Bronte: per la morte del piccolo Mattia 6 indagati

CATANIA- C’è l’inchiesta della Procura di Catania guidata da Giovanni Salvi sulla morte del piccolo Mattia, deceduto dopo un parto prematuro -come ha ricostruito il legale Dario Pastore- e il conseguente trasferimento a Siracusa e Messina per mancanza di posti in terapia intensiva a Catania.

Un caso che ricorda quello di Nicole, venuta alla luce alla clinica Gibiino e poi deceduta durante il trasporto verso Ragusa.

Al momento, secondo quanto risulta a Livesicilia, ci sono 6 iscritti al registro degli indagati, dei quali 5 sono medici.

Il legale dei famigliari di Mattia, Dario Pastore, noto per essere riuscito a far riaprire l’inchiesta sulla morte di Valentina Salamone, annuncia battaglia e seguirà ogni passaggio dell’autopsia del corpicino del neonato.

Mentre Mattia veniva trasferito in tre ospedali per mancanza di posti letto, al Santo Bambino c’eraun’incubatrice inutilizzata e pagata con i fondi dell’emergenza neonatale.

I responsabili dei presidi sanitari hanno ribadito di aver rispettato ogni procedura necessaria a curare Mattia.

“Il sistema d’emergenza per la ricerca di un posto di terapia intensiva neonatale per il nascituro -hanno detto i direttori generali delle Asp di Siracusa, Catania e dell’Azienda Policlinico di Messina, rispettivamente Salvatore Brugaletta, Ida Grossi e Marco Restuccia- per il trasferimento in utero susseguente verso l’ospedale Umberto I di Siracusa nella cui Utin è stato individuato il posto disponibile e, infine, al Policlinico di Messina si è svolto con la più assoluta efficienza e celerità”.

“Al di là delle valutazioni di ordine clinico -hanno aggiunto i manager- che si lasciano agli specialisti e agli addetti ai lavori, unitamente al cordoglio che manifestiamo alla famiglia del piccolo Mattia, merita rilevare, in questo caso, l’efficienza che hanno dimostrato gli aspetti organizzativi in perfetta sincronia tra tutte le realtà sanitarie coinvolte – sottolineano i direttori generali – a partire dall’ospedale di Bronte, dove è stata eseguita la profilassi farmacologica per le complicanze della prematurità ed è stata attivata tempestivamente la procedura di trasferimento protetto della signora verso l’ospedale di Siracusa, alla permanenza all’UTIN del nosocomio aretuseo del piccolo Mattia nei confronti del quale sono state adottate tutte le misure assistenziali dopo la nascita in prematurità estrema ed in gravissime condizioni sin dal primo momento. Sincronia che si è registrata sino al trasferimento, per l’aggravarsi delle sue condizioni, al Policlinico di Messina dove il servizio 118, su richiesta del medico del reparto di Siracusa, ha individuato un posto UTIN con possibilità di ventilazione meccanica oscillometrica ed ossido nitrico nell’estremo tentativo di fare sopravvivere il piccolo”.

""

// g?c=a+f+c:(g+=f.length,f=a.indexOf("&",g),c=0<=f?a.substring(0,g)+c+a.substring(f):a.substring(0,g)+c)}return 2E3<c.length?void 0!==d?r(a,b,d,void 0,e):a:c};var ca=function(){var a=/[&\?]exk=([^& ]+)/.exec(u.location.href);return a&&2==a.length?a[1]:null};var da=function(a,b,c,d){a.addEventListener?a.addEventListener(b,c,d||!1):a.attachEvent&&a.attachEvent("on"+b,c)};var ea=function(a){var b=a.toString();a.name&&-1==b.indexOf(a.name)&&(b+=": "+a.name);a.message&&-1==b.indexOf(a.message)&&(b+=": "+a.message);if(a.stack){a=a.stack;var c=b;try{-1==a.indexOf(c)&&(a=c+"\n"+a);for(var d;a!=d;)d=a,a=a.replace(/((https?:\/..*\/)[^\/:]*:\d+(?:.|\n)*)\2/,"$1");b=a.replace(/\n */g,"\n")}catch(e){b=c}}return b},v=function(a,b,c){a.google_image_requests||(a.google_image_requests=[]);var d=a.document.createElement("img");if(c){var e=function(a){c(a);a=e;d.removeEventListener?d.removeEventListener("load",a,!1):d.detachEvent&&d.detachEvent("onload",a);a=e;d.removeEventListener?d.removeEventListener("error",a,!1):d.detachEvent&&d.detachEvent("onerror",a)};da(d,"load",e);da(d,"error",e)}d.src=b;a.google_image_requests.push(d)};var w=document,u=window;var fa=String.prototype.trim?function(a){return a.trim()}:function(a){return a.replace(/^[\s\xa0]+|[\s\xa0]+$/g,"")},ga=function(a,b){return ab?1:0};var x=null,ha=function(a,b){for(var c in a)Object.prototype.hasOwnProperty.call(a,c)&&b.call(null,a[c],c,a)};function z(a){return"function"==typeof encodeURIComponent?encodeURIComponent(a):escape(a)}var ia=function(){if(!w.body)return!1;if(!x){var a=w.createElement("iframe");a.style.display="none";a.id="anonIframe";x=a;w.body.appendChild(a)}return!0},ja={};var ka=!0,la={},oa=function(a,b,c,d){var e=ma,f,g=ka;try{f=b()}catch(k){try{var t=ea(k);b="";k.fileName&&(b=k.fileName);var y=-1;k.lineNumber&&(y=k.lineNumber);g=e(a,t,b,y,c)}catch(q){try{var m=ea(q);a="";q.fileName&&(a=q.fileName);c=-1;q.lineNumber&&(c=q.lineNumber);ma("pAR",m,a,c,void 0,void 0)}catch(Aa){na({context:"mRE",msg:Aa.toString()+"\n"+(Aa.stack||"")},void 0)}}if(!g)throw k;}finally{if(d)try{d()}catch(qb){}}return f},ma=function(a,b,c,d,e,f){var g={};if(e)try{e(g)}catch(k){}g.context=a;g.msg=b.substring(0,512);c&&(g.file=c);0<d&&(g.line=d.toString());g.url=w.URL.substring(0,512);g.ref=w.referrer.substring(0,512);pa(g);na(g,f);return ka},na=function(a,b){try{if(Math.random()c?Math.max(0,a.length+c):c;if(l(a))return l(b)&&1==b.length?a.indexOf(b,c):-1;for(;c<a.length;c++)if(c in a&&a[c]===b)return c;return-1},ta=B.map?function(a,b,c){return B.map.call(a,b,c)}:function(a,b,c){for(var d=a.length,e=Array(d),f=l(a)?a.split(""):a,g=0;g<d;g++)g in f&&(e[g]=b.call(c,f[g],g,a));return e};var ua=function(a,b){for(var c in a)b.call(void 0,a[c],c,a)},C=function(a){var b=arguments.length;if(1==b&&"array"==aa(arguments[0]))return C.apply(null,arguments[0]);for(var c={},d=0;dparseFloat(a))?String(b):a}(),Ea={},Fa=function(a){if(!Ea[a]){for(var b=0,c=fa(String(Da)).split("."),d=fa(String(a)).split("."),e=Math.max(c.length,d.length),f=0;0==b&&f<e;f++){var g=c[f]||"",k=d[f]||"",t=RegExp("(\\d*)(\\D*)","g"),y=RegExp("(\\d*)(\\D*)","g");do{var q=t.exec(g)||["","",""],m=y.exec(k)||["","",""];if(0==q[0].length&&0==m[0].length)break;b=ga(0==q[1].length?0:parseInt(q[1],10),0==m[1].length?0:parseInt(m[1],10))||ga(0==q[2].length,0==m[2].length)||ga(q[2],m[2])}while(0==b)}Ea[a]=0<=b}},Ga=h.document,Ha=Ca(),Ia=!Ga||!F||!Ha&&E()?void 0:Ha||("CSS1Compat"==Ga.compatMode?parseInt(Da,10):5);var Ja={f:947190538,g:947190541,h:947190542,d:79463068,e:79463069},Ka={c:"ud=1",i:"ts=1"};if(w&&w.URL)var La=w.URL,ka=!(La&&(0<La.indexOf("?google_debug")||0b&&u.setTimeout(ra("osd_listener::ldcl_int",c),100)};c()};var Na=function(){try{u.localStorage.setItem("__sak","1");var a=u.localStorage.__sak;u.localStorage.removeItem("__sak");return"1"==a}catch(b){return!1}},Oa=function(a,b,c){a.google_image_requests||(a.google_image_requests=[]);var d=a.document.createElement("img");G(d,"load",c,"osd::ls_img::load");d.src=b;a.google_image_requests.push(d)};var H=function(a,b){this.b=a||0;this.a=b||""},Pa=function(a,b){a.b&&(b[4]=a.b);a.a&&(b[12]=a.a)};H.prototype.match=function(a){return(this.b||this.a)&&(a.b||a.a)?this.a||a.a?this.a==a.a:this.b||a.b?this.b==a.b:!1:!1};H.prototype.toString=function(){var a=""+this.b;this.a&&(a+="-"+this.a);return a};var Qa=function(){var a=I,b=[];a.b&&b.push("adk="+a.b);a.a&&b.push("exk="+a.a);return b},Ra=function(a){var b=[];ua(a,function(a,d){var e=z(d),f=a;l(f)&&(f=z(f));b.push(e+"="+f)});return b.join("\n")},J=0,Sa=0,Ta=function(a){var b=0,c=u;if(c&&c.Goog_AdSense_getAdAdapterInstance)return c;try{for(;c&&5>b;){if(c.google_osd_static_frame)return c;if(c.aswift_0&&(!a||c.aswift_0.google_osd_static_frame))return c.aswift_0;b++;c=c!=c.parent?c.parent:null}}catch(d){}return null},Ua=function(a,b,c,d){if(10<Sa)u.clearInterval(J);else if(++Sa,u.postMessage&&(b.b||b.a)){var e=Ta(!0);if(e){var f={};Pa(b,f);f[0]="goog_request_monitoring";f[6]=a;f[16]=c;d&&d.length&&(f[17]=d.join(","));try{var g=Ra(f);e.postMessage(g,"*")}catch(k){}}}};C("area base br col command embed hr img input keygen link meta param source track wbr".split(" "));C("action","cite","data","formaction","href","manifest","poster","src");C("embed","iframe","link","object","script","style","template");var Va;if(!(Va=!ya&&!F)){var Wa;if(Wa=F)Wa=F&&(E()||9<=Ia);Va=Wa}Va||ya&&Fa("1.9.1");F&&Fa("9");var Xa,K=0,L="",M=!1,N=!1,O=!1,Ya=!0,Za=!1,$a=[],I=null,P="",ab=[],bb=[],cb=!1,Q="",R="",db=(new Date).getTime(),eb=["1","0","3"],S=0,T=!1,U=!1,V="",fb=null,W=0,X=0,gb=0,hb=function(a,b,c){M&&(Ya||3!=(c||3))&&Y(a,b,!0);(O||N&&Za)&&Y(a,b)},ib=function(a,b){if(T){var c=V;try{a.localStorage[c]=b+"&timestamp="+n()+"&send"}catch(d){}}},Y=function(a,b,c){if((b=b||P)&&!cb&&(2==X||c)){var d=jb(b,c);!c&&U?(U=!1,fb&&(a.clearInterval(fb),fb=null),ib(a,d),5!=S&&Oa(a,d,function(){a.localStorage.removeItem(V)})):c||!T||7!=S&&6!=S?v(a,d,void 0):(b=function(b){b&&"error"==b.type&&ib(a,d)},void 0===a.navigator.onLine||a.navigator.onLine?v(a,d,b):ib(a,d));c?M=!1:cb=!0}},jb=function(a,b){var c;c=b?"osdim":O?"osd2":"osdtos";var d=["//pagead2.googlesyndication.com/activeview","?id=",c];"osd2"==c&&N&&Za&&d.push("&ts=1");L&&d.push("&avi=",L);Xa&&d.push("&cid=",Xa);0!=S&&d.push("&lsid=",S);U&&d.push("&cwls=1");d.push("&ti=1");d.push("&",a);d.push("&uc="+gb);c=d.join("");for(d=0;d<ab.length;d++){try{var e=ab[d]()}catch(f){}var g="max_length";2<=e.length&&(3==e.length&&(g=e[2]),c=r(c,z(e[0]),z(e[1]),g))}2E3<c.length&&(c=c.substring(0,2E3));return c},Z=function(a,b){if(Q){try{var c=r(Q,"vi",a);ia()&&v(x.contentWindow,c,void 0)}catch(d){}0<=sa(eb,a)&&(Q="");var c=b||P,e;e=r("//pagead2.googlesyndication.com/pagead/gen_204?id=sldb","avi",L);e=r(e,"vi",a);c&&(e+="&"+c);try{v(u,e,void 0)}catch(f){}}},kb=function(){Z("-1")},mb=function(a){if(a&&a.data&&l(a.data)){var b;var c=a.data;if(l(c)){b={};for(var c=c.split("\n"),d=0;d=e)){var f=Number(c[d].substr(0,e)),e=c[d].substr(e+1);switch(f){case 5:case 8:case 11:case 15:case 16:e="true"==e;break;case 4:case 7:case 6:case 14:e=Number(e);break;case 3:if("function"==aa(decodeURIComponent))try{e=decodeURIComponent(e)}catch(g){throw Error("Error: URI malformed: "+e);}break;case 17:e=ta(decodeURIComponent(e).split(","),Number)}b[f]=e}}b=b[0]?b:null}else b=null;if(b&&(c=new H(b[4],b[12]),I&&I.match(c))){for(c=0;cW&&2==X){var a=u,b="//pagead2.googlesyndication.com/pagead/gen_204?id=osd2&",c=[];c.push("ovr_value="+K);c.push("avi="+L);I&&(c=c.concat(Qa()));c.push("tt="+((new Date).getTime()-db));a.document&&a.document.referrer&&c.push("ref="+z(a.document.referrer));c.push("hs="+W);b+=c.join("&");try{v(a,b,void 0)}catch(d){}}},lb=function(a){var b=a.match(/^(.*&timestamp=)\d+$/);return b?b[1]+n():a+"&timestamp="+n()},ob=function(){var a={};Pa(I,a);a[0]="goog_dom_content_loaded";var b=Ra(a);Ma(function(){var a=Ta(!1),d=!a;!a&&u&&(a=u.parent);if(a&&a.postMessage)try{a.postMessage(b,"*"),d&&u.postMessage(b,"*")}catch(e){}})},pb=function(a){if(l(a)){a=a.split("&");for(var b=0;b<a.length;b++)a[b]==Ka.c&&(Ya=!1)}};p("osdlfm",A("osd_listener::init",function(a,b,c,d,e,f,g,k,t,y,q){K=a;Q=b;R=d;M=f;S=y||0;Xa=q;k&&pb(k);N=g&&f;1!=t&&2!=t&&3!=t||$a.push(Ja["MRC_TEST_"+t]);I=new H(e,ca());G(u,"load",kb,"osd_listener::load");G(u,"message",mb,"osd_listener::message");L=c||"";G(u,"unload",nb,"osd_listener::unload");var m=u.document;!m.readyState||"complete"!=m.readyState&&"loaded"!=m.readyState?("msie"in ja?ja.msie:ja.msie=-1!=navigator.userAgent.toLowerCase().indexOf("msie"))&&!window.opera?G(m,"readystatechange",function(){"complete"!=m.readyState&&"loaded"!=m.readyState||ob()},"osd_listener::rsc"):G(m,"DOMContentLoaded",ob,"osd_listener::dcl"):ob();-1==K?X=f?3:1:-2==K?X=3:0u.localStorage.length)&&(V="LSPNGS-"+I.toString()+"-"+(""+Math.random()).split(".")[1]+n());2!=X||!T||3!=S&&4!=S&&5!=S||(U=!0,fb=u.setInterval(ra("osd_listener::ls_int",function(){var a=u,b=V,c=a.localStorage[b];if(c)try{a.localStorage[b]=lb(c)}catch(d){}}),1E3));I&&(I.b||I.a)&&(W=1,J=u.setInterval(ra("osd_proto::reqm_int",ba(Ua,X,I,N,$a)),500))}));p("osdlac",A("osd_listener::lac_ex",function(a){ab.push(a)}));p("osdlamrc",A("osd_listener::lamrc_ex",function(a){bb.push(a)}));p("osdsir",A("osd_listener::sir_ex",hb));})();osdlfm(-1,”,’BkuwN5mX5VLPOOIOz8QOb24CIBgDVkaPf5gEAABABOAHIAQngAgDgBAGgBiHCEwMQgAE’,”,3345455139,true,false,”,0,0,”);
// ]]>

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Scontro tra clan, nuovi equilibri e tendenza a “farsi impresa”: la fotografia della mafia catanese nella relazione annuale della Dna

antimafia

La crisi della famiglia storica dei Santapaola, l’emersione di nuovi gruppi criminali, uno scontro al vertice della struttura mafiosa in provincia e la sempre più forte veste imprenditoriale di Cosa Nostra. Sono questi gli argomenti riservati alla trattazione dell’analisi della mafia catanese, effettuata nella relazione annuale della Dna

E’ una rappresentazione precisa quella che fa la Direzione Nazionale Antimafia, nella propria relazione annuale – compendiata in un documento di oltre 700 pagine – della situazione delle famiglie mafiose nella provincia etnea. Il documento, presentato nella Sala degli Atti Parlamentari della Biblioteca del Senato lo scorso 24 febbraio, analizza l’attività svolta dagli uomini della Dna nel contrasto alle varie mafie del Paese e alle loro ramificazioni negli ambienti economici e poltici.

Una cinquantina di queste pagine è riservata alla disamina delle condizioni di Cosa Nostra catanese, ritenuto non di certo dei migliori – a causa di una crisi economica che evidentemente tocca da vicino anche la criminalità organizzata – ma che ha determinato un mutamento della fisionomia mafiosa del territorio, nonché un confronti per il vertice fra i vari sodalizi criminali.

GLI EQUILIBRI SUL TERRITORIO – Una mafia, quella catanese, che vive anch’essa quel periodo di crisi economica che attanaglia tutti i mandamenti dell’isola e che ha determinato una fase di attendismo in tutte le sue articolazioni. Sullo sfondo, il confronto per la leadership di cosa nostra catanese tra la famiglia dei Cappello e quella dei Santapaola. Anche se non è possibile parlare di balcanizzazione della scena mafiosa, le difficoltà economiche vissute dalla storica famiglia etnea avrebbero generato la crescita di altri gruppi criminali, come Laudani, Cappello, Carateddi, Pillera, Cursoti catanesi, Cursoti milanesi, Sciuto- Tigna, Piacenti, Ceusi. Secondo la relazione, tali sodalizi mafiosi “profittando della situazione di difficoltà operativa vissuta dal clan Santapaola, hanno sviluppato una politica espansionistica volta la controllo delle iniziative criminali. Lo scenario complessivo – scosso altresì da tensioni createsi in seguito al transito di numerosi ex affiliati al clan Santapaola nel clan Cappello – risulta caratterizzato dalla ricerca costante di equilibri, invero instabili”, così come si legge nelle pagine della relazione.

UNA “COSA NOSTRA 2″: LO SCONTRO TRA SANTAPAOLA E CAPPELLO E L’INTERESSE DELLE FAMIGLIE PALERMITANE – Ma questa non sembra essere l’unica conseguenza sul territorio della crisi della storica famiglia mafiosa catanese. Infatti, sempre secondo il bilancio della propria attività della Dna, vi sarebbe l’interesse di alcune famiglie palermitane nel sostenere il tentativo di alcuni fuoriusciti santapaoliani nel creare una sorta di cosa nostra 2 catanese antagonista a quella storica dei Santapaola-Ercolano, insieme a cosche mafiose rivali gravitanti nell’orbita del clan Cappello (in particolare quella dei fratelli Bonaccorsi, intesi “Carateddi”).

Abbandonate, quindi, le comuni progettualità di governo delle attività criminali, la Cosa Nostra catanese gode di una sorta di autonomia istituzionale e gestionale e risulta, allo stato, slegata dai tradizionali vincoli associativi o federativi regionali. Ciò è conclamato, d’altra parte, dall’emersione (rectius: dal comprovato tentativo) delle nuove tendenze di alcuni gruppi catanesi (tradizionalmente distinti e distanti da Cosa Nostra) di proporsi come nuovi interlocutori. Ciò, invero, potrà generare nuove bellicose fibrillazioni sul territorio, laddove la famiglia Santapaola- Ercolano (all’interno della quale si sono accresciute le note e mai sopite vertenze per la leadership) vorrà riaffermare il proprio prestigio sia nei confronti delle cosche concorrenti sia nei confronti di chi, anche all’interno di Cosa Nostra palermitana, continua a perseguire l’intento di creare a Catania una nuova “famiglia” più allineata alle proprie esigenze strategiche”.

Una situazione che, però, i santapaoliani non sembrano di accettare di buon grado. Ed è questo uno dei principali timori dei magistrati della DNA: una nuova, cruenta, guerra di mafia tra i contendenti al controllo di Cosa Nostra a Catania e in provincia. Il ritrovamento – ed il successivo sequestro – di un enorme arsenale a Librino, in un territorio controllato dai Nizza, storici alleati dei Santapaola ha, da un lato, assestato un duro colpo alla potenza di fuoco del clan nel territorio ma, dall’altro, ha rinfocolato la paura di uno scontro a tutto campo tra le due famiglie mafiose. Si legge testualmente: “Il rinvenimento di un ricco arsenale di armi anche di uso bellico nel quartiere Librino di Catania, controllato dal gruppo dei Nizza, che costituisce all’interno del clan Santapaola l’articolazione che ha la maggiore disponibilità di denaro proveniente dal controllo della più importante piazza di spaccio delle sostanze stupefacenti – rende, quindi, assai grave e concreto il pericolo che i più autorevoli esponenti del clan Santapaola ancora in libertà possano progettare azioni criminali eclatanti”.

Anche se attualmente esisterebbe uno squilibrio tra le forze militari in campo a favore delle famiglie mafiose emergenti – Cappello e Carateddi in primis -, queste ultime non disporrebbero di un “codice genetico mafioso” (viene definito così nella relazione) che garantirebbe loro l’affermazione agli occhi delle famiglie palermitane. Codice genetico che, invece, sarebbe nelle corde degli storici capimafia catanesi.

LA TENDENZA MAFIOSA DI FARSI IMPRESA. IL PROCESSO IBLIS COME PARADIGMA – L’organigramma delle famiglie mafiose non è l’unico argomento sviluppato nella relazione della Direzione Nazionale Antimafia. Infatti, fortissima attenzione è riservata alle dinamiche economiche dei clan. Ed è qui che si legge della tendenza di Cosa Nostra a “farsi impresa”, cioè a dirottare i suoi interessi economici verso investimenti ordinari. Accanto ai tradizionali canali di approvvigionamento (definiti primari nella relazione) rappresentati da estorsioni, usura e traffico di stupefacenti, le famiglie mafiose catanesi si distinguono per la loro capacità di individuare nuovi circuiti economici e finanziari ai quali destinare i proventi delle più svariate attività delittuose col duplice scopo di incrementarli ulteriormente e nel contempo di ripulirli.

Nella relazione, il processo Iblis – che ha portato alla condanna in primo grado di Raffaele Lombardo e che ha sostanzialmente svelato l’intreccio tra politica e mafia – viene definito il “paradigma che consente di radicare il convincimento che soprattutto nella famiglia Santapaola-Ercolano sia, nel corso degli ultimi anni, intervenuta una sorta di riqualificazione o conversione strategica […] una metamorfosi lenta ed inarrestabile. Il processo Iblis che ha visto la condanna costituisce, come detto, non solo il paradigma dimostrativo della conversione strategica della famiglia di Cosa Nostra, ma anche della allarmante e radicata capacità pervasiva negli ambienti politico-amministrativi, essenziali per le associazioni criminali, in quanto, gestori di una massa rilevante di denaro pubblico, sfruttabili sotto il profilo dell’aggiudicazione di appalti, subappalti, forniture e servizi”.

Secondo gli uomini della Direziona Nazionale Antimafia la sempre più evidente veste imprenditoriale di cosa nostra sta determinando una conseguenza precisa, e cioè un inferiore ricorso alla violenza, in modo da non suscitare allarme sociale e quindi, limitare interventi repressivi da parte degli apparati dello Stato.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Avviso agli studenti di Bronte

vedo continui collegamenti sul mio blog per allerta meteo di domani.

Informo che fino ad ora il Sindaco non ha emesso alcuna ordinanza in quanto il dipartimento di protezione civile della Regione Siciliana per il nostro territorio ha inserito il codice arancione e non rosso quindi di scarsa allerta, anche se sono previste nevicate dai 600 agli 800 metri sul livello del mare.

Fino a questo momento domani tutti a scuola 

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Silvio e gli anziani

10260024_10202154511607772_8995193429335696160_n

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Helg, la mazzetta e i misteri dell’aeroporto “Ho sbagliato”, ma le indagini proseguono

LERMO – NUOVO INTERROGATORIO

Giovedì 05 Marzo 2015 – 15:54 di
Articolo letto 2.841 volte

SEGUI

Nuovo interrogatorio per l’ex presidente dalla Camera di commercio di Palermo. L’ex numero due di Gesap ammette di avere preso la tangente da 100 mila euro, ma parla di episodio isolato e si definisce “persona perbene”. Secondo i pm, però, potrebbe conoscere altri illeciti nella gestione degli appalti all’aeroporto. I magistrati chiedono che resti in carcere.

aeroporto falcone e borsellino, arresto, confessione, estorsione, inchiesta, mazzetta, palermo, roberto helg, tangente, Cronaca

PALERMO – Ribadisce di avere intascato la mazzetta “per bisogno”, ma parla di “un errore”.Un solo errore in una vita da “persona perbene”. Un bisogno legato al fatto che gli hanno pignorato la casa. Roberto Helg ammette le sue colpe, ma dice che si è trattato di un singolo episodio e non di un sistema rodato. “Ho agito da solo”, ripete ai pm.

Ma il sospetto dei pubblici ministeri è che la tangente estorta dal vice presidente della Gesap al pasticciere Santi Palazzolo possa essere il primo ma non l’unico caso. Il suo difensore, l’avvocato Giovanni Di Benedetto, parla di “uomo provato dalla vicenda”. L’interrogatorio di garanzia davanti al giudice per le indagini preliminari Angela Gerardi è durato poco meno di tre ore. Tutto incentrato dal presidente della Camera di commercio di Palermo sulle sue difficoltà economiche. E così, ad un certo punto, i pm Bernardo Petralia, Claudia Ferrari e Luca Battineri gli hanno chiesto quanto guadagnasse. Risposta: otto mila euro al mese.

Helg, ex numero due della società che gestisce l’aeroporto di Palermo, è stato arrestato dai carabinieri del Comando provinciale in flagranza mentre si faceva consegnare dal commerciante 100 mila euro, di cui trenta mila in contanti e 70 mila con un assegno in bianco a garanzia di successivi pagamenti da 10 mila euro al mese. Fatti gravi che configurano il reato di estorsione e per i quali i magistrati hanno chiesto che Helg resti in carcere. Il Gip nelle prossime ore deciderà sulla convalida dell’arresto e l’eventuale misura cautelare da applicare.

I pm, però, continuano a credere che Helg possa essere la chiave per conoscere i segreti dello scalo palermitano su cui sono già state aperte delle inchieste. Si indaga sulla gestione di alcuni vecchi lavori, forse rallentati dolosamente, e si sono accesi i riflettori pure sul progetto di privatizzazione del Falcone e Borsellino. Nella precedente indagine, quella sui cantieri lumaca, quattro persone sono state iscritte nel registro degli indagati: il direttore generale della Gesap, Carmelo Scelta (dalle nuove indagini è emerso che ha incontrato Palazzolo nella sua pasticceria di Cinisi per discutere del rinnovo della convenzione per gli spazi in aeroporto), dell’ex amministratore delegato Giacomo Terranova, dell’ex responsabile degli Affari generali e legali Vincenzo Petrigni, e di Giuseppe Listro, responsabile unico del procedimento di molti appalti.

Gli investigatori della sezione Reati contro la pubblica amministrazione della Squadra mobile stanno cercando di capire se sia stato un meccanismo illecito a bloccare i cantieri. Su delega del procuratore aggiunto Leonardo Agueci e dai sostituti Daniele Paci e Fabio Battinieri, ormai da mesi e in gran segreto, acquisiscono la documentazione degli appalti consegnata dalla Gesap che sotto la presidenza di Fabio Giambrone ha offerto collaborazione piena agli inquirenti. Dal canto loro gli indagati hanno sempre ricondotto tutto alla polemica che nei mesi scorsi ha visto opporsi proprio Scelta e l’ex dirigente dell’ufficio di polizia dell’aeroporto che ha avviato l’indagine. Scelta l’ha querelata per diffamazione.

Finora è filtrato poco dalle indagini, ma di spunti ne sono stati raccolti parecchi. È più di un’ipotesi che in passato alcuni bandi di gara possano essere stati strutturati per consentire aggiudicazioni pilotate. Non solo, qualcuno potrebbe avere zittito le voci fuori dal coro, cioè di coloro che avrebbero cercato di opporsi al sistema. Ecco perché, una volta venuta a galla la mazzetta, è inevitabile che i pm sperino che Helg possa dargli una mano per fare luce sui presunti illeciti commessi nello scalo. Sono state, infatti, le stesse parole pronunciate dall’indagato e registrate con il telefonico da Palazzolo a fare intuire che qualcun altro era informato dell’estorsione. Millantava o c’è del vero?

 

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Qualche proverbio siciliano

Marzu conza e guasta nè guvernu c’è chi basta.
Marzo aggiusta e sfascia e non c’è cura (governo dei campi) che possa bastare.
Sicilia


Marzu asciuttu frumentu ‘pi tutti.
Marzo asciutto grano per tutti.
Sicilia


Quannu unn’arrispunni a prima vuci è signu ca u riscursu un ci piaci.
Quando non risponde subito è segno che il discorso non gli piace.
Sicilia


Cun’appi n’appi cassateddi i Pasqua.
Chi ne ha avuto ne ha avuto cassatine di Pasqu(dolci con ricotta).(ormai non ne avrà più: sottinteso)
Sicilia


Capudannu, capu di misi,i cucciddati unni su misi?
Capodanno,capo di mese,i dolci ripieni di mandorle (caratteristici)dove sono nascosti?
Sicilia


Cu si loda s’imbroda.
Chi si loda si imbroda.
Sicilia


Biatu cu’ avi ad aviri e tintu cu’ avi a dari.
Beato chi deve avere e peggio per chi deve dare.
Sicilia


Lu malu varagnu è prestu cunsumatu.
Il guadagno disonesto viene consumato presto.
Sicilia


La puvirtà nun guasta la nubiltà.
La povertà non guasta la nobiltà.
Sicilia


Cu’ vinni, scinni e cu’ accatta acchiana.
Chi vende scende e chi compra sale.
Sicilia

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Sig. Sindaco da quando Bronte e’ diventata citta del vino?. Proposta al nuovo Sindaco di Bronte: ” regaliamo questo obbrobrio al Sindaco di Randazzo”

Perche’ offende l’orgoglio di un popolo brontese con una rappresentazione che e’ inopportuna con la citta’ del pistacchio?

 

5671529047_d7ab8f0c54_n

 

 

Cu zappa, zappa la so vigna. Cu megghiu zappa megghiu vinnigna.
Chi zappa, zappa la propria vigna. Chi meglio zappa meglio vendemmia.
Sicilia

 

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Qualche domanda a Firrarello

 

Questa era Piazza Spedalieri

1) Perche’ Sig. Sindaco non ha ritenuto opportuno consultare i cittadini di Bronte prima di modificare l’assetto storico di questa piazza?

2) Con quale titolo ha ritenuto opportuno giudicare valido il progetto di modifica della piazza?

3) Perche’ non chiedeva ai cittadini di Bronte con un referendum l’approvazione del progetto di modifica?

10805735_1382676652023932_8387859944798332836_n

 

10873496_10206050077520449_2776291002850201204_o0

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Bronte, i vanelli di San Giuseppe

11021082_10206371434034161_8028417560114879611_n 11036086_10206371419273792_8568993585958965571_n 11048661_10206371424913933_6672364601854429243_n

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Bronte veduta con Etna

10636524_844967052216781_867965330778385380_o

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 2.656 follower