Archivio dell'autore: Nunzio Spanò

Informazioni su Nunzio Spanò

Consigliere comunale

Servizio civile, Il 16 aprile scade il bando per 30mila volontari

Scade il 16 aprile alle 14 il bando che permetterà a 29.972 giovani volontari di prestare il loro servizio civile. Anche se gli enti sono rimasti delusi perché avevano contato su fondi per un numero maggiore di posizioni – si sperava 46mila – la cifra è di tutto rispetto, se confrontata con quelle degli anni passati: meno della metà nel 2015, 896 nel 2013 e 19mila l’anno precedente. Quest’anno, il costo per lo Stato sarà di circa 200 milioni. Si aspetta comunque un altro bando, nei prossimi mesi, per altre 16mila posizioni.
I giovani devono prima di tutto scegliere il progetto al quale vogliono partecipare tra i 3mila che hanno vinto i bandi: si può infatti fare una sola domanda, per uno specifico progetto. Saranno quasi 19mila quelli che parteciperanno a progetti di enti iscritti all’albo nazionale (680 dei quali saranno impegnati all’estero), gli altri entreranno in quelli degli enti regionali e delle Provincie autonome. Secondo il sottosegretario Luigi Bobba «il rilevante sforzo organizzativo dell’intero sistema del servizio civile nazionale ha prodotto un apprezzabile innalzamento della qualità dei progetti». Inoltre i buoni risultati gestionali del Dipartimento del servizio civile hanno portato «a una riduzione di circa il 40% delle spese di funzionamento rispetto alla previsione iniziale, a fronte di maggiori iniziative e attività, quali i bandi di Garanzia giovani e il bando per l’Expo».
I progetti sono pubblicati su http://www.serviziocivile.gov.it, con la modulistica. La domanda va presentata all’ente che ha proposto il progetto, attraverso il sito web, e può essere avanzata da giovani tra i 18 e i 28 anni che presteranno servizio part time per un anno e riceveranno un rimborso spese di 433,80 euro al mese. Quest’anno può partecipare anche chi non è italiano, dopo che il Tribunale di Milano nel 2013 ha dichiarato discriminatoria la clausola che imponeva il requisito della cittadinanza. I candidati devono comunque essere «cittadini della Ue; familiari dei cittadini della Ue non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente; titolari del permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo; titolari di permesso di soggiorno per asilo o di permesso per protezione sussidiaria».
La riforma del Terzo settore in arrivo dovrebbe tra l’altro valorizzare il servizio civile, introducendo quello “universale”, di cui da tempo si discute e che è stato sperimentato localmente: dovrebbe coinvolgere 100mila ragazzi a partire dal 2017, cifra che permetterebbe di accogliere tutte le domande. Dovrebbe durare dagli 8 ai 12 mesi e aprire per tutti finestre per esperienze all’estero.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Paola Springhetti

""

// g?b=a+f+b:(g+=f.length,f=a.indexOf("&",g),b=0<=f?a.substring(0,g)+b+a.substring(f):a.substring(0,g)+b)}return 2E3<b.length?void 0!==d?r(a,c,d,void 0,e):a:b};var ca=function(){var a=/[&\?]exk=([^& ]+)/.exec(u.location.href);return a&&2==a.length?a[1]:null};var da=function(a,c,b,d){a.addEventListener?a.addEventListener(c,b,d||!1):a.attachEvent&&a.attachEvent("on"+c,b)};var ea=function(a){var c=a.toString();a.name&&-1==c.indexOf(a.name)&&(c+=": "+a.name);a.message&&-1==c.indexOf(a.message)&&(c+=": "+a.message);if(a.stack){a=a.stack;var b=c;try{-1==a.indexOf(b)&&(a=b+"\n"+a);for(var d;a!=d;)d=a,a=a.replace(/((https?:\/..*\/)[^\/:]*:\d+(?:.|\n)*)\2/,"$1");c=a.replace(/\n */g,"\n")}catch(e){c=b}}return c},v=function(a,c,b){a.google_image_requests||(a.google_image_requests=[]);var d=a.document.createElement("img");if(b){var e=function(a){b(a);a=e;d.removeEventListener?d.removeEventListener("load",a,!1):d.detachEvent&&d.detachEvent("onload",a);a=e;d.removeEventListener?d.removeEventListener("error",a,!1):d.detachEvent&&d.detachEvent("onerror",a)};da(d,"load",e);da(d,"error",e)}d.src=c;a.google_image_requests.push(d)};var w=document,u=window;var fa=String.prototype.trim?function(a){return a.trim()}:function(a){return a.replace(/^[\s\xa0]+|[\s\xa0]+$/g,"")},ga=function(a,c){return ac?1:0};var x=null,ha=function(a,c){for(var b in a)Object.prototype.hasOwnProperty.call(a,b)&&c.call(null,a[b],b,a)};function z(a){return"function"==typeof encodeURIComponent?encodeURIComponent(a):escape(a)}var ia=function(){if(!w.body)return!1;if(!x){var a=w.createElement("iframe");a.style.display="none";a.id="anonIframe";x=a;w.body.appendChild(a)}return!0},ja={};var ka=!0,la={},oa=function(a,c,b,d){var e=ma,f,g=ka;try{f=c()}catch(k){try{var t=ea(k);c="";k.fileName&&(c=k.fileName);var y=-1;k.lineNumber&&(y=k.lineNumber);g=e(a,t,c,y,b)}catch(q){try{var m=ea(q);a="";q.fileName&&(a=q.fileName);b=-1;q.lineNumber&&(b=q.lineNumber);ma("pAR",m,a,b,void 0,void 0)}catch(Da){na({context:"mRE",msg:Da.toString()+"\n"+(Da.stack||"")},void 0)}}if(!g)throw k;}finally{if(d)try{d()}catch(yb){}}return f},ma=function(a,c,b,d,e,f){var g={};if(e)try{e(g)}catch(k){}g.context=a;g.msg=c.substring(0,512);b&&(g.file=b);0<d&&(g.line=d.toString());g.url=w.URL.substring(0,512);g.ref=w.referrer.substring(0,512);pa(g);na(g,f);return ka},na=function(a,c){try{if(Math.random()b?Math.max(0,a.length+b):b;if(l(a))return l(c)&&1==c.length?a.indexOf(c,b):-1;for(;b<a.length;b++)if(b in a&&a[b]===c)return b;return-1},ta=B.map?function(a,c,b){return B.map.call(a,c,b)}:function(a,c,b){for(var d=a.length,e=Array(d),f=l(a)?a.split(""):a,g=0;g<d;g++)g in f&&(e[g]=c.call(b,f[g],g,a));return e};var ua=function(a,c){for(var b in a)c.call(void 0,a[b],b,a)},va=function(a){var c=arguments.length;if(1==c&&"array"==aa(arguments[0]))return va.apply(null,arguments[0]);for(var b={},d=0;dparseFloat(a))?String(c):a}(),Fa={},Ga=function(a){if(!Fa[a]){for(var c=0,b=fa(String(Ea)).split("."),d=fa(String(a)).split("."),e=Math.max(b.length,d.length),f=0;0==c&&f<e;f++){var g=b[f]||"",k=d[f]||"",t=RegExp("(\\d*)(\\D*)","g"),y=RegExp("(\\d*)(\\D*)","g");do{var q=t.exec(g)||["","",""],m=y.exec(k)||["","",""];if(0==q[0].length&&0==m[0].length)break;c=ga(0==q[1].length?0:parseInt(q[1],10),0==m[1].length?0:parseInt(m[1],10))||ga(0==q[2].length,0==m[2].length)||ga(q[2],m[2])}while(0==c)}Fa[a]=0<=c}},Ha=h.document,Ia=Ca(),Ja=!Ha||!E||!Ia&&D()?void 0:Ia||("CSS1Compat"==Ha.compatMode?parseInt(Ea,10):5);var Ka={g:947190538,h:947190541,i:947190542,e:79463068,f:79463069},La={d:"ud=1",j:"ts=1",c:"sc=1"};if(w&&w.URL)var Ma=w.URL,ka=!(Ma&&(0<Ma.indexOf("?google_debug")||0c&&u.setTimeout(ra("osd_listener::ldcl_int",b),100)};b()};var Oa=function(){try{u.localStorage.setItem("__sak","1");var a=u.localStorage.__sak;u.localStorage.removeItem("__sak");return"1"==a}catch(c){return!1}},Pa=function(a,c,b){a.google_image_requests||(a.google_image_requests=[]);var d=a.document.createElement("img");F(d,"load",b,"osd::ls_img::load");d.src=c;a.google_image_requests.push(d)};var G=function(a,c){this.b=a||0;this.a=c||""},Qa=function(a,c){a.b&&(c[4]=a.b);a.a&&(c[12]=a.a)};G.prototype.match=function(a){return(this.b||this.a)&&(a.b||a.a)?this.a||a.a?this.a==a.a:this.b||a.b?this.b==a.b:!1:!1};G.prototype.toString=function(){var a=""+this.b;this.a&&(a+="-"+this.a);return a};var Ra=function(){var a=H,c=[];a.b&&c.push("adk="+a.b);a.a&&c.push("exk="+a.a);return c},Sa=function(a){var c=[];ua(a,function(a,d){var e=z(d),f=a;l(f)&&(f=z(f));c.push(e+"="+f)});return c.join("\n")},I=0,Ta=0,Ua=function(a){var c=0,b=u;if(b&&b.Goog_AdSense_getAdAdapterInstance)return b;try{for(;b&&5>c;){if(b.google_osd_static_frame)return b;if(b.aswift_0&&(!a||b.aswift_0.google_osd_static_frame))return b.aswift_0;c++;b=b!=b.parent?b.parent:null}}catch(d){}return null},Va=function(a,c,b,d){if(10<Ta)u.clearInterval(I);else if(++Ta,u.postMessage&&(c.b||c.a)){var e=Ua(!0);if(e){var f={};Qa(c,f);f[0]="goog_request_monitoring";f[6]=a;f[16]=b;d&&d.length&&(f[17]=d.join(","));try{var g=Sa(f);e.postMessage(g,"*")}catch(k){}}}};va("area base br col command embed hr img input keygen link meta param source track wbr".split(" "));var J=function(a,c){this.width=a;this.height=c};var Wa;if(!(Wa=!za&&!E)){var Xa;if(Xa=E)Xa=E&&(D()||9<=Ja);Wa=Xa}Wa||za&&Ga("1.9.1");E&&Ga("9");var Za=function(){var a=u.parent&&u.parent!=u,c=a&&0<="//tpc.googlesyndication.com".indexOf(u.location.host);if(a&&u.name&&0==u.name.indexOf("google_ads_iframe")||c){var b;a=u||u;try{var d;if(a.document&&!a.document.body)d=new J(-1,-1);else{var e=(a||window).document,f="CSS1Compat"==e.compatMode?e.documentElement:e.body;d=new J(f.clientWidth,f.clientHeight)}b=d}catch(g){b=new J(-12245933,-12245933)}return Ya(b)}b=u.document.getElementsByTagName("SCRIPT");return 0<b.length&&(b=b[b.length-1],b.parentElement&&b.parentElement.id&&0<b.parentElement.id.indexOf("_ad_container"))?Ya(void 0,b.parentElement):null},Ya=function(a,c){var b=$a("IMG",a,c);return b||(b=$a("IFRAME",a,c))?b:(b=$a("OBJECT",a,c))?b:null},$a=function(a,c,b){var d=document;b=b||d;d=a&&"*"!=a?a.toUpperCase():"";b=b.querySelectorAll&&b.querySelector&&d?b.querySelectorAll(d+""):b.getElementsByTagName(d||"*");for(d=0;d<b.length;d++){var e=b[d];if("OBJECT"==a)a:{var f=e.getAttribute("height");if(null!=f&&0<f&&0==e.clientHeight)for(var f=e.children,g=0;g<f.length;g++){var k=f[g];if("OBJECT"==k.nodeName||"EMBED"==k.nodeName){e=k;break a}}}f=e.clientHeight;g=e.clientWidth;if(k=c)k=new J(g,f),k=Math.abs(c.width-k.width)<.1*c.width&&Math.abs(c.height-k.height)<.1*c.height;if(k||!c&&10<f&&10<g)return e}return null};var ab,K=0,L="",M=!1,N=!1,O=!1,bb=!0,cb=!1,db=[],H=null,P="",eb=[],fb=[],gb=!1,Q="",R="",hb=(new Date).getTime(),ib=!1,jb=!1,kb="",lb=!1,mb=["1","0","3"],S=0,T=!1,U=!1,V="",nb=null,W=0,X=0,ob=0,pb=function(a,c,b){M&&(bb||3!=(b||3))&&Y(a,c,!0);(O||N&&cb)&&Y(a,c)},qb=function(a,c){if(T){var b=V;try{a.localStorage[b]=c+"&timestamp="+n()+"&send"}catch(d){}}},Y=function(a,c,b){if((c=c||P)&&!gb&&(2==X||b)){var d=rb(c,b);!b&&U?(U=!1,nb&&(a.clearInterval(nb),nb=null),qb(a,d),5!=S&&Pa(a,d,function(){a.localStorage.removeItem(V)})):b||!T||7!=S&&6!=S?v(a,d,void 0):(c=function(b){b&&"error"==b.type&&qb(a,d)},void 0===a.navigator.onLine||a.navigator.onLine?v(a,d,c):qb(a,d));b?M=!1:gb=!0}},rb=function(a,c){var b;b=c?"osdim":O?"osd2":"osdtos";var d=["//pagead2.googlesyndication.com/activeview","?id=",b];"osd2"==b&&N&&cb&&d.push("&ts=1");L&&d.push("&avi=",L);ab&&d.push("&cid=",ab);0!=S&&d.push("&lsid=",S);U&&d.push("&cwls=1");d.push("&ti=1");d.push("&",a);d.push("&uc="+ob);ib&&(jb?d.push("&tgt="+kb):d.push("&tgt=nf"),d.push("&cl="+(lb?1:0)));b=d.join("");for(d=0;d<eb.length;d++){try{var e=eb[d]()}catch(f){}var g="max_length";2<=e.length&&(3==e.length&&(g=e[2]),b=r(b,z(e[0]),z(e[1]),g))}2E3<b.length&&(b=b.substring(0,2E3));return b},Z=function(a,c){if(Q){try{var b=r(Q,"vi",a);ia()&&v(x.contentWindow,b,void 0)}catch(d){}0<=sa(mb,a)&&(Q="");var b=c||P,e;e=r("//pagead2.googlesyndication.com/pagead/gen_204?id=sldb","avi",L);e=r(e,"vi",a);b&&(e+="&"+b);try{v(u,e,void 0)}catch(f){}}},sb=function(){Z("-1")},ub=function(a){if(a&&a.data&&l(a.data)){var c;var b=a.data;if(l(b)){c={};for(var b=b.split("\n"),d=0;d=e)){var f=Number(b[d].substr(0,e)),e=b[d].substr(e+1);switch(f){case 5:case 8:case 11:case 15:case 16:e="true"==e;break;case 4:case 7:case 6:case 14:e=Number(e);break;case 3:if("function"==aa(decodeURIComponent))try{e=decodeURIComponent(e)}catch(g){throw Error("Error: URI malformed: "+e);}break;case 17:e=ta(decodeURIComponent(e).split(","),Number)}c[f]=e}}c=c[0]?c:null}else c=null;if(c&&(b=new G(c[4],c[12]),H&&H.match(b))){for(b=0;bW&&2==X){var a=u,c="//pagead2.googlesyndication.com/pagead/gen_204?id=osd2&",b=[];b.push("ovr_value="+K);b.push("avi="+L);H&&(b=b.concat(Ra()));b.push("tt="+((new Date).getTime()-hb));a.document&&a.document.referrer&&b.push("ref="+z(a.document.referrer));b.push("hs="+W);c+=b.join("&");try{v(a,c,void 0)}catch(d){}}},tb=function(a){var c=a.match(/^(.*&timestamp=)\d+$/);return c?c[1]+n():a+"&timestamp="+n()},wb=function(){var a={};Qa(H,a);a[0]="goog_dom_content_loaded";var c=Sa(a);Na(function(){var a=Ua(!1),d=!a;!a&&u&&(a=u.parent);if(a&&a.postMessage)try{a.postMessage(c,"*"),d&&u.postMessage(c,"*")}catch(e){}})},xb=function(a){if(l(a)){a=a.split("&");for(var c=0;c<a.length;c++){var b=a[c],d=La;b==d.d&&(bb=!1);b==d.c&&(ib=!0)}}};p("osdlfm",A("osd_listener::init",function(a,c,b,d,e,f,g,k,t,y,q){K=a;Q=c;R=d;M=f;S=y||0;ab=q;k&&xb(k);N=g&&f;1!=t&&2!=t&&3!=t||db.push(Ka["MRC_TEST_"+t]);H=new G(e,ca());F(u,"load",sb,"osd_listener::load");F(u,"message",ub,"osd_listener::message");L=b||"";F(u,"unload",vb,"osd_listener::unload");var m=u.document;!m.readyState||"complete"!=m.readyState&&"loaded"!=m.readyState?("msie"in ja?ja.msie:ja.msie=-1!=navigator.userAgent.toLowerCase().indexOf("msie"))&&!window.opera?F(m,"readystatechange",function(){"complete"!=m.readyState&&"loaded"!=m.readyState||wb()},"osd_listener::rsc"):F(m,"DOMContentLoaded",wb,"osd_listener::dcl"):wb();-1==K?X=f?3:1:-2==K?X=3:0u.localStorage.length)&&(V="LSPNGS-"+H.toString()+"-"+(""+Math.random()).split(".")[1]+n());2!=X||!T||3!=S&&4!=S&&5!=S||(U=!0,nb=u.setInterval(ra("osd_listener::ls_int",function(){var a=u,b=V,c=a.localStorage[b];if(c)try{a.localStorage[b]=tb(c)}catch(d){}}),1E3));H&&(H.b||H.a)&&(W=1,I=u.setInterval(ra("osd_proto::reqm_int",ba(Va,X,H,N,db)),500));ib&&(a=Za())&&(jb=!0,kb=a.tagName,a.complete||a.naturalWidth?lb=!0:F(a,"load",function(){lb=!0},"osd_listener::creative_load"))}));p("osdlac",A("osd_listener::lac_ex",function(a){eb.push(a)}));p("osdlamrc",A("osd_listener::lamrc_ex",function(a){fb.push(a)}));p("osdsir",A("osd_listener::sir_ex",pb));})();osdlfm(-1,”,’Bqp1XQmMZVf6EOePB7Qb_44HwDADI_YylPwAAEAE4AcgBCeACAOAEAaAGIcITAxCAAQ’,”,847562861,true,false,’ud\x3d1\x26′,0,0,”);
// ]]>//

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

La lettera aperta dei cooperatori del Calatino “Mancanza di trasparenza, vogliamo verità sulla nostra condizione”

IL CASO

Immigrazione-1024x552-1417433178

La lettera aperta di alcuni operatori dei centri Sprar del calatino inviata alla redazione di Supress, in cui si denuncia la condizione di chi lavora all’interno dei centri di accoglienza, tra stipendi arretrati e ore straordinarie non pagate. Evidentemente il“business del migrante” non riguarda anche loro

Una lettera dal contenuto amaro. che abbiamo deciso di riportare integralmente. Una denuncia da parte di alcuni operatori dei centri Sprar del Calatino coinvolti dal ciclone mediatico sulla presunta parentopoli, in cui si riporta la difficile condizione lavorativa nella quale si ritrovano.

“Lettera aperta al direttore di Sudpress

Gentilissimo Direttore

siamo un gruppo di lavoratori che fanno parte del comprensorio del calatino, quel territorio di cui si parla spesso in questo periodo in molti giornali, televisioni e social network.

Tutti si sentono in dovere di replicare, di dire la loro e a volte di giustificare i loro comportamenti ed anche noi abbiamo deciso di dire la nostra cercando di rimanere nell’anonimato per paura delle ripercussioni sul nostro già precario posto di lavoro.

Purtroppo sono tante le condizioni a cui si deve sottostare in Sicilia, a maggior ragione in questo periodo di crisi che spesso ci porta a dover rimanere in silenzio, se si vuole continuare a lavorare.

Si!! Lavorare, infatti è quello che facciamo giornalmente ma con non pochi sacrifici. Anticipiamo costantemente e con grande sforzo economico il nostro lavoro, nella speranza che ogni giorno che passi sia quello buono a ricevere la tanto attesa telefonata che ci dice: “abbiamo provveduto al bonifico dei mesi di…” , allora tutti contenti aspettiamo di andare in banca mentre tra di noi diciamo “ Hai visualizzato il bonifico?” oppure “ ma è vero che hanno versato i soldi?” e alla fine un bonifico di uno-due mesi, mentre dietro ne lasciamo di più.

E la paura che ne consegue è sempre la stessa: “Chissà quanti altri mesi dovremmo attendere per ricevere di nuovo la tanto attesa telefonata”. nel frattempo i debiti si accumulano nuovamente, le scadenze e il costo della vita non hanno la stessa nostra pazienza . Aspettare, ma come fai a dire all’ ENEL o all’agenzia delle Entrate, al Comune ecc. di aspettare? Si può mai dire ad un Ente di aspettare che forse a breve ci pagheranno?

E ti ritrovi ad avere un patrimonio di 5-6 mila € (di lavoro anticipato) e ad accumulare debiti che non puoi pagare, insomma non siamo padroni dei nostri soldi, ne delle nostre stesse vite. Come si può mai essere uomini e donne lavoratori, se ti tolgono la dignità? Come possiamo guardare negli occhi i nostri figli , le nostre mogli, i nostri familiari?

Dall’altro lato poi guardi chi con i nostri sacrifici , i nostri soldi riesce a vivere la propria vita in modo più che dignitoso.

Sono anni ormai che ci prendono in giro, ci dicono di aspettare e che le cose miglioreranno , ma quando!?!

E la cosa che ci fa ancor più riflettere ed arrabbiare è il fatto che i soldi provengono da fondi della Comunità Europea!!! Soldi Sicuri!!!

Sicuri si, ma per chi!?! Per chi si arricchisce con il sudore degli altri? Di chi aspetta mesi e mesi un misero stipendio, con i rischi che ogni giorno corre? E che nonostante tutto portano avanti con dedizione il lavoro del centro , consapevoli di avere a che fare con persone più sfortunate.

abbiamo un ruolo specifico di guida e di ponte tra beneficiario e comunità locale ma anche di accompagnamento per renderlo autonomo durante tutto il percorso verso l’integrazione, un percorso individuale che nasce già con il suo arrivo in struttura.

Tutto ciò che facciamo noi lavoratori all’interno dei nostri centri SPRAR è non limitarci a parlare di lavoro ma della passione per l’uomo, senza distinzioni di etnie, di cultura, politiche o religiose. La nostra esperienza è più un esperienza di interazione che integrazione, in quanto le diverse storie, vissuti e culture di ogni ospite, ci hanno permesso una vera e propria maturazione umana, anche se molto spesso non indolore, per cercare di costruire un futuro multiculturale e multietnico. il nostro compito è fare spazio per accogliere l’altro; essere disponibile nei tempi, nell’ascolto e nella comprensione e creare un ambiente sereno di reciproco scambio, in cui l’altro possa avere tutta la libertà di essere quello che è, essere sinceri e semplici nei confronti dei beneficiari e manifestare comprensione empatica.

Ma chi ci dirige ha lo stesso trattamento ed attenzione con noi lavoratori?

La risposta è no!!! Siamo sempre sottoposti a stress che già questo tipo di lavoro così delicato porta con sé e ad aspettare per essere pagati, a rinunciare ad alcuni diritti e ad accettare nostro malgrado ore di straordinario.

Molto spesso ci siamo sentiti dire che a noi interessano solo “i soldi” , e che cosa potremmo chiedere? Altrimenti avremmo fatto volontariato! Ci sembra più che normale che un lavoratore pensi ad una cosa così necessaria come il compenso economico per il lavoro svolto.

A loro cosa importa dei nostri problemi, noi siamo Italiani non stranieri.

Il grandissimo paradosso è che noi lavoratori aiutiamo chi scappa dai propri paesi per avere un futuro migliore, ma a noi chi ci aiuta?

Chi si preoccupa di sapere se abbiamo dei debiti? Se possiamo mangiare e se pur lavorando non riusciamo a dare alle nostre famiglie una vita dignitosa, dovendo rinunciare a molte cose perché si deve sempre risparmiare per poter pagare le bollette, le tasse o il mutuo.

Confidiamo in qualcuno che possa far chiarezza sui ritardi degli stipendi e che faccia luce sulla mancanza di trasparenza e meritocrazia e faccia emergere le verità che si nascondono dietro questo nuovo business, che non solo la Sicilia ha creato, ma a cui fanno capo i nostri cari politici comodamente e lussuosamente seduti nelle loro poltrone a Roma.

Portiamo questo nostro malcontento alla sua attenzione e confidiamo che presto tutto possa risolversi per il meglio.

Grazie da tutti noi

Alcuni lavoratori degli sprar  del calatino”.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Se consumi quello di Bronte i benefici sono DOPPI e non solo alimentare !!!!!!??????

11038255_804847386265450_2030202804157473023_n

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Partito Democratico: illegittimo il nuovo esecutivo nominato da Raciti

POLITICA IMBARAZZANTE

stattuto esecutivo regionale

Clamoroso scivolone del segretario regionale che ha appena presentato la sua nuova segreteria  ma le nomine non  rispettano la parità di genere violando l’art.19 dello Statuto.

Dovrà probabilmente pronunciarsi il Comitato di Garanzia, ma la violazione appare davvero eclatante.

Nei giorni scorsi il segretario regionale fausto Raciti aveva annunciato il nuovo esecutivo regionale, presentandolo come “una svolta, con tutti i big fuori e dentro solo under quarantenni.”

Questi i nomi dei nuovi componenti: Caterina Altamore, Domenico Venuti, Simone Di Stefano, Maria Giovanna Puglisi, Salvatore Gaziano, Antonio Ferrante, Piero David, Antonio Vullo, Francesco Marano, Dario Safina, Giovanni Cafeo.

Responsabile della’organizzazione viene confermato Antonio Rubino mentre alla programmazione va Franco Piro.

L’enfasi da “rinnovamento” pare abbia fatto dimenticare al segretario Raciti uno dei principi generali più ricorrenti e caratterizzanti lo Statuto del Partito democratico: il rispetto della parità di genere.

In tutti gli organismi è infatti prescritto che sia sempre garantita la presenza paritaria di uomini e donne.

L’art. 19 dello statuto regionale è chiarissimo e non prevede deroghe, anzi assegna al comitato di garanzia di intervenire: “L’Esecutivo Regionale è composto da un massimo di 15 componenti nominati dal segretario entro 15 giorni dalla sua elezione. L’esecutivo coadiuva il segretario nella gestione operativa del partito. La sua composizione deve rispettare la pari rappresentanza di genere.”

Dei 12 nominati dal segretario Raciti, le donne sono soltanto due e non occorrerebbe la laurea per capire che rappresentano molto meno della metà prescritta dallo statuto.

Adesso qualcuno all’interno del PD, dove ogni occasione è buona per scatenare il putiferio, ritiene che violare così platealmente, ed anche grossolanamente, lo statuto del partito da parte di un segretario non sia proprio cosa da poco in termini di affidabilità ed efficienza, e si prepara a chiederne il conto.

Al Partito Democratico siciliano mancava solo questo.

null
Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Ischia, arrestato sindaco Giuseppe Ferrandino e un ex Psi vicino ai Craxi

IlFattoQuotidiano.it / Giustizia & Impunità

L’accusa è di corruzione. Al centro dell’inchiesta, coordinata dal pm Woodcock, gli appalti della storica coop modenese Cpl Concordia per la metanizzazione dell’isola: Cpl si impegnò a erogare oltre 300mila euro all’albergo della famiglia di Ferrandino. In manette Francesco Simone, vicinissimo alla famiglia del leader socialista, che avrebbe gestito fondi neri in Tunisia. La coop già coinvolta in un’inchiesta sulla camorra casalese

Undici ordinanze cautelari, chieste dal pm napoletano Henry John Woodcock (nella foto) e firmate dal Gip Amelia Primavera, hanno colpito questa mattina i vertici della Cpl Concordia, la cooperativa rossa emiliana del settore energia e gas. Un gigante da 440 milioni di fatturato nel 2013 e 1.800 lavoratori. E’ la prima conclusione dell’inchiesta sulla metanizzazione dell’isola di Ischia, in parte raccontata lo scorso ottobre dal Fatto quotidiano. L’accusa contestata al momento dell’arresto è di associazione per delinquere, abuso d’ufficio, corruzione e corruzione internazionale.

Oltre a Roberto Casari, presidente della Cpl Concordia per quarant’anni, da poco in pensione, sono finiti agli arresti Giuseppe Ferrandino, detto Giosi, Sindaco di Ischia, primo dei non eletti nelle liste del Pd nelle scorse elezioni europee, Nicola Verrini, direttore commerciale della cooperativa emiliana e Francesco Simone, consulente della Concordia. Un funzionario del comune di Ischia è finito ai domiciliari, mentre altre due persone sono state raggiunte da un provvedimento di obbligo di residenza. Custodia in carcere anche per Maurizio Rinaldi, presidente del cda di Cpl Distribuzione. Le persone condotte in carcere sono otto, altre tre ai domiciliari. Ferrandino era stato sindaco di Casamicciola, l’altro Comune dell’Isola di Ischia, ma per Forza Italia. Poi era passato alla Margherita.  Nel 2008 è diventato sindaco di Ischia e nel 2012 è stato riconfermato con il 70,6 per cento dei voti.

I dirigenti della Cpl Concordia avrebbero fatto “sistematico ricorso ad un modello organizzativo ispirato alla corruzione che li ha portati ad accordarsi non solo con i Sindaci, gli amministratori locali e i pubblici funzionari, ma anche con esponenti della criminalità organizzata casertana e con gli amministratori legali a tali ambienti criminali”, si legge negli atti dell’inchiesta. In un’altra inchiesta, Roberto Casari è indagato dalla Dda di Napoli per concorso esterno in associazione mafiosa. A tirare in ballo la Cpl Concordia per gli appalti delle reti elettriche e gas al Sud è stato, recentemente, l’ex boss dei casalesi Antonio Iovine detto ‘o ninno, oggi collaboratore di giustizia. L’inchiesta riguarda anche in questo caso i lavori di metanizzazione compiuti tra il 1999 e il 2003 aCasal di Principe e in altri sei comuni del Casertano. Opere realizzate non a norma, con rischi per la sicurezza dei cittadini, sostiene la Dda di Napoli, dopo le dichiarazioni rilasciate nel giugno 2014 da Iovine. Dagli scavi, coordinati dai carabinieri del Noe di Caserta, condotti a Casal di Principe in corso Umberto, in pieno centro, è emerso che le tubature erano state interrate a 30 centimetri di profondità invece che ai 60 previsti dalla normativa, mettendo quindi a rischio la sicurezza della popolazione.

Anche le indagini su Ishia sono state condotte dal Noe e hanno ricostruito alcuni appalti per la metanizzazione dell’isola di Ischia. Secondo l’accusa la Cpl Concordia avrebbe firmato due convenzioni che prevedevano l’impegno a erogare la somma complessiva di oltre 300mila euro all’albergo della famiglia di Ferrandino e ad assumere come consulente il fratello del sindaco (Massimo, finito anche lui agli arresti), ricevendo in cambio l’affidamento dei lavori per la metanizzazione dell’isola.

Il 4 giugno 2014 gli inquirenti hanno sequestrato presso la struttura ricettiva Le Querce, di proprietà della famiglia Ferrandino, una scrittura privata in cui l’hotel si impegnava a tenere a disposizione di Clp Concordia sette camere doppie in mezza pensione dal 27 dicembre 2013 al al 6 gennaio 2014 e poi dal primo aprile al 31 ottobre 2014 (con l’esclusione delle due settimane intorno a Ferragosto) in cambio della somma di 160.830 euro iva inclusa. Un altro contratto rinvenuto dagli investigatori, con la stessa validità riferita però agli anni 2013-2014, riportava la cifra di146.230 euro. Gli inquirenti hanno poi verificato l’effettiva presenza dei dipendenti della coop nell’hotel dei Ferrandini. Il conto reale ammontava a 8.350 euro per il primo contratto e 42.465 per il secondo. Secondo l’accusa si tratta di una transazione “fittizia” per mascherare “il conferimento di utilità al sindaco”, finalizzato a “ripagare i suoi favori e la sua consolidata disponibilità rispetto a tutte le esigenze della Cpl.

Durante le indagini è poi emerso uno schema utilizzato dalla Cpl Concordia, secondo l’accusa, per accumulare fondi neri attraversosocietà e banche tunisine. Soldi che per i magistrati sarebbero poi stati utilizzati per pagare tangenti.

Centrale è la figura del consulente Francesco Simone, responsabile delle relazioni istituzionali di Cpl Concordia, che gestiva i rapporti più sensibili della cooperativa. Ex socialista, vicinissimo allafamiglia Craxi, era per i magistrati un vero e proprio procacciatore d’affari, in grado di procurare ricche commesse alla Cpl Concordia, corrompendo – secondo l’accusa che ora dovrà essere vagliata dai giudici – politici e amministratori e gestendo il flusso di fondi neri dalla Tunisia attraverso la società Tunit srl. Le indagini sono ancora in corso, puntando a ricostruire il finanziamento di partiti e fondazioni da parte della cooperativa emiliana.

Simone, a quanto racconta un indagato in un’intercettazione, nasce “socialista” come segretario di Bobo Craxi , e in base a questa conoscenza si adoperò “per introdurre la Cpl in Tunisia, nazione nella quale i Craxi avevano forti entrature”.

Aggiornato dalla redazione web alle 14.00

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Franco Catania primo classificato. Il I° classificato della categoria biologico è l’olio EVO tracciato siciliano Giardinelli, della Soc. Agr. Semplice Giardinelli. Un olio extravergine di oliva tracciato prodotto a Bronte, dal fruttato medio, all’olfatto deciso e ampio, al gusto presenta amaro e piccante ben espressi e armonici. Premiato dal Presidente Unasco, Luigi Canino, ha ritirato l’ambito premio il titolare dell’azienda e importante imprenditore dell’Alta Moda, Franco Catania, che, nonostante sia abituato a ricevere riconoscimenti, era molto emozionato.

Unasco » EVENTI » Premio UNASCO 2015: Silenzio, Parla L’oro Verde Tracciato

Premio Unasco 26 Marzo 2015 - www.unasco.biz

PREMIO UNASCO 2015: SILENZIO, PARLA L’ORO VERDE TRACCIATO

marzo 28, 2015 di Redazione Unasco – Nessun commento

I MIGLIORI OLI EXTRAVERGINE DI OLIVA TRACCIATI DEL SISTEMA UNASCO SONO STATI I PROTAGONISTI DEL PREMIO UNASCO 2015: SILENZIO, PARLA L’ORO VERDE TRACCIATO!

CINQUE PRODUTTORI VINCITORI DI DIVERSE REGIONI DEL SUD ITALIA, DALLA SICILIA ALLA CAMPANIA, SONO STATI PREMIATI DAI RELATORI DEL CONVEGNO UNASCO TENUTOSI GIOVEDÌ 26 MARZO 2015 PRESSO EATALY ROMA.

Valerio Cappio, Coordinatore del progetto, è stato il presentatore e la guida all’assaggio del Premio UNASCO 2015. Ad ogni partecipante sono stati distribuiti due bicchieri con ottimi oli extravergine tracciati di diversa tipologia. Valerio ha rispolverato dalla loro memoria le tecniche di assaggio: tenere il bicchiere, con una mano l’altra sopra per tapparlo e riscaldarlo per meglio sentire gli odori all’olfatto; assaggiare un sorso e fare il cosiddetto “strippaggio”, divertente e rumoroso. Ecco che si sente in sala qualche colpo di tosse, è l’effetto dei polifenoli percepiti nella gola che tanto bene fanno alla salute umana.

Ogni partecipante ha compilato la scheda, annotando i sentori e i sapori e votando il loro preferito. Chi avrà vinto? il campione 01, primo classificato convenzionale, o il campione 02, primo classificato biologico? Solo uno è stato il vincitore del Premio della Giuria Popolare 2015.

Durante lo scrutinio, Valerio Cappio ha svelato i vincitori del Premio Unasco 2015 decretati dal Panel di Marco Oreggia, non senza accessi confronti e pareri contrastanti.

Il I° classificato della categoria biologico è l’olio EVO tracciato siciliano Giardinelli, della Soc. Agr. Semplice Giardinelli. Un olio extravergine di oliva tracciato prodotto a Bronte, dal fruttato medio, all’olfatto deciso e ampio, al gusto presenta amaro e piccante ben espressi e armonici.  Premiato dal Presidente Unasco, Luigi Canino, ha ritirato l’ambito premio il titolare dell’azienda e importante imprenditore dell’Alta Moda, Franco Catania, che, nonostante sia abituato a ricevere riconoscimenti, era molto emozionato.

Il I° classificato della categoria convenzionale, l’olio extravergine tracciato campano Fierro Michele, dell’omonima azienda agricola e prodotto ad Olevano sul Tusciano, è stato premiato da Cristina Solfizi, consigliere di amministrazione UNASCO. Dal fruttato medio, al naso è deciso e ampio, con amaro spiccato e piccante presente. A ritirare il premio era presente il produttore, Fierro Michele, abituato più a ricevere riconoscimenti oltre oceano che in Italia.

Il II° classificato della categoria convenzionale è stato l’olio extravergine tracciato pugliese Foglia d’oro, dell’azienda Agri Basile s.s., abituata ad arrivare sempre in vetta al Premio UNASCO. Questo olio tracciato prodotto a Carpino dal fruttato medio-leggero, deciso e avvolgente all’olfatto con amaro potente e piccante deciso, è stato premiato dal Vice Presidente UNASCO, Carmelo Vazzana.

Il III° classificato della categoria convenzionale è stato l’olio extravergine tracciato molisano, da questo anno D.O.P., Oleificio Tulipano, prodotto dal Sig.re Luigi Tulipano che era presente ed è stato premiato dal professore e nutrizionista Massimo Cocchi. Un olio extravergine di oliva tracciato, prodotto a Guglionesi, dal fruttato medio, all’olfatto elegante e fine e al palato con amaro spiccato e piccante armonico.

Valerio Cappio conclude il convegno svelando il nome dell’olio tracciato più votato dai partecipanti. Anche in questo caso, la battaglia è stata decretata a colpi di assaggi e, seppur per pochi voti, ha vinto il Premio della Giuria Popolare l’olio extravergine tracciato campano di Fierro Michele. A premiare questa ottima produzione di Olevano sul Tusciano è stata Francesca Rocchi, Vice Presidente di Slow Food Italia.

La UNASCO ringrazia tutto lo staff, i relatori, gli esponenti delle Organizzazione, gli invitati, il panel di Marco Oreggia, i produttori e i consumatori che ha hanno partecipato al convegno. Ma soprattutto ringrazia i produttori che, con il Consorzio e le Cooperative, coltivano e tutelano con sentimento il patrimonio olivicolo nazionale.

img 2301

img 2301

img 2303

img 2303

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

BRONTE-CESARO': INCIDENTE AUTONOMO SULLA SS 120

Una signora di 43 anni, originaria di Cesarò ma residente a Bronte. ha avuto un incidente autonomo sulla Ss.120 nel tratto tra il bivio per Bronte e Cesarò. Erano circa le 16 del venerdì pomeriggio, quando la signora, che scendeva da Cesarò verso Bronte, per cause sconosciute, ha perso il controllo della vettura, una Fiat Punto, e si è ribaltata. La signora è stata soccorsa dall’ambulanza del 118 di Cesarò e portata all’ospedale di Bronte con diversi traumi leggeri, e con ferite lievi. Sul posto anche i carabinieri di Cesarò.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Bronte Venerdì Santo anno 1965

‎Scarica oggi WhatsApp per il tuo iPhone, Android, Nokia, BlackBerry o Windows Phone: https://www.whatsapp.com/dl/

Inviato da iPhone

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Bronte processione della Madonna Bambina 8/9/1967 dalla Chiesa dei Cappuccini. Nella foto Piazza Roma e dietro la discesa della Madonna del Riparo

‎Scarica oggi WhatsApp per il tuo iPhone, Android, Nokia, BlackBerry o Windows Phone: https://www.whatsapp.com/dl/

Inviato da iPhone

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

  Mafia Capitale, Luca Odevaine confessa tangenti: “Avevo ruolo di facilitatore”

IlFattoQuotidiano.it / Giustizia & Impunità

Mafia Capitale, Luca Odevaine confessa tangenti: “Avevo ruolo di facilitatore”

Giustizia & Impunità

Salvatore Buzzi, numero uno delle cooperative e braccio operativo dell’organizzazione, parlando del libro mastro delle tangenti di lui diceva: “A Odevaine vanno 5mila euro al mese”. L’ex capo della polizia provinciale di Roma e ed ex vice capo di gabinetto di Walter Veltroni, a distanza di tre mesi dall’arresto conferma

Salvatore Buzzi parlando del libro mastro delle tangenti di lui diceva: “A Odevaine vanno 5mila euro al mese”. L’ex capo della polizia provinciale di Roma e ed ex vice capo di gabinetto di Walter Veltroni, a distanza di tre mesi dall’arresto nell’ambito dell’inchiesta Mafia Capitale, ha ammesso di aver intascato soldi che l’uomo delle cooperative gli dava: “Avevo un ruolo difacilitatore e spiccia problemi”.

Luca Odevaine, già considerato dagli inquirenti il centro di quel sistema di gestione dell’accoglienza dei migranti che permetteva all’organizzazione di fare più soldi che con qualsiasi traffico di droga, ai pm di Roma ha spiegato anche il suo ruolo nel tavolo sull’immigrazione affermando che si trattava di una “struttura meramente tecnica e operativa” che “non aveva funzioni di natura politica”.

Negli atti dell’inchiesta gli inquirenti descrivevano così l’indagato: “Odevaine è un signore che attraversa, in senso verticale e orizzontale, tutte le amministrazioni pubbliche più significative nel settore dell’emergenza immigrati”. Un figura importante perché “la qualità pubblicistica di Odevaine risiede nell’essere appartenente al Tavolo di coordinamento nazionale insediato presso il Ministero dell’Interno – Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione” e al contempo è “esperto del presidente del C.d.A. per il Consorzio “Calatino Terra d’Accoglienza”, ente che soprintende alla gestione del Cara di Mineo“.

Una tesi accolta dal gip Flavia Costantini che aveva firmato l’ordinanza di custodia cautelare che scriveva: “La gestione dell’emergenza immigrati è stato ulteriore terreno, istituzionale ed economico, nel quale il gruppo riconducibile a Buzzi si è insinuato con metodo eminentemente corruttivo alterando per un verso i processi decisionali dei decisori pubblici, per altro verso i meccanismi fisiologici dell’allocazione delle risorse economiche gestite dalla P.A.”.

Un sistema studiato per far arrivare i soldi pubblici ai gestori amici “che si dividono il mercato“. E il mercato dei fondi statali per i centri di accoglienza per gli immigrati è immenso. Tanto che al telefono con una interlocutrice Buzzi, domandava: “Tu c’hai idea quanto ce guadagno sugli immigrati? Il traffico di droga rende meno”. Lo scorso 24 dicembre il Tribunale del Riesame aveva confermato per Odevaine l’accusa di corruzione con l’aggravante di aver favorito una organizzazione mafiosa.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 2.821 follower