emerse, in perfetto contrasto con quanto nel corso degli anni finora riportato dalla stampa”.

 
Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by WordPress.com. di Contexture International.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: